ARCHITETTURA FARE PENSARE

Panche in linea con l’architettura

ARREDO
Panche in linea con l’architettura

La CALOI e Roma. Un rapporto che dura da più di mezzo secolo. Prosegue infatti con l’arredamento di questa importante chiesa, fortemente voluta dal Vicariato, la stretta relazione della ditta CALOI con la città di Roma. Fin da prima della guerra il fondatore (la ditta è giunta ormai alla 3a generazione) proponeva le famose sedie in legno con inginocchiatoio che si ritrovano ancora in uso presso numerose basiliche della capitale. Il rapporto è proseguito poi
negli anni del “boom economico” e più recentemente con il progetto delle “50 nuove chiese per Roma” dove la ditta è stata prescelta nella gran parte delle nuove costruzioni. Questo proficuo rapporto è stato poi coronato con la fornitura
dei banchi per la “Chiesa del Giubileo”, capolavoro dell’Arch. Richard Meyer. Con la Chiesa del Santo Volto prosegue quindi il rapporto tra la CALOI e i grandi architetti in cui l’azienda mette a disposizione dei progettisti tutto il suo know-how che deriva da più di 80 anni di attività. In questa occasione infatti il progettista ha voluto completare la sua opera disegnando anche i banchi. Maestria e competenza che si ritrovano in tutta la produzione che si adatta non solo alle nuove chiese e ai progetti su disegno ma anche a tutto l’enorme patrimonio storico delle chiese italiane e straniere.

Interno dell’aula ecclesiale con la semicupola che sovrasta il presbiterio. Nell’aula monocromatica
caratterizzata dall’uso del travertino, il blu cobalto connota le pareti dei confessionali e dell’aula feriale.

TECNOLOGIA
Amplificazione per la preghiera

L’impianto di amplificazione e diffusione sonora realizzato per la chiesa del Santo Volto di Gesù a Roma è costituito principalmente da due diffusori ai lati del presbiterio, progettati in modo tale che l’acustica sia ottimale nell’aula e nel presbiterio stesso. I diffusori, pluriamplificati e con potenza nominale di circa 400 Watt ciascuno, grazie alla sofisticata tecnologia che incorporano, producono un lobo di emissione schiacciato, in forma approssimativamente di ventaglio, capace di proiettare il suono in modo tale che si diffonda con un’ampia apertura orizzontale ma con limitata dispersione verticale. Sono stati collocati ai due lati dell’altare, opportunamente dimensionati e verniciati, in modo da risultare visivamente il meno invasivi possibile, e nello stesso tempo richiamare l’estetica architettonica dell’ambiente. Solo grazie ad un approfondito studio sulle caratteristiche acustiche dell’ambiente da sonorizzare, e ad una concertazione preventiva sul progetto da mettere in opera è stato possibile conciliare le richieste degli operatori liturgici, le esigenze
estetiche degli architetti ed i limiti e le difficoltà oggettive legate all’installazione di un impianto di amplificazione così da ottenere un risultato che soddisfacesse tutti. La professionalità dei collaboratori ORION/GT, in particolare del Sig. Marco Giuseppe Volponi (Responsabile Commerciale) e dello staff tecnico della ORION/GT coordinato da Giancarlo Girau, dottore in fisica elettroacustica, è stata indispensabile per ottenere l’ottimo risultato, in termini acustici e di percezione del suono, riscontrato anche in occasione della celebrazione religiosa per l’inaugurazione della chiesa appena costruita.

condividi :
Il senso del colore
16/01/2007
Ambiente di base
21/12/2010