ARCHITETTURA

Specchio d’acqua sul mare

L’ambiente già privilegiato di questa stretta lingua di terra che si protende nel Mar dei Caraibi staccata dalla penisola dello Yucatán è reso ancor più paradisiaco dal parco naturale del Garrafón. Nel descrivere le linee generali della costruzione, i progettisti spiegano: “Il terreno scende con un dislivello di 9 metri tra la strada e la spiaggia, e questo ha permesso di progettare dei terrazzamenti. La villa si articola in due volumi che con forza geometrica si radicano sul pendio, uno in alto, uno più bassoTra loro si apre un patio da cui la vista si inoltra nel mar dei Caraibi, permettendo anche la ventilazione naturale degli ambienti racchiusi nei due corpi di fabbrica”. Sono come due case indipendenti cui si accede da un’unica scalinata esterna. “A metà della scalinata, si eleva un volume rivestito di pietra che segnala l’ingresso principale, funge da vestibolo e si atteggia a ‘faro’ sulla terrazza. Qui sta una struttura antisole che, con la sua forma a paraboloide si contrappone al rigore geometrico dell’insieme”.

APPRONFONDIMENTO
Usa il link per avere approfondimenti tematici punta il tuo smartphone oppure, digita il linkpro seguito dalla stringa chiave
Es:http://pro.dibaio.com/isla-mujeres
<Video, schede web, approfondimenti, dettagli prodotto e altro ancora>Anche la piscina si distingue con la sua linea libera a onda…
“Infatti. Si trova al livello più basso, dove le pareti a scomparsa consentono di aprire l’ambiente trasformandolo in spazio esterno.
Così tutta la casa diventa una terrazza a più piani…
Un punto di osservazione dal quale godere aurore spettacolari.
Il disegno della piscina, con le sue curve capricciose, riprende proprio quello delle onde marine che si rompono sulla riva. Così si completa la simbiosi tra dentro e fuori”.

APPRONFONDIMENTO
Usa il link pro: aggiungi la stringa chiave e scopri approfondimenti: Es:http://pro.dibaio.com/munoz-studio
<Video, schede web, approfondimenti, dettagli prodotto e altro ancora>Javier Muñoz fonda nel 1997 “Javier Muñoz Arquitectos Asociados S.G.P.”, a Mérida nello Yucatán (Messico). Tra i premi vinti: nel 2009 Cemex per una casa unifamiliare e nel 2008 il premio della X Biennale di Architettura messicana (ristrutturazione). Membro dell’Accademia Nacional de Arquitectura, dal 2009 è Direttore della Escuela de Arquitectura y Diseño de interiores dell’università Marista di Mérida. Ha vinto molti concorsi pubblici tra i quali quello (in collaborazione) per il nuovo Senato a Città del Messico. Le sue opere sono pubblicate in numerose riviste messicane ed estere. Nello Studio ora opera un ventina di persone. I progetti sono concepiti attraverso un processo di dialogo che coinvolge committenti e tutti i membri del gruppo.

Il clima della zona è ideale: l’effetto combinato delle correnti d’aria e del mare, ovunque vicino (l’isola è larga meno di un chilometro) lo mantengono temperato, mai troppo caldo pur se prevalentemente soleggiato.
E non è la piscina l’unico specchio d’acqua: al livello superiore, le solette-ballatoio laterali sono coperte anch’esse da una lama d’acqua.
Ha una funzione estetica, poiché attiva il gioco dei riflessi che donano maggiore plasticità ai volumi costruiti.
Ma anche una funzione di controllo ambientale: l’evaporazione genera un microclima gradevole che avvolge tutta la villa.

Il salone, al livello più basso al quale si accede scendendo la lunga scalinata, ha pareti trasparenti. Queste, rette da guide in alto e in basso, possono essere totalmente occultate: in tal modo si toglie ogni barriera tra il bordo vasca e l’interno della casa.

condividi :
Sotto le falde
31/07/2005
Una stufa da Guinness dei primati per una grande iniziativa benefica
27/09/2005