ARCHITETTURA FARE PENSARE

Una mansarda con fitness

Nel centro di Vicenza un appartamento su tre livelli con largo spazio dedicato al fitness.

Progetto di: Chiara Visentin e Francesco Bortolini architetti
Testo di: Maria Galati architetto
Foto di: Athos Lecce

L’intervento ha come oggetto la ristrutturazione di un appartamento su tre livelli in un edificio storico nel centro di Vicenza. I materiali utilizzati per le finiture di questo palazzo sono quelli tipici della zona del vicentino: la pietra di Vicenza, di colore avorio chiaro, utilizzata non solo per i frontoni e le colonne, il marmorino e il grassello, anche questi usati per le finiture interne. La struttura si sviluppa su tre piani, piano terra, piano primo e sottotetto; il piano terra si affaccia sulla corte del palazzo un tempo adibita a ricovero carrozze e foresteria. La scelta progettuale degli architetti vicentini Chiara Visentin e Francesco Bortolini (Archidue Studio) è stata da una parte quella di conservare lo stato delle cose utilizzando il più possibile i materiali originali; dall’altra, assecondando il gusto dei giovani proprietari, quella di ricercare pezzi di antiquariato esotico, inserendoli all’interno degli ambienti con una funzione diversa;infine l’uso di materiali e rivestimenti utilizzati in modo ironico.

Al design si accostano pezzi di antiquariato esotico.

Divani Saba; abat-jour “Bourgie” di Ferruccio Laviani, Kartell. Chaise longue Luigi XV ricoperta con tessuto zebrato, Compagnie des Etoffes; lampada da tavolo, Fontana Arte. Pavimenti in seminato alla veneziana, Simta.

La zona mansardata è stata progettata in modo da creare degli ambienti spaziosi ed aperti. La cucina si apre sulla sala da pranzo dove è stato realizzato un angolo relax con camino. I padroni di casa, due giovani imprenditori nel campo della moda, visto il poco tempo disponibile, hanno chiesto agli architetti Visentin e Bartolini che progettassero uno spazio – benessere, dove rilassare il proprio corpo e la propria mente. Il piano terreno è stato così trasformato in una piccola palestra completa di macchine ed attrezzi. Il locale non è grandissimo, ma il gioco dei grandi specchi creato come rivestimento delle pareti ha fatto sì che sembrasse molto più spazioso. La zona fitness e la sauna è stata collocata al piano terreno, mentre la zona relax è stata progettata nella zona soppalcata.

FRANCESCO BORTOLINI e
CHIARA VISENTIN, architetti
Nati entrambi nel 1967 rispettivamente a Roma e a Padova, Bortolini si è laureato all’Università La Sapienza della sua città, la Visentin si è formata allo IUAV di Venezia e attualmente insegna Progettazione Architettonica alla Facoltà di Architettura di Parma. Entrambi fondano nel 2006 l’Archidue Studio con sede a Vicenza. Da anni lavorano e scrivono singolarmente sui temi dell’abitazione, dell’allestimento
museale e del rapporto tra l’arte e l’architettura.

Il sottotetto è valorizzato dalle travi in
legno di recupero e dalle tavelle in cotto.

Tessuti e tappeto, Compagnie des Etoffes; lampade da comodino di Fortuny (Venezia). Sedie di Comini Modonutti; tavolo su disegno; tessuti e tappeto, Compagnie des Etoffes; lampada a boule,Fontana Arte; lampada da terra Catellani&Smith.

Lo “spirito del tempo” è rappresentato dall’area benessere

dove la tecnologia è al servizio della qualità della vita.

Nelle foto: Macchine, Tecnogym; lampade a sospensione, Ikea; lampada a boule, Fontana Arte; sauna in rovere e hemlock, Effegibi.Sanitari, Ideal Standard; rubinetteria, Grohe.

La zona fitness e la sauna vengono dilatati da un gioco di specchi


Qualità dell’intervento

L’idea base del progetto: un intervento conservativo che rispetta la storia di un palazzo storico vicentino, e una nuova interpretazione di pezzi di antiquariato esotico accostati a finiture e rivestimenti moderni. Uso dei materiali: la valorizzazione del sottotetto con il recupero delle travi in legno a vista originali e delle tavelle in cotto della copertura interna; per le pareti, l’uso dello spugnato dai colori caldi. Nella piccola palestra, l’ uso di specchi alle pareti per farla sembrare molto più spaziosa, e come pavimento l’ uso della resina e delle doghe in rovere per la zona soppalcata. Innovazione: la realizzazione al piano terreno della zona fitness: una vera e propria palestra dotata di macchine ed attrezzi con bagno e sauna, e nella zona soppalcata un angolo relax.  

condividi :
Luoghi e memorie
18/12/2006
Decori Liberty
01/09/2005