ARCHITETTURA

SPAZIO E SICUREZZA IN ARCHIVI BIBLIOTECHE MUSEI

Si schiaccia un bottone e impercettibilmente l’immensa scaffalatura si muove nel silenzio dell’austera biblioteca, dove il tempo sembra sospeso, quasi appartenesse a una dimensione “altra”, lontana da quelle consuete del vivere quotidiano: il luogo è abitato da volumi manoscritti vecchi di secoli, codici medievali, fascicoli dai fogli spessi e ingialliti…
La possente struttura, alta tre metri, sfiora il soffitto e, con i libri, ogni armadio mobile pesa fino a 15 tonnellate. Si muove, ma senza interrompere l’atmosfera incantata, senza violarne il silenzio. Poi da impercettibile il movimento si fa visibile: accelera. Si scosta dall’altra scaffalatura, tra le due si apre un corridoio e le coste dei volumi compaiono nella prospettiva che si schiude: ora ci si può inoltrare, toccare i volumi disposti fitti, ordinatamente allineati secondo le differenti altezze, catalogati… Siamo nella Biblioteca del Convento di San Francesco della Vigna, a Venezia: qui si conservano e si studiano documenti provenienti dagli archivi dei Frati minori di tutto il Veneto. Ci sono opere preziose, quali un esemplare del Corano di valore inestimabile, tra i primi volumi stampati nel ‘500. Migliaia sono i tomi recentemente qui riuniti, dopo la ristrutturazione dell’edificio storico. Ne parliamo con Claudio Rumignani, Amministratore Unico di Dexion Italia, che ha fornito le scaffalature compattabili a movimentazione elettrica. 

Può descrivere questi scaffali?
Sono soluzioni volte a ottimizzare l’uso degli spazi di biblioteche, archivi, musei, uffici, magazzini: Dexion Italia distribuisce e assembla in esclusiva scaffalature, espositori, librerie di ogni tipo. Da quelli statici adatti agli uffici o alla casa, a quelli mobili di dimensioni ragguardevoli. Sono sistemi modulari prodotti da Bruynzeel in Olanda, adattabili per dimensioni, forma e qualità estetica a ogni contesto e a ogni spazio.

Quali le caratteristiche dell’intervento nella Biblioteca del Convento di San Francesco della Vigna?
Abbiamo installato scaffalature mobili che consentono di ottimizzare lo spazio. Invece di essere disposte parallele al lato corto del rettangolo di base dell’ambiente, sono parallele al lato lungo: la loro movimentazione è data da un motore elettrico alloggiato nella base (alta 15 cm). I 40 W di potenza, per ciascun armadio mobile, sono sufficienti a spostare la scaffalatura carica di volumi sulle rotaie, affogate nel pavimento in terrazzo alla veneziana. Naturalmente tutta la struttura dell’edificio è stata rafforzata per sostenere l’eccezionale peso. Oggi siamo i soli in grado di fornire scaffalature mobili come queste, lunghe fino a 12 metri, con altezza sino a 4 metri.
Altri aspetti esclusivi sono: la sicurezza d’accesso, poiché ogni scaffalatura è movimentabile tramite chiave elettronica differenziata (oppure tramite PIN), così che solo chi è addetto a quella specifica collezione può accedervi; le luci incorporate che si accendono solo in caso di utilizzo.

Perché preferire la movimentazione elettrica a quella manuale?
Non comporta sforzi, garantisce la massima ergonomia e la completa sicurezza, consente di muovere scaffali lunghi e pesantissimi con costi aggiuntivi minimi rispetto a quelli di scaffalature di eguale portata azionabili a mano. Il sistema soft start e soft stop evita qualsiasi vibrazione; inoltre le basi mobili sono dotate di fotocellula: nel caso si siano frapposti oggetti, lo scaffale si ferma e ritorna al punto di partenza. Anche questo è un sistema esclusivo. Di notte, quando l’ambiente viene chiuso, le scaffalature
si posizionano automaticamente in modo da lasciare tra loro una distanza omogenea (25 cm a San Francesco della Vigna), così che circoli l’aria, garantendo la conservazione dei volumi antichi.

Altri dettagli?
Le nostre scaffalature non hanno bulloni, il che facilita il montaggio. E sono tali da poter dislocare ogni ripiano con passo minimo di 2 cm (usualmente gli spostamenti minimi sono di 2,5-3 cm), e questo consente di ottimizzare lo spazio anche in altezza: se il soffitto è a circa 2,70-3 metri si può collocare almeno un livello aggiuntivo.Per saperne di più
http://pro.dibaio.com/scaffalature-bibliotecheCustodisci e proteggi la tua tradizione
http://pro.dibaio.com/dexion-italia

condividi :
L’ESPERTO RISPONDE: Andrea Livio Volpato
02/02/2016
Abitare il presente per perseverare il futuro
09/10/2012