ARCHITETTURA

Editoriale

Il mestiere di architetto è un mestiere avventuroso, una sfida per l’ingegno.
Così come il settore dell’Edilizia e delle Costruzioni sta passando nel nostro paese un periodo di crisi , lo stesso si può dire per quello che riguarda l’Architettura.
Potrebbe comunque essere proprio l’Architettura a risanare la crisi del settore Edilizio, proprio grazie alla Riqualificazione Urbana, settore che nei prossimi anni, ci auguriamo, diventi sempre più importante nel nostro Paese, anche grazie alle innovazioni introdotte nei materiali e nelle tecnologie in uso in edilizia.
A trainare maggiormente la ripresa, secondo le stime, sarà la progettazione o la riqualificazione secondo le più avanzate indicazioni di Sostenibilità Energetica, tema sempre più importante nel mondo moderno, sia per ciò che riguarda l’attenzione all’ambiente, sia per ciò che riguarda l’attenzione ai costi ed al benessere abitativo.
Il futuro dell’economia e della società in cui viviamo è sempre più influenzato dalla creatività, dalla capacità di produrre idee, conoscenze, innovazione.
Questa capacità è, a livello mondiale, sempre stata importante ma in questi ultimi venti anni è letteralmente esplosa.
Stiamo vivendo in un’era di grande trasformazione economica e sociale, senza dimenticare la provocazione che internet ha portato nell’informazione, profonda almeno quanto quella che ha visto il passaggio dall’economia agricola all’economia industriale.
Bisogna ritornare a CREDERE in un mestiere fatto di passioni, che risponde alle necessità dei cittadini e che ritorni a rappresentare, nella sua forma più elevata, il grado di civiltà raggiunto dall’uomo.
Quanta rabbia c’è oggi nel mestiere dell’architetto? Tutta questa rabbia o ribellione è il miglior sistema che ha un professionista per ritrovare se stesso, e citando Marguerite Yourcenar occorre ricordare che l’avventura del creare è “sapere guardare nel buio, con coraggio, senza scappare”.Comunicazione ad alta definizione
www.masserdotti.it

condividi :
News dalle aziende
28/09/2005
Ettore Sottsass
31/07/2005