ARCHITETTURA FARE PENSARE

Recuperare per stupire nuovamente


Recuperare per stupire nuovamente

La massima resa dell’arredo è quando questo unisce la solidità del legno stagionato nel tempo alla fattura, capace di sfruttare ottimamente gli spazi secondo la sensibilità moderna. È uno dei pregi di Bombara Arredamenti.

Recuperare, non solo qualche mobile, non solo una forma esteriore, ma l’anima di un arredamento che reca impresso tutto un mondo. Questo si può ottenere con l’opera di alto artigianato, come quella qui illustrata. Per la boiserie
che divide la cucina dal soggiorno sono stati recuperati e riportati a nuova vita antiche assi di larice e castagno, che donano all’ambiente una calda atmosfera rustica e famigliare. Le porte a scomparsa sono state recuperate da antiche
ante di un guardaroba di proprietà della famiglia e perfettamente inserite nel meccanismo scorrevole.

Realizzato su legno stagionato nei decenni, l’intaglio si manterrà sempre perfetto: la solidità raggiunta dall’invecchiamento è garanzia di durata del materiale. La sua compattezza permette alle superfici di mantenersi lisce e gradevoli.

Nuovo o antico? Nuovo e antico: qui sta il pregio della lavorazione di materiale recuperato alla storia e riportato a una condizione di giovinezza, in forme e con soluzioni coerenti con l’epoca attuale. Riutilizzo intelligente e competente, per la gioia della casa: stile Bombara.

Tutta la casa vanta arredamento su misura, appositamente studiato per esigenze e per utilizzare appieno tutti gli spazi; fondamentali i complementi d’arredo che accentuano la sensazione di relax per il fine settimana. Caldi tessuti e comodi cuscini arricchiscono le camere matrimoniali e dei ragazzi. Il tutto è opera del laboratorio artigianale Bombara Arredamenti, che lavora svariati tipi di legname e di essenze. Il legno può essere trattato con rifinitura a cera anziché subire un trattamento di spazzolatura che lo rende più grezzo alla vista e al tatto.

 

condividi :
Il classico calore della ceramica
17/10/2005
L’impegno degli architetti italiani
09/04/2008