PENSARE

SCULTURE DELLA FEDE

La creazione artistica a confronto con le tematiche della sacralità: il compito arduo di rendere visibile l’invisibile e i problemi che tale compito comporta. A colloquio con Michele Carafa.

Arte sacra, arte per il culto… L’essenza della poesia è la capacità di comunicare l’incomunicabile: e quando si esprime su temi di carattere religioso l’arte è chiamata ad attingere sempre a questa sublimazione poetica che consiste nel rendersi veicolo di qualcosa che trascende la capacità di esplicitare compiutamente il senso del messaggio.
Ne parliamo con lo scultore Michele Carafa che ha creato e realizzato molte opere per le chiese.

Che cosa significa per un artista fare arte sacra?
L’Arte Sacra è, per un artista credente, la migliore opportunità per far avanzare la propria ricerca. Perché se l’arte null’altro è che la ricerca continua e quotidiana della bellezza, nulla potrà competere con la sfida che essa rappresenta: dare forma alla Bellezza rivelata in Cristo.
L’arte sacra quindi ha un compito ben preciso, arduo e complesso, ma innato al senso proprio del fare Arte: la ricerca artistica non può che coincidere con la ricerca della Vera Bellezza incarnata in Cristo…

L’articolo completo è disponibile in
CHIESA OGGI 100
Acquistalo online, in Edicola o su www.lekiosk.com !

SCULTORE
http://pro.dibaio.com/michele-carafa-scultore

condividi :
Perché nell’arte parli il Vangelo
01/09/2005
Conferenza Episcopale Italiana
04/07/2008