ARCHITETTURA FARE

Struttura lucente, trasparenza cristallina


Hinterland di Milano. Concessionario di automobili – Progetto ODB Architects

Lo studio ODB Architects dell’architetto Ottavio Di Blasi progetta una scala elicoidale che avvolge diafana una colonna-ascensore di cristallo.

Alle porte di Milano, il concessionario di automobili Renord segnala la sua presenza mettendo in mostra i più recenti modelli di vetture nelle vetrine e sul piazzale antistante.
Lo spazio espositivo all’interno acquisisce immediatamente un più elevato grado di libertà grazie all’imponente e trasparente complesso scala-ascensore che può essere considerata come “macchina architettonica”.
Presenza di valore semantico il blocco rende visibile e transitabile la dimensione verticale grazie all’agile movimento
elicoidale che si avvolge sinuoso e leggero.

OTTAVIO DI BLASI, architetto, si è laureato a Milano e ha
compiuto le sue prime esperienze al Renzo Piano Building
Workshop di Genova. Nel 1988 con Paolo Simonetti apre a
Milano lo studio ODB Associati. Lo studio pone attenzione
all’uso di materiali e tecnologie avanzate, al controllo della
luce e dell’ambientazione. Tra le sue realizzazioni: tre chiese nuove a Bari, edifici industriali e residenziali; interventi conservativi. In attesa di realizzazione il progetto vincitore del concorso internazionale bandito dall’Unesco e dall’Unione degli Stati Africani per un Museo sull’epoca dello schiavismo a Dakar (Senegal).

Lo Studio ODB Architects ha sviluppato il progetto con la consueta maestria, capace di coniugare tecnologia e design secondo scansioni ritmiche e armoniche, così che la forma risulta dalla funzione stessa della struttura. Scala e ascensore formano un’unità articolata nella logica che gli è propria. Ognuno dei due elementi si manifesta nella funzionalità ottimale, ravvisabile nelle dimensioni dei gradini e nella pendenza dello sviluppo come nei profili verticali che accompagnano il vano.

In Edicola

Vista dell’ampia scala a chiocciola dalla facile praticabilità;
il gruppo nella sua interezza risalta nella lucentezza dei materiali (Foto ODB Architects).

L’architettura si realizza nella lucentezza dell’acciaio e nella trasparenza del cristallo, mentre quel progredire a elica si propone come segno di familiarità organica. È costrutto autosussistente ma anche gesto che reinterpreta lo spazio come occasione di un nuovo dinamismo. L’accostarsi di scala ed elevatore, ciascuno nella sua originalità, designa un tutto compiuto: non “una” scala con “un” ascensore, ma l’equilibrato archetipo di un organismo nuovo.

 

condividi :
Inserite in ogni contesto : Piemme Scale
01/09/2005
La maiolica: bellezza e tradizione
13/12/2006