PENSARE

PATRIMONIO STORICO NELLA GLOBALITÀ

La XV edizione del Salone dei Beni e delle Attività Culturali e del Restauro, che avrà luogo dall’1 al 3 dicembre 2011 a Venezia, si presenta ricca di novità. Anzitutto la nomina del nuovo coordinatore scientifico, Giorgio Gianighian, stimato professore dello IUAV, di riconosciuto prestigio internazionale.
Il Salone è a tutti gli effetti universale, poichè abbraccia e coinvolge Paesi nodali nel panorama contemporaneo, a partire dall’Algeria, Stato ospite, dalla Libia con la presentazione di progetti su Cyrene, Sabratha, Leptis Magna e Tolemaide, e dal Giappone, con un convegno incentrato sul paesaggio come cultura e valore di un territorio.
Restando sul versante internazionale, anche quest’anno si rinnova la collaborazione con il Metadistretto Veneto dei Beni Culturali grazie al quale il bbcc EXPO sbarca in terra d’Oriente riuscendo a convogliare l’interesse di una nazione influente come la Cina.A livello nazionale, è importante la collaborazione con la città de L’Aquila, in merito agli interventi di ricostruzione dopo il sisma del 6 aprile 2009: una delle tematiche principali, infatti, sarà “Venezia per L’Aquila” con la presentazione di rilevanti progetti di recupero e il coinvolgimento diretto delle istituzioni aquilane.
Tra le novità anche la decisione di creare 3 macrosezioni: una dedicata al Restauro con la VII edizione di Restaura©, un’altra rivolta ai Servizi per i Beni culturali e il Turismo culturale, e la terza incentrata sull’Information Communication Technology, con l’obiettivo di razionalizzare e approfondire in maniera significativa ogni area tematica. Sono confermati anche due appuntamenti già consolidati negli anni: Viaggiandum Est (Borsa del Turismo Culturale) e Premio Venezia alla Comunicazione Culturale, volto a segnalare l’eccellenza nella comunicazione dei beni e delle attività culturali.Venezia 1-3 Dicembre 2011
www.bbccexpo.it

condividi :
Editoriale
01/09/2005
Il luogo, l’identità, la memoria
07/09/2011