ARCHITETTURA

Piscina e padiglione

Il classico e il moderno: l’abbinamento è frequente tra chi possiede una villa importante dalle origini storiche, e a questa vuole accostare una piscina. In questo caso ci troviamo alle porte di Cremona, nel parco curatissimo di una casa padronale. 
La piscina a sfioro continua il piano del bordo vasca e del prato, il cui manto erboso vi si rispecchia. 
Il bordo in pietra con inserti fossili dà un tono di aulicità all’insieme e diventa un elemento di continuità con l’intorno. 
Infatti la stessa pietra si estende come pavimentazione oltre la piscina e la unisce al patio attrezzato con cucina, tavolone e salotto all’aperto aggiungendo effettivamente alla casa un ambiente in più: quello che ha per copertura il cielo e che d’estate diventa il luogo più gradito per la sua frescura, comoda e accessibile, semplice e cordiale. Il disegno lineare della vasca si pone come espressione di essenzialità, che si manifesta anche nell’assenza di una scaletta di accesso, sostituita dal piano sommerso a mo’ di spiaggetta nella zona idromassaggio. La tapparella allunga il periodo di utilizzo della vasca, diminuendo la perdita di calore durante la notte. Piscina e padiglione: un assieme che si fa salone per abitare la natura.

REALIZZAZIONE: Piscine Laghetto®, Agrisilos Vescovato (CR)
LINEA DI PRODOTTO: Piscina a sfioro BLUESPRING
DIMENSIONI SPECCHIO D’ACQUA: 4,00×15,00 m
PROFONDITÀ ACQUA: 1,50 m costante
TIPO BORDO: Pietra di Cartagine calcoarenile con inserti fossili
Uscita dell’acqua a sfioro
TELO RIVESTIMENTO: Colore beige/sabbia
ACCESSORI E IMPIANTI MONTATI:
Angolo idromassaggio
Tapparella sommersa il cui cassone è la seduta della zona idromassaggio nonché una spiaggetta che facilita l’accesso in vasca
Filtro a sabbia da 22 mc/h
4 faretti alogeni da 50 Watt
Sistema di colorazione a saleLà dove nessun’altro può arrivare
Piscine Laghetto

condividi :
Risparmiare si può. Riscaldamento con la legna
16/02/2010
Parquet? OK!
04/11/2011