ARCHITETTURA FARE

Torre che si erge nella brezza

CONCEPITA COME LUOGO DA CUI GODERE IL PANORAMA CIRCOSTANTE, LA TORRE SORGE SUL DECLIVIO CHE PORTA AL LAGO TRAVIS IN TEXAS, E SI ELEVA CON LE PARETI FATTE DI DI ASSI DI LEGNO BRUNITOÈ un progetto per una casa per le vacanze, presso il lago Travis, il più esteso tra gli specchi d’acqua che si dilatano sui dolci declivi della campagna a ovest di Austin, nel Texas. Il sito è caratterizzato da una macchia ombrosa di alberi di cedro e di quercia. La richiesta del committente era di rinnovare una casupola in pietra, nella quale si trovava una sola piccola stanza da letto oltre al soggiorno e al porticato verso il lago, aggiungendo ulteriore spazio due camere da letto e un soggiorno che consentisse di ospitare un gruppo di amici.La soluzione è stata di rispettare il profilo del basso edificio esistente, avvicinando a questo un nuovo edificio a torre, che consentisse di godere appieno del panorama lacustra. Così le due camere da letto addizionali sono state collocate al piano terra e al primo piano della piccola torre: il terzo livello, il più alto ospita un terrazzo coperto, un salone aperto verso il lago.
Si potrebbe immaginare che il concetto della torre in legno su zoccolo in cemento rivestito in pietra, sia partito dall’alto per poi scendere verso la terra, perché la terrazza coperta è intesa quale luogo ombreggiato posto a un’altezza tale (nove metri circa nella parte superiore) da catturare la brezza del lago.Questa situazione infatti consente che anche sotto il sole battente delle estati texane la temperatura sia gradevole. E se dal porticato del vecchio edificio in pietra il lago può essere immaginato ma non guardato, dalla terrazza del nuovo edificio in legno la vista spazia ben oltre lo specchio d’acqua, sulle colline che lo racchiudono da sponda opposta. Il disegno può ricordare quello delle antiche torri per l’avvistamento o per la caccia che tradizionalmente si erigevano nei boschi al fine di permettere alla vista di inoltrarsi verso l’orizzonte, passando sopra la chioma degli alberi. Il pregio architettonico si manifesta nella perfezione dei particolari, nel gusto delle finestre angolari che aprono spazi di luce entro il volume, nella regolarità delle doghe disposte orizzontalmente a ritmare le facciate con regolarità che continua anche nella porta. L’artefatto sovrasta la natura e la accarezza, ma non la schiaccia.Arthur W. Andersson e F. Christian Wise hanno costituito il loro studio associato nel 2001, dopo una collaborazione quindicennale con Charles W. Moore, che è considerato uno dei maggiori progettisti e teorici del XX secolo. Elaborando quelle idee, Andersson Wise Architects, in cui operano una decina di professionisti, ha prodotto opere di eccellenza in campo pubblico, privato, religioso, istituzionale. Con la loro opera Anderson Wise Architects cercano di recuperare il significato simbolico dell’architettura mentre evidenziano la connessione fisica e storica col sito, elaborando i loro progetti in collaborazione col committente.

condividi :
INTERBAD a Stoccarda dal 9 al 12 ottobre 2012. La fiera delle SPA e delle Piscine
13/06/2012
Pavimenti
31/07/2005