PENSARE

La nuova tradizione del decoro

In montagna, in ogni zona delle nostre Alpi, esiste una grande tradizione nell’ornamento delle architetture spontanee, che in passato ha raggiunto vere e proprie forme di arte e che ci ha tramandato esempi di grande bellezza. Oggi, dopo un periodo di oblio, questa nobile forma decorativa è tornata in auge grazie all’abilità di alcuni artigiani come quello che qui presentiamo.
La decorazione deve essere studiata per ogni edificio tenendo conto degli spazi bianchi, delle dimensioni delle finestre e del colore dell’intonaco. Non deve risultare invadente ma esaltare la casa nel suo insieme. Può essere tradizionale o moderna o entrambe.
Nelle foto presentiamo una porta tagliafuoco in alluminio, trasformata pittoricamente in una antica porta in legno, usurata dal tempo con il nonno gnomo che esce dal foro a quadrifoglio, intento a issare il nipotino al interno della porta del mini club per i bambini.

Una bellissima decorazione parietale, con forti ispirazioni Liberty, sullo sfondo di un tipico paesaggio alpino.
Nelle altre immagini è illustrata la bella realizzazione artigiana di una porta tagliafuoco (elemento indispensabile ai fini della protezione antincendio per tutti i locali pubblici o aperti al pubblico che superino le soglie di carico d’incendio), che solitamente è un elemento molto tecnico e privo di design e d’estetica: qui il sapiente intevento dell’artigiano-artista l’ha saputa trasformare in un punto di forza, nella narrazione di un episodio che si connette alla sicurezza anticendio, in modo che fosse direttamente comprensibile al pubblico infantile che frequenta il locale (un miniclub); vengono usati solo pigmenti naturali, per una maggiore ecocompatibilità e sicurezza d’uso.
(Alberto Detomas)Le nostre pitture e decorazioni per interni e per esterni
www.albertodetomas.it

condividi :
3°Meeting Assopiscine: mercato e formazione editoriale
03/07/2006
Ristrutturazione di un casale d’epoca a Ferrara
31/07/2005