ARCHITETTURA

Le beole

Il bordo si dilata in due anse che morbide abbracciano il terreno, protendendosi come una bolla nella parte alta del declivio.
La massima precisione altimetrica della muratura consente che lo slancio verso l’orizzonte sia disegnato secondo linee tondeggianti, così consone all’acqua, così inconsuete come luogo di contatto tra acqua e panorama.
L’effetto visivo è quello dell’avanzamento della liquida superficie verso i campi verdeggianti: l’atmosfera idilliaca consente a chi riposa di abbracciare un cosmo di pace, splendente nei colori dei campi. Attorno alla vasca, sul prato, nella zona “a monte” si allineano beole che permettono il passaggio, mentre se scorre sulla parete ad ansa l’acqua scompare tra sassi accostati nella parte bassa.Nella zona relax sta la parte ossigenante ad uso continuo con 20 ugelli e una scala in muratura. La vasca ha forma irregolare di 7×15 metri con locale tecnico per alloggiamento tapparella 6×1 metri; superficie totale 92 mq e capienza 146 m3. Tra gli accessori: impianto nuoto controcorrente, pulitore automatico, copertura invernale.La struttura è in cemento armato con rivestimento interno in Crystalstones color sabbia e bordo in pietra locale.
L’impianto di filtraggio si avvale di due filtri a sabbia alti 8o cm e due pompe in Noryl di HP3.
L’impianto luce consta di tre fari subacquei a 15 led bianchi.La parete a valle con sfioro.
L’impianto di circolazione è costituito da 5 bocchette d’immissione a parete, 3 bocchette dal fondo, 7 prese di fondo e un vacuum.
La disinfezione è assicurata da un’apparecchiatura automatica per l’ossigeno.
Il bordo vasca: pietra sul prato e un gazebo. La vasca è dotata anche di riscaldamento.
www.ondablupiscine.it
Progettazione, costruzione e manutenzione piscine

condividi :
Il dono della porcellana
05/05/2011
Efficienza energetica e design raffinato
21/01/2014