ARCHITETTURA FARE

Progetto Giardino

Arte
Progetto
Un giardino sull’acqua

Dei vari aspetti dell’ambiente, il giardino ha la particolarità di non essere una categoria di elementi (come lo sono gli aspetti fisici, naturali, biologici o storici), ma di essere l’aspetto formale di tutti quanti insieme. Si può insomma dire che il giardino è la forma dell’ambiente. In altri termini, giardino è ciò che vediamo nel suo insieme: le piante, i fiori, l’acqua, i frutti, le fontane non sono il giardino, ma lo producono. Che il giardino sia importante per il nostro benessere, lo intuiamo: cerchiamo giardini la cui vista dia il senso di armonia, di vivacità o di singolarità (e ciò che è armonico non è ostile, ciò che è vivace è allegro, ciò che è singolare prefigura cose nuove e quindi interessanti); fuggiamo invece i luoghi la cui vista dia il senso di disordine, di piattezza, di prevedibilità. Un giardino equilibrato e ordinato produce calma, sicurezza psichica e godimento estetico; un giardino disordinato o con elementi di casuale dissonanza produce disagio. Le dissonanze e le varietà possono produrre comunque un bel giardino, purché non siano banali e gratuite.

Among all aspects of an environment, the garden has the peculiarity of not being a category of elements, like physical, natural and biological aspects are, but to be the formal aspect of all of them together. One could say, in other words, that the garden is the design of the environment, it is what we see as a whole: trees, flowers, water, fruits and fountains are not the garden. They generate it. It is clear that the garden is important to our wellness. We look for gardens that yield a touch of harmony, vividness or singularity (and what is harmonic is not hostile, what is vivid is merry, what is singular suggests new and therefore interesting things); we escape places that recall disorder, flatness, predictability. A balanced and ordered garden produces peace, psychic safety and aesthetic delight; a messy garden, or one with elements of casual discord, produces discomfort. Dissonances and the diversities, anyway, can produce a nice garden, as far as they are not banal and gratuitous.

Giuseppe Maria Jonghi Lavarini

Rustico
Il giardino dello scrittore

condividi :
Una villa che nasce ai confini col mito
22/03/2007
Legna in pellets, combustibile convincente
05/12/2005