FARE

Porcellana forever

È il momento di dare armonia alle forme: la porcellana, questa magnifica invenzione dei cinesi (durante la dinastia Tang, che durò dal 618 al 907), che si ottiene a partire da impasti con presenza di caolino e feldspato e per cottura a temperature tra i 1300 e i 1400 °C, per la sua brillantezza e la sua capacità riflettente si sposa benissimo con la luce, con i profili semplici, con i raffinati decori a mano; le lampade di porcellana conferiscono personalità valorizzando l’ambiente che le circonda. Questa azienda ha fatto della porcellana di ottima qualità la cifra distintiva della propria produzione, che si caratterizza per la grande capacità ornamentale e per la vasta gamma di soluzioni, adatte all’ambiente classico come a quello rustico, senza disdegnare quello contemporaneo, dove un tocco di raffinata decorazione riesce a scaldare la freddezza del design minimalista.

Non solo lampade ma anche una collezione completa per arredare il bagno con un richiamo alle grazie ottocentesche e primo Novecento, a cui si ispirano i decori in blu oltremare. 
Una lampada da tavolo con base e diffusore in porcellana a decoro verde salvia e fusto in metallo brunito.
Una bella lampada a sospensione corta con decori colori rosa antico; una creazione da parete con fusto in metallo brunito e decorazioni in giallo sole; una sospensione doppia con struttura in ferro battuto brunito e orlo sulle nuances del blu cobalto e dell’azzurro;
la versione a parete della lampada da tavolo: sono tutte creazioni di grande valore ornamentale. (Creazioni Armony)UN NUOVO PRODOTTO ECOLOGICO, BEN ESSERE, È UN’IDROPITTURA TRASPIRANTE E IPOALLERGENICA. PRODOTTO IDEALE PER TUTTI GLI AMBIENTI, È STATO PENSATO CON UNA PARTICOLARE ATTENZIONE PER TUTTI I LOCALI FREQUENTATI DA BAMBINI E DAI SOGGETTI PARTICOLARMENTE SENSIBILI. L’ARIA DI CASA INFATTI È SPESSO, PARADOSSALMENTE, MOLTO PIÙ INQUINATA DELL’AMBIENTE ESTERNO. NEGLI ULTIMI DIECI ANNI IL NUMERO DI BAMBINI ALLERGICI TRA GLI 0 E I 5 ANNI È RADDOPPIATO E LE VISITE PER ALLERGIE SONO TRIPLICATE. GLI INQUINANTI DI CASA SI CHIAMANO BATTERI, FUNGHI, MUFFE E COMPOSTI ORGANICI VOLATILI (COV). QUESTI ULTIMI SI TROVANO NEL FUMO DI SIGARETTA, NEI PRODOTTI PER LA PULIZIA DELLA CASA, NELLE CANDELE PROFUMATE, COSÌ COME NELLE VERNICI E NEGLI SMALTI. ECCO CHE SCEGLIERE LE VERNICI GIUSTE È IL PRIMO PASSO PER CONTRASTARE I MALESSERI DERIVANTI DALL’INQUINAMENTO INDOOR. L’AZIENDA, DA SEMPRE ATTENTA AL BENESSERE E AL COMFORT, HA PENSATO QUESTA LINEA DI PRODOTTI CHE HA OTTENUTO LA CERTIFICAZIONE ECOLABEL, IL MARCHIO ECOLOGICO DELL’UNIONE EUROPEA, ED È STATA TESTATA COME IPOALLERGENICA DALL’ISTITUTO DALL’ISTITUTO ISPE (INSTITUTE OF SKIN AND PRODUCT EVALUATION). PER LE SUE CARATTERISTICHE BEN ESSERE È IL PRODOTTO IDEALE DA UTILIZZARE NEGLI AMBIENTI FREQUENTATI DAI PICCOLI E DAI SOGGETTI PARTICOLARMENTE SENSIBILI: ASILI, SCUOLE, CASE DI RIPOSO, AMBULATORI. (BALDINI VERNICI)È DAL 1992 CHE QUESTA AZIENDA, PRECORRENDO CON LUNGIMIRANZA LE TENDENZE SALUTISTICHE DELL’ALIMENTAZIONE ATTUALE, PRODUCE SOLO MIELE PROVENIENTE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA, UN MIELE CHE OLTRE AD ESSERE BUONO È ASSOLUTAMENTE NATURALE PERCHÉ FRUTTO DI UNA PRODUZIONE REALIZZATA IN AMBIENTI INCONTAMINATI. UNA VOLTA ACCERTATA LA PUREZZA DEL LUOGO E DEGLI ALVEARI, IL MIELE VIENE RIGOROSAMENTE SELEZIONATO IN BASE ALLE SUE CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE E CHIMICO- FISICHE. GELOSAMENTE RACCOLTI SOLO DOVE LA NATURA E L’AMBIENTE HANNO CONSERVATO INTATTA LA LORO PUREZZA, I MIELI SONO ESPRESSIONE DI UNA FLORA INFINITAMENTE RICCA DI SAPORI E DI PROFUMI PREZIOSI. PROPOSTI IN ELEGANTI VASETTI DI VETRO DALLA FORMA OTTAGONALE SONO DISPONIBILI IN MOLTISSIME VARIETÀ: MELATA DI ABETE, FIORI DI ACACIA, DI ARANCIO, DI CARDO, FIORI DI CASTAGNO E DI CORBEZZOLO, FIORI DI EUCALIPTO, DI CAMPO, FIORI DI LIMONE, BOSCO, FIORI DI RODODENDRO ED ALTA MONTAGNA… IDEALI PER RIDARE UNA VENTATA DI ENERGIA DOPO UNA CAMMINATA O UNA DISCESA SUGLI SCI!!
(RIGONI DI ASIAGO)Ceramiche e maioliche d’arte
www.creazioniarmony.it

condividi :
Tutto legno
07/05/2009
Tessuti e carte da parati
19/12/2005