FARE

Stufe e camini


L’estetica del fuoco: accento per l’interior design.

L’offerta di modelli e tipologie non è mai stata tanto ricca e variegata quanto oggi. Nelle forme, nelle
dimensioni, nelle prestazioni, nei colori, nei materiali. Al centro della ricerca, da un lato l’inserimento gradevole e significativo in ogni ambiente, tenendo presente che il camino è inevitabilmente protagonista dell’arredo. Dall’altro la resa energetica nel rispetto ambientale: il camino è una valida alternativa per il riscaldamento.

Dalla strada che conduce a San Casciano, sorge, con la massa bruna delle sue vecchie e solide mura, sulla cima pianeggiante del colle di Argiano lungo la via Empolese, una tra le più belle e antiche ville di San Casciano. Arrivando non si scorgono né la villa né il giardino, ma superato il cancello della proprietà la campagna toscana si rivela in tutta la sua esuberanza e freschezza, in tutto il suo colore argenteo e caldo degli ulivi che abbracciano per quattro ettari la villa. Dal lato del giardino vi è un portico elegante che invita all’ingresso con colonne di stile toscano, mentre tutte le
porte e le finestre sono decorate di pietrami di un purissimo carattere rinascimentale.

Nelle foto: Il camino di design, modello “Goa”, Palazzetti
Il disegno classico: la cornice modello “S13” di Savoia, in marmo o pietra, lucida o levigata.

angoli di calore “ecologico”

Il camino “Alma” nasce dalla collaborazione tra lo Studio di design “Forfun” e l’esperienza e il know how di
Palazzetti, una fra le aziende leader nella produzione di camini e stufe. È un esempio eccellente di elemento
che riunisce qualità prestazionali offrendo un’estetica di grande significato. Un volto inedito, accattivante, che
ha qualcosa di primitivo nell’evolversi della forma del bulbo che cerca di sbocciare verso l’alto. E l’asimmetria
della rotondità di base conferisce un misterioso dinamismo alla pur notevole gravità dell’immagine. Ma, e qui
sta un altro aspetto della sua modernità, all’estetica si unisce la parte “etica”. I camini Palazzetti, nel contesto
della crisi energetica e del problema ambientale, si presentano come un’alternativa agli altri impianti di
riscaldamento: non solo in campagna, ma anche in città.

Oggi si parla molto di “biomasse”, un termine complesso
per una realtà molto semplice. Il legno è biomassa, e la sua evoluzione tecnologica finalizzata alla combustione pulita è costituita dai “pellets”, le pastiglie derivanti da scarti di legname. Non è un caso che, tra i produttori europei di camini, Ruben e Marco Palazzetti siano stati invitati al workshop organizzato da AEBIOM
(European Biomass Association) intitolato “Proposte per incoraggiare l’utilizzo delle biomasse nel settore del riscaldamento in Europa”. Il riscaldamento assorbe da solo quasi la metà del fabbisogno energetico. Entro il 2020 il 20 per cento di questo fabbisogno dovrà derivare da fonti alternative e rinnovabili. I camini a legna o a pellet sono, in quest’ottica, oltre che un elemento di pregio per l’arredo, un investimento sicuro per il futuro.
Come un mare in casa. Com’è noto, la grande massa d’acqua funge da
“volano termico” e rende mite il clima lungo le coste: d’estate il mare assorbe il calore del sole e lentamente lo restituisce d’inverno. L’ambiente è temperato. Forse il paragone è azzardato, ma le stufe ad accumulo termico Tulikivi (nella foto, il mod.
“USA”), in pietra ollare, hanno lo stesso effetto. Grazie al suo elevato peso specifico, la pietra ollare (nota per questo fin dall’antichità) accumula calore e lo riversa lentamente intorno: per ore, per giorni. Un calore naturale. Come il mare. Le stufe Tulikivi sono distribuite in Italia da Eurotrias.
Una scheda elettronica riconosce il tipo di pellet utilizzato e su questo tara il funzionamento. Usano pellet in legno o derivati dal mais e dai cereali. Regolano automaticamente la combustione per mantenere la temperatura ambientale desiderata. Il sistema di autodiagnosi monitorizza il funzionamento: in caso di problemi provvede allo spegnimento. Sono alcune qualità delle stufe Tecno Cover, distribuite col marchio “Veneto Stufe”. Nella foto, il mod. “Luna”.
La stufa in ceramica: grande, bella, decorata, autentico “luogo” centrale dell’abitare, è da secoli frutto di arte
sopraffina. Le stufe ceramiche Zardini (nella foto, il mod. “Muletto”) sono mirabili gioielli dell’arte alpina, per riscaldare in modo salutare.
Un tempoil camino era una centrale termica: l’unica fonte di
calore della casa, occorreva raccogliervisi attorno per scaldarsi. Poi sono venuti i riscaldamenti centrali, l’acqua calda corrente….
Oggi i camini Edilkamin uniscono il nuovo e l’antico: la bellezza e la funzionalità. Sono una vera e propria centrale termica per tutte le necessità della casa. Le termostufe producono acqua calda per l’alimentazione dell’impianto dei termosifoni e del circuito di acqua sanitaria. Sono installabili in appartamenti e case a più piani senza condizionare le planimetrie esistenti. E i camini a muro sono un vero spettacolo: dietro al cristallo protettivo la fiamma brucia pulita, irraggiando non solo calore, ma lo splendore dei suoi cangianti colori. Passato e presente si toccano: il gusto atavico del fuoco goduto in tutta la sua forza attraverso la grande finestra chiusa, la sicurezza
di un impianto moderno e funzionale. Nella foto, il mod. “Bixbox-acciaio”.
Acciaio e marmo: lisce superfici che danno un tono tecnologico accanto a un materiale antico. Jolly Mec realizza camini per il riscaldamento ad aria umidificata, dotati di sistema di canalizzazione che riscalda
tutta l’abitazione in modo salubre (si regola temperatura, umidità e, se desiderato, diffusione di aromi) senza impianti idraulici.
L’alternativa per chi non desidera legna o pellet; il fuoco facile: basta un click. Camini elettrici o a gas dalle linee raffinate, capaci di disegnare la forma del fuoco. British Fires propone camini elettrici con effetto fiamma e termoconvettore, rivestimenti in legno o marmo, accessori in stile inglese. La sicurezza dell’interruzione automatica del gas in caso di necessità, consente di lasciare il focolare acceso a volontà. La possibilità di controllo della forma della fiamma (nella foto, il mod. “Open Fire”) consente un abbinamento altrimenti difficile: camino e televisore. La semplicità di controllo, la pulizia, l’assenza di elementi di contorno quali il portalegna, la possibilità di ottenere un’immagine di fiamma proprio come la si desidera, fanno dei camini elettrici o a gas elementi di assoluta versatilità.

Verniciati, porcellanati, neri, grigi, bianchi, marroni,
in acciaio inox… i tubi per i fumi compaiono qua e là. A volte sono così belli che si vogliono ostentare.
Sicuri e attrezzati: di Save Fumisteria.

In Edicola

Progetto fuoco

Il fuoco per la casa del XXI secolo, l’età della maturità ecologica: il fuoco responsabile. Dall’estetica alla funzionalità, dal rendimento al rispetto ambientale. Tutto sui camini, in un contesto che consente un confronto tra i numerosi produttori. Questo e altro è “Progetto Fuoco”: la mostra internazionale giunta alla VI edizione (Fiera di Verona, dal 24 al 27 gennaio 2008) consente di osservare e confrontare oltre 220 stufe e camini italiani
e esteri, offre un panorama completo di caldaie, barbecue, bruciatori, comignoli, silos, strumenti di misura e controllo, macchine per produrre pellet, ecc. In mostra anche impianti di potenza a biomasse, per un’energia pulita e rinnovabile. È presente AIEL (Associazione
Italiana Energie Agroforestali). Tavole rotonde, corsi e convegni di approfondimento.
Per informazioni: www.dibaio.com

l’equilibrio della sobrietà

C’è un gusto speciale che la modernità ha contribuito a elevare alla massima potenza, verso la semplicità e la linearità… nel design minimalista questo ha l’espressione più completa.
Nei focolai Waco&Co® distribuiti da Mont – Export la linearità del design contemporaneo trova
un mirabile equilibrio. È una soluzione che pone in evidenza la libertà nell’organizzazione spaziale degli ambienti: il fuoco si contiene in una “linea”. I focolai monoblocco (nell’immagine un modello
a gas), aperti o chiusi, anche a legna si contraddistinguono per la sobrietà. Nei modelli a gas la lunghezza della fiamma può arrivare a 250 centimetri e il letto di fuoco può essere ricoperto di ciottoli di lava o carrara split.

L’altezza delle fiamme è regolata da un telecomando. I monoblocchi chiusi a gas hanno eccellenti
rese termiche e possono ospitare anche tronchetti ceramici. Nell’immagine “Pi – ko” una stufa – caminetto Austroflamm sempre distribuita da Mont – Export.

Innovazione nella continuità: il segreto della classe Supra. Il nome contiene già il programma: un calore prodotto con sistemi che consentono una durata eccezionalmente lunga de
l fuoco: la doppia combustione ovvero un fuoco continuo per 10 ore di fila. È il brevetto Supratherm, che raddoppia la durata della produzione di calore con un carico di legna. Il focolare chiuso (sopra il mod. Alsace, sotto il mod. Selestat) ha un disegno tradizionale ed è realizzato in ghisa.

Gli elementi Supratherm sono composti con un materiale specifico a base di alluminio, di colore scuro, e consentono un forte accumulo di calore e la sua lenta dispersione all’interno dell’ambiente. Gli elementi restano nascosti entro la carenatura di finitura della stufa.
Costituiscono una massa di accumulo che dà un’eccellente resa termica.
Un disegno nitido, equilibrato e tradizionale.
Un volto amico, simpatico, per prestazioni eccezionali.

Radicato nel presente, capace di raccogliere le suggestioni dell’eleganza contemporanea il design dei camini “Focus” distribuiti da Celsius Italia rifonda nell’oggi la centralità del camino: nella casa, nell’ufficio, in ogni ambiente. Nella foto, il mod. “Filofocus murale”.
Camini che nella loro verticalità sfidano la gravità stessa
e restano come sospesi a mezz’aria.

Il sistema di combustione Woodbox®, brevettato
da Nestor Martin è il progresso più significativo nella tecnologia della combustione a legna degli ultimi dieci anni. Offre un elevato
rendimento, consumi ridotti, scarse emissioni inquinanti, reattività ed un effetto di fiamma
spettacolare. Con i modelli Woodbox® per la prima volta, stufe e inserti a legna sono dotati di
telecomando termostatico programmabile.

Non c’è produzione standard, ma solo personalizzazione. Le grandi stufe in ceramica di
Vandini sono realizzate in loco, studiate appositamente
per l’ambiente in cui sono poste: secondo l’antica tradizione delle stube del Trentino.
Hanno un forte accumulo termico che minimizza il consumo. Calore su misura.

La forza della produzione artigianale e la forza
della storia. Leardini Luperio recupera marmi
antichi: cornici per camini che hanno visto trascorrere
i secoli e ancora splendono di nuovo
vigore. Nobile dignità per la casa contemporanea,
autentici protagonisti in una dimora storica.

Un’antica fumisteria nel centro di Milano: generazioni di esperienza per una paziente, continua ricerca di oggetti di recupero. Elementi nobilitati dal tempo, reperiti in
mezza Europa, ripuliti, ripristinati, rinnovati. L’antica Fumisteria Vigorelli offre stufe, cornici, alari, paracenere, chenett, guarnizioni, parascintille… Il fascino del tempo e
lo splendore della novità. L’arte antiquaria al servizio dell’oggi.
La stufa smaltata fa rivivere la “belle epoque”. Solo a
guardarla riscalda il cuore.

 

condividi :
Il design che evidenzia lo stile
28/01/2008
Noce Moscata
28/10/2008