ARCHITETTURA

Tecnologia tedesca e design italiano

Trasformare una piscina tradizionale in un’oasi di relax perfettamente funzionale e integrata nell’ambiente naturale: questa la richiesta del committente tedesco al biellese Studio Due.
Attratti dalla quiete offerta dal piccolo lago incastonato dalle Prealpi biellesi, in posizione strategica rispetto a Torino e Milano, i clienti hanno apprezzato la possibilità di praticare sport acquatici godendo della tranquillità della provincia, ma al loro buen ritiro mancava ancora qualcosa: una grande piscina capace di accogliere gli amici curiosi di visitare l’Italia e desiderosi di rilassarsi in un ambiente dotato di ogni comfort.
Nacque così l’idea di trasformare la piscina preesistente: l’intervento consisteva nel completo rifacimento della vetusta vasca e nella sua sostituzione con una di nuova concezione realizzata completamente in opera, rimodulando gli spazi riservati alla zona relax/solarium e all’area conviviale, adottando impianti e tecnologie di assoluta avanguardia. Un cuore tecnologico di nuova concezione per facilitare la vita dell’uomo (nella foto sopra e in alto nella pagina accanto).Una particolare difficoltà consisteva nell’inserimento della nuova struttura nei diversi livelli del giardino senza pregiudicare la fruibilità degli accessi.
La collaborazione ha permesso di ottenere, in fase di realizzazione, un virtuoso innesto tra tecnologia tedesca e design italiano, dando ampio spazio nella gestione della piscina alla domotica, che caratterizza anche la villa adiacente.
Molto interessanti si sono rivelate le scelte tecniche, a partire dall’impiego dello speciale calcestruzzo impermeabile a cristallizzazione adottato per la parte strutturale a contatto con le superfici bagnate. Il rivestimento applicato intorno alla vasca, eseguito con una speciale resina “hidrazzo”, ha caratteristiche tecniche di altissimo livello e conferisce all’insieme effetti di colore cangianti unici e suggestivi.
La pavimentazione, le coperture e i bordi piscina sono stati realizzati in pietra “limestone” beige con sabbiatura media antiscivolo. Questa, adeguatamente trattata, si integra perfettamente al tappeto verde del giardino e al circostante muretto in pietra a secco realizzato con pietra di Luserna naturale a spacco. L’insieme cromatico risulta così di grande impatto pur non essendo invasivo e suggerisce eleganza e cura
dei particolari senza imporsi allo sguardo.
Un’altra realizzazione (nelle foto a sinistra) prevede un bordo di concezione originale, in pietra naturale, sotto la quale però si cela il ricircolo a sfioro dell’acqua della vasca: le eleganti e decorative feritorie nelle lastre lapidee permettono l’interscambio tra aria e acqua e la naturale evaporazione.In questa pagina documentiamo la realizzazione di una piscina coperta destinata alle persone diversamente abili.
Associare la disabilità con la piscina parrebbe un controsenso, se si ragiona superficialmente: ma, se si esamina il problema un po’ più a fondo, ci si rende conto che anche il disabile può trarre beneficio, giovamento e divertimento da una nuotata in piscina, se si adottano alcuni accorgimenti, la maggior parte dei quali sarà utile anche a chi non ha problemi fisici. Ad esempio, il percorso di accesso dovrà avere porte di larghezza adeguata (90 cm), pavimenti antisdrucciolevoli e piani, con soglie arrotondate, e scale dotate di un montascala.
Il problema maggiore per il disabile motorio è l’accesso alla vasca: se in un impianto pubblico o aperto al pubblico è d’obbligo la presenza del bagnino, che dunque può prestare la necessaria assistenza, in un piscina privata bisogna affidarsi all’attenzione e alla sensibilità altrui. In questo caso i sollevatori possono risultare utili per persone con disabilità motorie o funzionali rilevanti.
In commercio, ne esistono diversi tipi.
Questi mezzi possono essere realizzati con un seggiolino (sul quale la persona va trasferita) che scende nella vasca, o con un dispositivo di sollevamento che consente lo spostamento in vasca della persona sulla sedia a ruote (in tal caso, non vi è necessità di compiere la manovra del trasferimento). Oltre a questa, la piscina è stata dotata di tutte le attrezzature per disabili. (COIND Piscine)Un mondo di Piscine. Un sogno… possibile.
Coind Piscine

condividi :
Scale di valore
02/11/2006
Il legno come soluzione progettuale
11/03/2009