ARCHITETTURA FARE PENSARE

Sardegna

Sull’isola sospesa tra il blu del cielo e il verde del mare cristallino, un inedito viaggio alla scoperta dell’architettura, dei profumi e dei sapori di un territorio saldamente ancorato alle tradizioni. Immancabile la presenza del fuoco conviviale.

L’architettura della Sardegna, tipicamente mediterranea è progettata in modo da alterare il meno possibile le bellezze naturali dell’isola dove i materiali sono impiegati nella loro vera essenza: il legno e la pietra a vista, le coperture in cotto, gli intonaci dai colori che ben si accordano con il paesaggio. La Costa Smeralda è caratterizzata da una sorta di mimetismo architettonico che integra in modo ottimale le abitazioni con l’ambiente. All’interno è immancabile il camino. In un primo momento nelle abitazioni al mare il focolare sembra superfluo, ma non è così, infatti, oltre ad essere fondamentale per cucinare i piatti della tradizione, la sua presenza è indispensabile per le sere più fresche estive o nelle mezze stagioni, quando la fiammata del camino non solo crea un’atmosfera conviviale

(si pensi agli allegri falò sulla spiaggia) ma risolve il problema dei repentini sbalzi di temperatura. In questa regione, la creatività dei progettisti ha sviluppato manufatti di piacevole effetto estetico, incorporati nella costruzione con un armonioso gioco di volumi che in elementi scultorei. Qui i camini superano il ruolo funzionale e diventano elementi di caratterizzazione e personalizzazione dello spazio. Le forme libere dei camini aperti, celano sempre focolari prefabbricati di ultima generazione che garantiscono la massima funzionalità.

Tante idee razionali e fantasiose per arricchire di
fascino le case al mare, dove, in apparenza, il fascino di una
fiamma può sembrare superfluo.

La valorizzazione dell’identità territoriale, il rispetto della
cultura locale e della straordinaria bellezza paesaggistica si manifesta nell’architettura con case in pietra a vista a secco, perfettamente incastonate nel secolare contesto ambientale. Un sapiente sviluppo della tipologia abitativa spontanea degli stazzu, le tipiche case di campagna sarde caratterizzate, iniziaalmente, da un locale unico che si sviluppava intorno al camino. Dalla parete vetrata si scorge il camino centrale che avvolge e nasconde il pilastro centrale fulcro del tetto che svela la rotondità dei volumi interni.
Progetto Arch. A. Ponis. Foto: T. Canu. Art Director M. L. Bonivento
In Costa Smeralda, il camino modellato come una scultura ha una forma sinuosa che segue l’andamento della scala. Insieme hanno inglobato con notevole effetto scenico, alcune rocce naturali attorno alle quali, si può dire, che è stata costruita l’abitazione. Tra gli elementi d’arredo, in primo piano, un tappeto tipico dell’artigianato sardo.
Progetto: architetto F. Smania. Art Director M.L. Bonivento. Foto T. Canu.
Ad Arzachena, la solare atmosfera del soggiorno è riscaldata da un camino dalle linee tradizionali. La cornice del focolare, prefabbricato, in pietra locale grezza e il soffitto di canne sostenute da travature in legno
trasmettono il sereno fascino della vita quotidiana. I colori naturali della
terra (l’ocra della cappa e il rosso delle pareti) sono stati scelti per scaldare l’intonaco delle pareti la cui matericità è esaltata dai scintillanti
bagliori della fiamma.
Art Director: M. L. Bonivento Foto: T. Canu.
Semplici decorazioni simili a stencil personalizzano i camini in muratura.
L’impiego di prefabbricati di ultima generazione, offre ottime
prestazioni anche nei tradizionali focolari aperti.
Il piccolo camino angolare caratterizza nella sua semplicità l’ambiente. La bocca del fuoco è un elemento prefabbricato di produzione appoggiato a un basamento in pietra locale.
Art Director: M. L. Bonivento Foto: T. Canu.
Nel luminoso soggiorno il camino ha la bocca del fuoco in pietra locale e trave in legno naturale. La cappa modellata e intonacata è ingentilita dalle decorazioni a nastro che corrono nell’intero ambiente.
Art Director: M. L. Bonivento Foto: T. Canu.

condividi :
Un progetto essenziale
08/03/2007
Le campane
31/07/2005