ARCHITETTURA

SEDUTE & comfort

La vera novità nelle sedute outdoor è la qualità tecnica dei tessuti: non solo sono impermeabili e ignifughi, ma resistono anche alle piogge acide e ai raggi UV. Belli e funzionali dunque, pensati per durare.

Il design outdoor ricalca lo stile minimal degli interni. Le sedute sono essenziali e tendono a spogliarsi di tutto quel che è morbido per trasformarsi in asciutte strutture di tela e metallo. A tanto rigore fanno da contrappunto pannelli frangivento in metallo traforato che aumentano sia la privacy sia l’effetto scenografico. E grazie ai nuovi materiali si può uscire dalla piscina grondanti d’acqua e sdraiarsi senza problemi anche sul divano. Se poi cade la sigaretta nessun problema: i nuovi tessuti sono veramente ignifughi. Tutto questo grazie alla tecnica. Per l’estetica due sono le scuole di pensiero: la squadrata e la curvilinea. La prima molto tradizionale ed essenziale, la secondo più fantasiosa e con forme decisamente accoglienti e materne.1. “Bloc”, è un sistema modulare di imbottiti da esterno progettati da Marck Gabbertas.
È un’interpretazione geometrica dei nuovi trend di arredamento per esterni, Gloster.
2. ”Caprice” è il nome di un pannello in lamiera zincata di ferro forato, verniciato a polveri nei colori bianco e grafite, che taglia il vento e dà privacy, Unopiù.
3. ”Submarine”, è uno stilizzato lettino a dondolo in teak e acciaio tubolare a sezione rotonda, adatto per prendere il sole in dolce movimento, TPL Teakparkline.
4. “Pure Sofa” è un sistema di divani componibili da giardino disegnato da Andrej Munteanu. Si basa su tre elementi: i fianchi, la seduta e la spalliera. Della belga Tribù.
5. “Fly” è un’elegante panca da giardino con struttura in legno e acciaio, e imbottitura in poliuretano. “And”, una seduta imbottita della collezione Mohdo. Schönhuber Franchi.
6. Sedute: “Babylon” con corda grossa di Giopato & Coombes ,“Swirl” in tondino verniciato e “Kente” in fettuccia sintetica entrambi di Philippe Bestenheider, prodotti da Varaschin.
7. ”Breez”, lettino prendisole in tubolare e rete intrecciata di Karim Rashid, Talenti.
8. “E-Z” amaca minimal in acciaio e tessuto indistruttibile Batyline, Royal Botania.

condividi :
Per riscaldarsi con un fuoco continuo
17/10/2005
Premio di Architettura e Cultura Urbana
20/09/2006