ARCHITETTURA

Alta flessibilità

Immersa nel verde della campagna dell’alto cremasco, in questo contesto si colloca la Residenza Sanitaria Assistita, una struttura residenziale dedicata a persone anziane che necessitano di assistenza infermieristica, interventi riabilitativi ed assistenza psicologica.
BIONODE e la sua equipe hanno realizzato un modello abitativo assistito che soddisfi i requisiti di comfort della persona anziana, garantendole una condizione abitativa, ambientale e psicologica ottimale.
Da qui il progetto di un edificio a corte, che riproducesse il contesto abitativo più diffuso e consolidato nella nostra memoria storica; un edificio monopiano facilmente percorribile e fruibile senza barriere architettoniche, che consentisse di valorizzare lo scambio tra edificio ed ambiente e che ponesse particolare attenzione alle condizioni microclimatiche attraverso il controllo delle caratteristiche geometriche, localizzative e tecnologiche della costruzione edilizia.
La struttura ha raggiunto la classe d’eccellenza secondo i parametri del CENED della Regione Lombardia, per edifici a risparmio energetico, risultato che esprime al meglio l’ottimo livello di isolamento termico ottenuto, grazie alla composizione altamente performante dell’involucro e all’applicazione attenta di tecnologie impiantistiche d’avanguardia.Ciò si traduce in un costo per la gestione climatica nettamente inferiore, essendo necessaria meno energia sia per il riscaldamento che per il raffrescamento.
Ad esempio, nella fase di collaudo estivo con situazione di 34°C esterni, si sono registrati dati di temperatura ambiente interna pari a 23°C, con solo l’utilizzo di ricambi d’aria primaria.
Il sistema costruttivo scelto per la realizzazione di questo edificio – a struttura portante in  legno di tipo timber frame – è frutto di un’approfondita ricerca sulle proprietà del legno come materiale edile.
Inoltre, la scelta di materiali eco-compatibili (marchiati Naturplus), l’impiego di risorse della natura – attraverso pompe di calore geotermiche alimentate con acqua di falda e il sistema fotovoltaico – e l’uso di impianti per il riutilizzo delle acque piovane, ne contraddistinguono l’approccio complessivo alla sostenibilità del costruire e del vivere l’edificio, assicurando così ai suoi ospiti un benessere abitativo superiore.
Grazie allo studio esecutivo preventivo, l’intera struttura è stata realizzata in 12 mesi.
La grande flessibilità di questo sistema costruttivo a telaio in legno permette di realizzare velocemente progetti di qualsiasi tipo, dalla casa unifamiliare al complesso residenziale agli edifici pubblici.Il sistema costruttivo a telaio in legno ha una struttura costituita da un telaio in legno massiccio e rivestimenti piani con pannelli a lastre di legno o in gesso fibra.
I materiali per l’isolamento sono collocati negli spazi vuoti tra i telai e garantiscono un ottimo risultato; il freno al vapore collocato nel lato interno e un telo frangivento posto all’esterno impediscono la formazione di condensa all’interno delle pareti e la penetrazione di aria fredda nell’edificio.
Questa tecnica è diventata un classico avendo dimostrato il suo ottimo rapporto qualità prezzo.
Il telaio strutturale viene creato con legno di abete giuntato, un prodotto altamente stabile e idoneo a questo tipo di impiego.
All’interno del telaio vengono interposti 14 cm di isolante in fibra di legno con una densità tale che permette di tutelare da climi freddi e aumentare le prestazioni acustiche.
Il telaio e gli elementi all’interno vengono racchiusi da due pannellature OSB da 15 mm con funzione strutturale e controventante.
Le pareti studiate dallo staff tecnico BIONODE garantiscono altissime performance da un punto di vista strutturale, sismico, di isolamento termico acustico e di gestione igrometrica dell’ambiente per assicurare un comfort abitativo ideale.Costruzioni in Bioedilizia
www.bionode.it

condividi :
La cucina dell’architetto
15/02/2007
Benessere e divertimento
06/09/2012