FARE

Sceglie dalle migliori produzioni


L’ebanista, il dettaglio e la professionalità

Mobili d’arte nati da un progetto sorretto dalla sensibilità per gli ambienti del vivere.

Il problema sta nella capacità di personalizzare l’arredo. Misurandolo non soltanto sul gusto del cliente, ma anche sulla qualità intrinseca dell’ambiente.
Si tratta di ricavare dall’architettura, dalla forma delle stanze, dalla quantità di luce che vi entra nelle ore del giorno, dalla disposizione delle aperture, dallo scenario fuori dalle finestre… i suggerimenti su cui disegnare mobili veramente ritagliati per quel luogo e affini al carattere dei suoi abitanti. L’opera dell’ebanista (così si chiama il falegname dotato di capacità artistiche, che conosce veramente il legno e opera con cognizione di causa), è un’attività creatrice. L’arredo è
ciò che definisce in ultima istanza gli ambienti di vita. Potrà esservi una casa dal disegno architettonico magnifico: ma se l’arredo è scadente, tale sarà anche la qualità dell’abitarvi. Solo un buon arredo rallegra gli animi e offre agio del vivere.

Una boiserie artistica, realizzata con intagli e ceselli che mostrano estrema cura nel dettaglio e danno un tono di comoda e familiare monumentalità all’ambiente.
Si tratta di una realizzazione Tempora Arredamenti: un’azienda familiare di grande esperienza che ha saputo unire
alla cura artigianale l’organizzzione e l’efficienza.
Per esempio data dall’uso di macchine a controllo numerico per la confezione di alcune parti del mobilio.
E quando alla conoscenza dell’artigiano si unisce la capacità tecnologica, si possono ottenere i risultati migliori. Si nota
la cura nella finitura del soffitto, nella “rosa” intagliata a corona.

I particolari rivelano la qualità dell’opera, e chi opera “a regola d’arte” è sempre amico del dettaglio, perché fa di questo la cifra della sua professionalità.
Così l’esperienza nel recupero conservativo offre sempre opportunità di acquisire nuove suggestioni anche per l’attività corrente.

Il lampione che rende amica la notte

Arredi in ferro battuto, per giardini, strade e ville: oggetti di grande suggestività.

Passeggiare di notte nel borgo in collina: uno dei piaceri più sottili della vita. Lontano dal rumore della metropoli, si sente il canto dei grilli dalla vicina campagna mentre i passi rintoccano sull’acciottolato. E il lume soffonde con grazia all’intorno il suo chiarore amico. E’ una presenza che scalda il cuore: consente di ritrovare il cammino e nel tepore dell’estate fa sì che i viottoli nella notte non paiano luoghi di abbandono e di solitudine.
E’ in questi posti appartati che si apprezzano le lampade poste lungo le pareti degli edifici: le si riconosce dal loro disegno, sono sentinelle che guidano e accompagnano.

Una lampara in ferro
battuto, realizzata da Omet.
Dal profilo elegante e leggero, si inserisce
con grazia in un contesto rustico come accanto
al portone di casa.

Efficienza ed eleganza per il lavello

Piccoli oggetti di estrema utilità: i sistemi per regolare la fuoriuscita dell’acqua.

Solo chi lavora in cucina sa apprezzare alcuni aspetti che potrebbero apparire secondari.
Lo scarico dell’acqua dal lavello è tra gli elementi più nascosti: fin quando non s’intasa il tubo.
Allora si scopre la sua utilità, e ci si chiede se non esista qualche soluzione preventiva che unisca l’efficienza alla sobrietà. Perché l’occhio vuole la sua parte anche lì, nello scarico del lavello.
La risposta non sta nel tipico, vecchio tappo, destinato a perdersi e a non “tenere” più dopo qualche tempo, ma nei filtri-cestello, asportabili e usabili anche come tappo.

La Piletta Basket di Lira:
di grande capienza,
velocizza lo scarico, elimina
gli ingorghi, funge da tappo.

Sport acquatico con la piscina fuoriterra

La piscina fuoriterra: un sistema nuovo per avvicinarsi allo sport acquatico in giardino.

Volere è potere, si usava dire. Poiché tra i sogni di chi possiede un giardino, quello di dotarlo di una piscina è tra i più ricorrenti, è bene considerare come poterlo realizzare. A volte problemi di spazio o difficoltà nella manutenzione scoraggiano di fronte alla prospettiva di installare una piscina fissa. Questa richiede una certa attenzione, ma soprattutto rimane permanentemente in loco, estate e inverno. E non consente ripensamenti.

Sopra: piscina fuoriterra Kit 5 di Spei – Swimming
Pool Equipment Italia.
Consente la massima praticità e un consistente risparmio economico in termini di manodopera.
E’ totalmente “made in Italy”, con struttura vasca in PVC
monospalmato, impianto di filtrazione a sabbia, skimmer, bocchetta, scala, canna galleggiante e kit pulizia.
Il montaggio richiede solo 3 ore. Le dimensioni sono 8 x 4 x 1,22m; e vi sono altre versioni di kit.

Un primo approccio alla piscina – oppure una soluzione definitiva per chi ha problemi di spazio – può essere l’uso di una vasca fuoriterra, che si può montare e smontare, e che può essere spostata senza grandi sforzi. In questo modo si
avrà l’opportunità di usarla per farsi delle belle nuotate in giardino anche se questo è piccolo e, quando passa la bella stagione, si può raccogliere il tutto, ripiegarlo e riporlo. La piscina fuoriterra non richiede scavi né l’installazione di impianti idrici appositi. L’altezza del bordo rende facile l’accesso, con l’uso di una duplice scaletta dal lato asciutto e in acqua, e consente comunque di muoversi a proprio agio e di nuotare.

I mille volti del legno e l’arte della casa

La capacità di arredare gli ambienti con gusto personalizzato e con rivestimenti ricchi di sapere artigianale.

Tra i vari approcci del design contemporaneo e il gusto antico dagli stili consolidati, si possono riscontrare cesure e contraddizioni. A volte si generano incompatibilità, si richiede cura e attenzione per mantenere una coerenza nell’organizzazione di arredi e decori . Vi sono rari casi in cui il disegno degli arredi non è legato a un momento preciso, a un tempo definito. Casi in cui il valore degli oggetti si mantiene e la loro capacità di comunicare non sminuisce col
passare delle epoche. Gli arredi in legno, per la qualità del materiale, tendono ad avere questa capacità di parlare al
di là delle mode e di rivolgersi alla sensibilità di ognuno grazie al movimento continuo delle superfici, percorse dalle venature naturali della materia viva. Ma il massimo dell’eleganza nell’arredo è raggiunto là dove questo è pensato
come un “universo”: come un tutto organizzato, dalla periferia agli elementi centrali. Questo avviene coi rivestimenti a boiserie confezionati dalla stessa mano che realizza il mobilio.

A sinistra, un esempio di soggiorno con boiserie in cui si riconosce una continuità dalla pavimentazione in legno
al soffitto a classici cassettoni. La stufa resta inquadrata e allo stesso tempo esaltata ma anche protetta dall’intelaiatura, che la raccorda all’insieme della
stanza. E’ una realizzazione Osta “i tuttolegno” dall’inconfondibile sapore rustico, adatto per contesti
montani o rurali, ma apprezzabile anche come approccio di stile. Sotto: una camera dall’impostazione misuratamente moderna.

L’INTAGLIO E IL DECORO
A un colpo d’occhio si apprezza la forma complessiva. Ma questa si compone di tanti aspetti particolari, di dettagli a volte minuti che si indovinano già a prima vista, ma si osservano solo dedicando tempo e attenzione. Arredi e boiserie realizzati da Osta “i tuttolegno” hanno il pregio dell’attenta cura nell’arte dell’intaglio e nella realizzazione di complessi e minuziosi disegni, con motivi geometrici
o naturali. Per la produzione di arredi completi, pensati per i singoli ambienti.

Lumi e paralumi in volute artistiche e riflessi di cielo

L’artigianato del ferro battuto trova una accentuazione nuova con l’aggiunta di cristalli raffinati come quelli di Murano, per creazioni di squisita fattura.

La lampada è ben più di una fonte di luce: in quanto complemento di arredo è uno degli elementi più significativi della casa. Anche se spenta rimane al centro dell’attenzione, come motivo focale dell’ambiente.

La tecnica del ferro battuto consente realizzazioni che possono toccare vette di assoluta originalità e in ogni caso le morbide volute cui il materiale invita aggiungono dinamismo: sono un elemento amico dell’aria e dei suoi movimenti. Se al ferro si accosta la magia del vetro dai mille riflessi, il lume porta una dimensione nuova alla casa, come avviene con le creazioni Bellart, con ferro forgiato a mano e collane in vetro di tecnica muranese.

La versatilità della produzione in legno per la casa e per il giardino

La professionalità nella preparazione degli arredi consente di spaziare in tutti gli ambienti e di offrire un servizio completo.

La tradizione è quella tirolese: arredamenti e boiserie in legno. Perché la lavorazione del legno si è diffusa nella storia con particolare intensità in quelle regioni alpine, dove abeti e larici forniscono da sempre la materia prima adatta.
E il nome stesso dice molto: “il Picchio Verde”: volatile che per istinto e vocazione conosce dell’albero i segreti. Le creazioni Il Picchio Verde nascono dalla selezione dei legnami pregiati e dalla lavorazione da parte di maestri artigiani: arredamenti tipici, soffitti a cassettoni, decori per abitazioni e spazi pubblici, anche per il giardino (gazebo, porticati, box auto, verande…). Da catalogo o su progetto.

Il centro benessere in casa propria

Piscina idromassaggio, sauna, vitarium, fitness, bagno turco… con charme tutto francese.

Il centro benessere ha una tradizione antica: in fondo nata con le terme romane. Quei centri antichi erano dotati di “calidarium” – il luogo prossimo alle fonti di acqua calda – e di “frigidarium”, in cui si discendeva attraverso una comoda
scaletta nell’acqua fredda per ritemprarsi dopo il bagno caldo; c’era innanzitutto lo “apodyterium”: la sal
a di attesa e spogliatoio per prepararsi, e poi anche la palestra con la “piscina natatoria” e altri ambienti per la lotta e il gioco della
palla…

In queste immagini, alcune realizzazioni di Tre A Italia, che importa e installa impianti e piscine Desjoyaux. Si tratta
di strutture coperte inserite in centri benessere realizzate con elementi modulari che permettono rapidità di esecuzione e allestimenti sofisticati e completi quali: panche idromassaggio diversificate in varie stazioni di massaggio, cascate cervicali, lame d’acqua, nuoto controcorrente, massaggi acquatici a tre quote, piastre a microbolle, ecc. I concessionari distribuiti sul territorio si avvalgono di un unico centro progetti in grado di fornire una soluzione alle esigenze più disparate.

Si tratta di un sistema flessibile che consente di preparare ogni impianto a seconda delle necessità specifiche, nel rispetto della personalità del cliente. Si nota la cura estetica, lo charme, anche nelle realizzazioni più semplici. Sono piscine ambientate, dall’estetica originale.

E queste pratiche erano accompagnate da ambientazioni suggestive, con decori di valore artistico, quali i mosaici che richiamavano ambienti marini. E in ogni caso c’era il gusto dell’acqua per scopi benefici: acque sulfuree, saline
e ferruginose erano appositamente ricercate. Oggi troviamo ambienti che ripropongono con gusto contemporaneo situazioni simili, non solo per il pubblico , ma anche per le case private.

Il bagno: lo specchio del gusto

Negli elementi in ceramica troviamo qualcosa di molto personale: di veramente esclusivo.

La ceramica è amica dell’acqua. Ed è una sorta di simbolo di pulizia e comodità. Ma anche del design. C’è un piacere particolare nello specchiarsi in un bagno dalle linee morbide e funzionali: c’è un senso di efficienza che consente
di entrare con tranquillità nella vasca, di aprire la doccia sapendo che l’erogatore non è un semplice strumento, ma anche un oggetto di valore.

Elementi in ceramica che si distinguono: un design di classe per rendere veramente cordiale il rapporto col bagno, il locale dell’intimità personale.
Ceramica Esedra, di cui mostriamo un bagno completo e un lavabo, è azienda giovane e dinamica, propone soluzioni
innovative nel design, elaborando con cura i dettagli e proponendo forme che uniscono concretezza e felicità d’intuizione.

Nel lavabo si legge una comodità inconfondibile: per esempio quando si sa che si tratta di un oggetto proprio come l’abbiamo voluto noi, diverso da quello del vicino. Insomma, ci si specchia non solo nella superficie riflettente, ma anche nell’arredo importante, che abbiamo saputo organizzare seguendo la fantasia e abbandonandoci a un pizzico di originalità: nella scelta dei materiali, nell’accostamento dei colori. Il lavabo sospeso: lo desideriamo non solo bello, ma anche studiato in modo tale da evitare gli schizzi; non solo comodo, ma anche simpatico.
Perché nel bagno, il dialogo con gli elementi è proprio intimo: solo tra noi e loro.

 

condividi :
Cucina Country
30/11/2005
Indirizzi utili
06/10/2005