FARE

Su pilotis di acciaio

Nei boschi di Teteringen, vicino a Breda, l’ampiezza di orizzonti è schermata dagli alberi: intenzione dei proprietari era di avere un rapporto diretto con le fronde, e il progetto è stato impostato con questo obiettivo. L’edificio quindi è divenuto luogo di osservazione privilegiato sulla natura e dai diversi ambienti si godono viste sempre nuove all’intorno. Il volume è impostato su pianta quadrata e racchiude un patio quadrato col suo corpo in parte sollevato su pilotis: in omaggio al contatto con la natura, anche dal patio al senso di “enclosure” si associa il contatto visivo con la foresta.
Gli ambienti per il giorno sono al livello del suolo e una scala affiancata da due vetrate porta al livello superiore, dove stanno gli ambienti per la notte.
Schermature e infissi sono disposti così da schermare la luce diretta del sole. La superficie esterna è in doghe lignee nere. Ampie aperture, disegno schematico e razionale, per un rapporto armonico col bosco.Allo Studio, aperto da Pascal Grosfeld nel 1966, dal 1998 si è unito Bart van der Velde, che dal 2008 è associato. Il loro obiettivo principale nel disegnare un edificio è scoprire l’essenza del progetto. In questa ricerca si sviluppano concezioni chiare, elaborate nel modo più chiaro possibile e senza ambiguità. “Ambiamo a edifici di carattere, che siano una vera esperienza spaziale, con dettagli accurati”.

condividi :
Come tutelare gli edifici dal rischio sismico
13/07/2009
Un posto per ogni cosa
06/10/2005