ARCHITETTURA FARE

UMIDITÀ, DAL PROBLEMA ALLA SOLUZIONE

Nella chiesa del Crocefisso ad Andria l’umidità di risalita aveva ammalorato le superfici sia esterne sia interne delle pareti, con grave danno anche per la qualità dell’ambiente nella chiesa. Il risanamento delle pareti è stato seguito dall’Arch. Emanuele Calvi che riferisce: “Ho sentito parlare per la prima volta del dispositivo BIODRY dal Parroco, don Cosimo; dopo un’attenta analisi, sia del funzionamento, sia delle referenze, e insieme al Dr. Giuseppe D’Angelo che con me ha curato i lavori di restauro, abbiamo deciso di installare il dispositivo BIODRY. Lo staff tecnico ha rilevato da subito un netto miglioramento del microclima all’interno della chiesa e gli architetti hanno notato un abbassamento della linea di bagnasciuga e della formazione di cristalli di sale (segnale che i muri si stavano asciugando). Tutto questo già dopo il primo sopralluogo.”
L’umidità capillare di risalita è un problema molto diffuso negli edifici a contatto con il terreno: l’acqua presente nel terreno, per le proprie caratteristiche chimico-fisiche, tende a risalire attraverso i capillari dei materiali che costituiscono il muro…

L’articolo completo è disponibile in
CHIESA OGGI 101 
Acquistalo online, o su www.lekiosk.com !

condividi :
EKONO PACHECO – Il commercio, gli incontri
29/07/2010
INTERNI TRADIZIONALI
08/03/2010