ARCHITETTURA PENSARE

spotlight la storia di un progetto illuminotecnico

In ogni momento della giornata viviamo scenari di luce naturale diversificati, che variano anche secondo le stagioni dell’anno e delle condizioni meteo: la direzione e l’intensità della luce naturale in tutte le sue sfumature fino al buio, modificano la resa cromatica e di conseguenza la percezione complessiva della Chiesa in maniera incontrollabile.
Per assicurare una adeguata scenografi a luminosa alla Liturgia diviene quindi indispensabile intervenire sul controllo della luce artificiale. Momenti carichi di emozioni come il Natale e la Pasqua hanno un messaggio forte da trasmettere, che deve essere valorizzato dalla luce, diversificandosi dalla quotidianità grazie ad una regolazione e regia luminosa attenta e proattiva.
La Liturgia nella Settimana Santa, ad esempio, con il culmine nella Liturgia della Luce della veglia Pasquale, esige un accurato controllo delle luminanze con un crescendo mistico dal buio verso la Luce.La liturgia deve infatti essere vissuta al buio, con la sola luce del Cero Pasquale simbolo di Gesù Risorto e con la progressiva accensione delle candele da parte di ciascun fedele.
La Luce di Cristo che risorge glorioso, disperdendo le tenebre del cuore e dello spirito, viene quindi simboleggiata dal punto di vista estetico da un tripudio di intensità dell’illuminazione artifi ciale.
Il gioco tra le tenebre e la luce, tra la notte che diventa più luminoso del giorno esige la possibilità di un accurato controllo delle luminanze che gradualmente vanno a crescere come lo farebbe la luce naturale, vale a dire senza accensioni brusche e “shock” visivi ma con grande morbidezza e naturalezza, in armonia con la calda luce delle candele.
Come nel momento della Pasqua, che è la Liturgia più intensa a livello simbolico per la nostra Fede, così in tutte le celebrazioni, dalla liturgia feriale, diurna o serale a quella festiva-solenne, sacramentale, battesimale, matrimoniale, funebre, la possibilità di regolare le luci e la loro intensità dà la possibilità di creare scenari luminosi suggestivi per massimizzare il rendimento simbolico del rituale.
Nel progetto della Chiesa di Brembate è stato realizzato un impianto illuminotecnico di avanguardia che, anche grazie all’utilizzo di molti corpi illuminanti LED dotati di default di una sofisticata elettronica interna, si presta alla regolazione della luce ed al dimmeraggio delle intensità.Contatta l’esperto Spotlight se hai un progetto illuminotecnico da realizzare.


condividi :
Editoriale – Rivoluzione Creativa
01/09/2011
In un’antica officina milanese
08/11/2012