FARE

Porte a specchio per l’arte dell’eleganza oggi. L’Hotel Nhow a Milano si propone come luogo di cultura e spazio espositivo


L’Hotel Nhow a Milano si propone anche come luogo di cultura e spazio espositivo

Impianti Schindler

L‘hotel non è più solo il luogo dove alloggiare là dove non si ha altra residenza possibile. E’ invece l’ambiente diverso in cui lasciarsi cullare, invitante atmosfera attraverso la quale conoscere uno stile di vita, autentico portale della città che di questa fa conoscere le caratteristiche e le usanze, gli eventi, i pregi e i segreti. Così l’hotel diventa sempre più “evento”, oltre che luogo. Il “Nhow”, che si presenta come “hotel di design” a Milano, in zona Tortona, è anche una vera e propria galleria d’arte. Al primo piano ha dedicato alcuni ambienti a sale espositive, dove si sono svolte già importanti rassegne di maestri della fotografia contemporanea.
Tra gli artisti le cui opere sono qui state ospitate: Jean-Michel Basquiat, Hans Hartung e Marco Glaviano. Quest’ultimo
con una serie di ritratti di musicisti jazz europei e americani, che ripropongono, nei volti e nelle espressioni, le
tensioni e l’energia di maestri che hanno segnato la colonna sonora di intere generazioni.

La hall dell’Hotel Nhow di via Tortona a Milano, con lampadari chandelier di Jacopo Foggini.
Pagina a lato: le porte degli ascensori in lucido acciaio a specchio.

L’architettura dell’hotel, con i suoi ampi spazi segnati da presenze di luce e tracce di colore elaborate con metodica
grafia di eclettismo contemporaneo, riesce a contemperare segnali dalle valenze etniche con accenti del plasticismo anni
‘50, suggestioni neoclassiche e proposte sperimentali. Le stesse dimensioni degli ambienti consentono la compresenza di questi variegati elementi, mai sovrapposti, sempre ben individuati. In tale contesto, dove i cromatismi si stemperano nell’accoglienza confortevole di un luogo ricco di mille proposte, gli ascensori si pongono come momenti di un nuovo possibile: le superfici metalliche a specchio aprono il gioco della seduzione, sono presenze di splendore assoluto che accennano a nuove occasioni di accoglienza.
Fulgido corollario di uno spazio dove l’arte è di casa.

(L. Servadio)

Nell’Hotel Nhow trovano posto elementi provenienti dalla Triennale di Milano.
Il bar è disegnato da Daniele Beretta e Matteo Thun.
Viste di vano scala, hall e ascensori (In questa pagina, la foto in alto a destra è di Flavio Marchese).

Caratteristiche tecniche

Nhow Hotel, Milano

Gruppo 3 Ascensori con funzionamento in Triplex Collettivo Selettivo

Tipo di impianto: a funi con motore controllato in variazione di frequenza
Portata netta: 1275 Kg – Capienza: 16 persone
Velocità di esercizio: 1,6 m/s – Corsa: 19 m
Arresti: 5 – Accessi: 5 sullo stesso lato
Cabina: con parete di fondo panoramica in cristallo di sicurezza in colore naturale. Parete frontale rivestita in acciaio INOX “Lucido”. Pareti laterali rivestite con specchi temperati.
Cielino in cristallo trasparente stratificato colorato con serigrafia artistica e cornice perimetrale in acciaio INOX “Lucido”.
Illuminazione mediante “Led” disposti perimetralmente al cielino e installati a scomparsa nella sua cornice.
Superficie totale: 2,55 mq
Porte di piano e cabina: telescopiche a 2 ante, rivestite in acciaio INOX “Lucido”, apertura 1100 mm.

1 Ascensore con funzionamento in Simplex
Collettivo Selettivo

Tipo di impianto: a funi, con motore controllato in variazione di frequenza
Portata netta: 1600 Kg – Capienza: 21 persone
Velocità di esercizio: 1,6 m/s – Corsa: 23 m
Arresti: 6 – Accessi: 6 opposti
Cabina: pareti in acciaio INOX “DAMA”
Superficie totale: 3,15 mq
Porte di cabina: telescopiche a 2 ante, in acciaio INOX “DAMA”, apertura 1100 mm.

1 Ascensore con funzionamento in Simplex
Collettivo Selettivo

Tipo di impianto: a funi, con motore controllato in variazione di frequenza
Portata netta: 1275 Kg – Capienza: 16 persone
Velocità di esercizio: 1,6 m/s –
Corsa: 19 m
Arresti: 5 – Accessi: 5 sullo stesso lato
Cabina: pareti in acciaio INOX “DAMA”
Superficie totale: 2,55 mq
Porte di cabina: telescopiche a 2 ante, in acciaio INOX “DAMA”, apertura 1100 mm.

1 Ascensore oleodinamico con funzionamento automatico a pulsanti

Portata netta: 1000 Kg – Capienza: 13 persone
Velocità di esercizio: 0,90 m/s – Corsa: 5,23 m
Arresti: 2 – Accessi: 2 adiacenti
Cabina: pareti in acciaio INOX “DAMA”
Superficie totale: 2,24 mq
Porte di cabina: telescopiche a 2 ante, in acciaio
INOX “DAMA”, apertura 1000 mm.

condividi :
Trentino Alto Adige
23/09/2005
L’arte del fabbro
31/07/2005