FARE

Parva domus

Casa alle porte di Vaduz, in Liechtenstein.
Foto di Grazia Ike Branco
Testo di Filippo Mangione.

Tra le valli del liechtenstein una coppia di architetti sceglie la qualità della vita di campagna. Linee tradizionali e particolari di design per un abitare luminoso e rilassante.
Among the valleys of liechtenstein a couple, who are architects, have opted for a country lifestyle. Here we see traditional styles and details of design for relaxing and sunny living.

Piccolo, piccolissimo cuore dell’Europa riconosciuta, il Liechtenstein si apre un varco tra le montagne solo per far posto al
mantello di neve che per gran parte dell’anno copre tutto. Ritmi silenziosi e mai affollati, se non di banche e capitali, hanno convinto una coppia di architetti d’interni a scegliere come rifugio questa piccola casa alle porte di Vaduz, centro di riferimento della regione. Tradizione mitteleuropea e modernità si contendono la filosofia progettuale, ma solo
in seconda istanza rispetto a luce ed aria, veri protagonisti degli ambienti così come degli spazi esterni. Se prospetto e finiture appaiono tipicamente evocative delle classiche case di montagna, gli interni rivelano il gusto per la sobrietà ed il meglio del design moderno in fatto di arredo e particolari, mentre il piccolo giardino a terrazza, ricoperto di pietra e ghiaia, è pronto a trasformarsi in zona di grande vivibilità nei miti mesi estivi.

Nelle foto: La poltrona riprende nel tessuto il tema dell’intarsio a mosaico del pavimento;

Very small, and located at the heart of a reconstructed Europe, Liechtenstein forces a passage between the mountains, only making way for the blanket of snow that covers everything for most of the year. A silent and uncrowded way of life
has convinced a couple of interior designers to use this small house near Vaduz, at the heart of the region, as their retreat. Middle-European tradition and modernity compete for the design philosophy, although they are in second place after light and air, which are the real key players both in the rooms and outside. If the facade and finishings look typically evocative of classic mountain houses, the interior reveals a taste for sobriety and the best of modern design with regards furniture and details. The small terraced garden, covered with gravel, is readily transformed into an area for outdoor living during the summer months.

Nelle foto: Vista dell’ambiente unico pranzo-soggiorno;
Il camino a parete sostituisce il televisore e si fa ammirare come un quadro;
La porta-finestra di ingresso e la cucina circondata dalle prese di luce quadrate.

Da qui si accede alla zona giorno, unico ambiente dove il bianco domina riflettendo la luce offerta dalle numerose ed ampie finestre che in inverno sfumano il confine tra interno e panorama innevato. A contrasto, il pavimento scuro in cemento levigato, dal quale appaiono tratti di intarsi a mosaico ripresi nella poltrona da meditazione di Minotti. È sempre l’azienda milanese a firmare gran parte degli arredi di questo open space, tinte candite per le sedie che circondano
il monolitico tavolo da pranzo di legno scuro cui si contrappone la tendenza al rosso della cassettiera. Un tavolino basso di Antonio Citterio si contrappone tra i divani bianchi ed il caminetto a muro, incastonato in una cornice di metallo ossidato che ne fa quasi opera d’arte moderna appesa in contemplazione.

Nelle foto: la zona giorno vista dalla porta-finestra che accede alla terrazza;

“…spazio concesso dai mesi più caldi per corroborare lo spirito
nell’immobilità del verde…”

Dalla zona soggiorno si accede alla meravigliosa terrazza con vista sulla vallata sottostante, spazio concesso
dai mesi più caldi per corroborare lo spirito nell’immobilità del verde circostante, interrotto solo dalla
pendenza delle alture che fanno da sky-line. Ampiezza sufficiente a fare posto per due chaise longue per la
tintarella e qualche arbu sto per il pollice verde.

From the living-room area one gains access to a marvellous terrace with a view of the valley below. This space is
used during the summer months as if to confirm the feel of the immobility of the surrounding greenery, interrupted
only by the undulating hills that act as a skyline. Here there is enough room for two chaise longues for sunbathing,
and the odd bush for those with a mind for gardening.

Nelle foto: Le ampie finestre circondano i divani di fronte al camino;
Verde e natura fanno da scenografia al convivio attorno al grande tavolo.

From here one gains access to the day area, the only room in which white dominates, reflectingthe light that enters
from the large and numerous windows, which in winter soften the boundary between the interior and the snow-covered
landscape. In contrast, the dark floor in polished cement has areas of mosaic that are reproduced in the Minotti meditation armchair. The Milanese company has supplied most of the furniture in this open space, using white colours for the chairs that surround the monolithic dining table in dark wood, which contrasts with the reddish chest of drawers. An Antonio Citterio coffee table is located between white sofas and a wall fireplace set in a frame of oxidised metal, making it look almost like a work of modern art suspended in contemplation.

“…nella seconda metà del sottotetto si trova la camera
matrimoniale. Alcova minimale ed accogliente…”

Un angolo riparato della parete di ingresso offre spazio funzionale per la cucina, illuminata da bucature quadrate visibili dall’esterno e disegnata dagli stessi padroni di casa che ancora scelgono il bianco nei mobili per rischiarare ulteriormente i piani di lavoro. Accanto, la scala per il piano superiore, custodito tra le pendenze accentuate dei solai.
Atmosfera intima da mansarda introdotta dal ballatoio che porta al bagno, sanitari di Philip Stark e doccia centrale in muratura e vetrocemento. Nella seconda metà del sottotetto, si trova la camera matrimoniale. Alcova minimale ed accogliente, prende luce dal lucernaio posto tra la porta ed il letto che insieme a cassettone e armadi, tutto di Tisettanta, sobriamente ottimizzano lo spazio con le calde tinte del legno riprese dal pavimento.

Nelle foto: Dal ballatoio del sotto tetto si accede alla camera da letto. Tipico il soffitto mansardato, ma la spiovenza accentuata dei soffitti concede altezze confortevoli e spazio sufficiente

An area sheltered by the entrance wall provides a functional space for the kitchen; it is illuminated by square holes that can be seen from the outside, and it has been designed by the landlords, who once again have opted for white furniture in order to provide extra light to the work area. Next to this is the staircase leading to the floor above, which is contained between the steep slopes of the attic roof. The cosy atmosphere of the loft is accessed by means of a landing that leads to the bathroom, with sanitary fittings by Philip Stark and central shower in brick and glass blocks. The double bedroom is in the second half of the loft. This minimal and welcoming alcove has a skylight placed between
the door and the bed; additional furniture, all by Tisettanta, including chest-of-drawers and wardrobe, provides a delicate optimisation of space using the warm wooden colours of the floor.

condividi :
Case di campagna
04/07/2007
Il fascino intramontabile della seta
25/05/2006