ARCHITETTURA FARE

Open space

Open Space

In provincia di Torino, in uno stabile attualmente in costruzione, bisogna studiare in due partizioni edilizie identiche, una delle quali è situata un piano al di sopra dell’altra, due soluzioni per due utenze diverse. Un appartamento è stato acquistato da un giovane libero professionista dinamico che ama organizzare grandi tavolate con gli amici e ospitarli per i fine settimana. L’altro appartamento sarà abitato da una coppia sposata da diversi anni con un bambino nato da poco. Ciascun appartamento ha una metratura di circa 70 mq.

OPEN SPACE PER UN LIBERO PROFESSIONISTA:
La prima situazione prevede di riportare una naturale fluidità tra gli ambienti. La separazione tra le funzioni e le zone della casa è affidata esclusivamente ad espedienti di tipo percettivo, come ad esempio una diversa pavimentazione, un controsoffitto, e le separazioni di tipo fisico (i muri interni) sono ridotte ai minimi termini per soddisfare le richieste del regolamento edilizio. Così l’alloggio risulta essere fondamentalmente un unico ambiente in cui i muri ricurvi modellano lo spazio. Di fronte all’ingresso è posta la zona conversazione articolata attorno ad un elemento camino e al televisore, composta di un insieme di imbottiti stravaganti e colorati. A sinistra della porta d’ingresso è situata la cucina, appoggiata al muro esterno e dominata anch’essa dalle linee curve. Di fronte alla zona cucina, a sinistra dell’ingresso è posta la zona pranzo, definita da un muro ricurvo sul quale è appoggiata una libreria che segue la curva della parete. L’ampio respiro di cui usufruisce il tavolo allungabile assicura una notevole capacità di coperti nel pieno rispetto del comfort di ogni ospite, e nel segno della praticità: infatti non solo l’ampia cucina permette una notevole comodità nella preparazione delle vivande ma la cottura del pasto non compromette la socialità dell’occasione in quanto può essere agevolmente tenuta sotto controllo direttamente dalla zona pranzo. La zona notte, composta solo da una camera da letto e un bagno, è stata collocata dove più ovvio, nel locale già definito dalla conformazione della metratura del loft e dove posizionati gli scarichi fognari. La camera da letto è separata dal resto della casa da un muro senza porta. L’ingresso è stato posto dove indicato (potendo scegliere in quanto la casa è ancora in costruzione), in modo da accentuare all’occhio di chi entra il senso della profondità. Per tutto l’appartamento sono state scelte delle piastrelle marmette palladiane che offrissero una tonalità omogenea in ampie zone, di due colori base: grano per la zona giorno, accompagnate dalle pareti color crema, e azzurre per la zona notte, avendo optato per il blu e il giallo come tinte dominanti per tutto l’appartamento. La pavimentazione che definisce la zona cucina è accompagnata da un controsoffitto che ha la stessa forma.

Spazi fluidi e aperti per un single che ama stare in compagnia

1. Poltrona a dondolo “Roly Poly”, morbida, anticonvenzionale, grazie ad un baricentro concentrico pur dondolando su se stessa torna sempre dritta senza mai cadere. La struttura portante è formata da una scocca di resina rinforzata con lana di vetro, l’imbottitura è in poliuretano indeformabile, ovattato con tessuto protettivo, la base di forma sferica è realizzata in resina sabbiata color antracite. Giovanetti. Prezzo a partire da L. 2.200.000.
2. Lampada da parete “Bokutee”con diffusore in carta lavorato a mano. Montatura in alluminio anodizzato, diametro cm. 6,5 altezza cm. 66. Fonte luminosa a risparmio energetico, lampada fluorescente dulux L 36W. Plastic People.
3. Il tappeto ”Kloc” comprende uno schienale (duna) in schiuma di poliuretano ad alta resa Bultexcon, tessuto in lana su un supporto di feltro spesso. È possibile ordinare separatamente schienali supplementari da posizionare a scelta. Dimensioni cm. 190×230, diametro duna cm. 94. Ligne Roset. Prezzo L. 2.070.000 circa, prezzo duna da applicare in qualsiasi tappeto L. 581.000.
4. Faretti a sospensione “Fili d’angelo”. Lampada dicroica con vetro di protezione, con ghiera da incasso, rosone singolo o rosone multiplo. Steli disponibili in varie lunghezze e in pose tipo. Album. Prezzo elemento con rosone singolo diametro cm. 12 a partire da L. 158.000.

PER UNA FAMIGLIA:
Ambienti separati

Il secondo progetto contempla una situazione più tradizionale. Una famiglia con una vita regolata da metodicità e orari fissi che ha bisogno di locali ben distinti. E’ necessaria una separazione netta tra la zona giorno e zona notte, e all’interno di ciascuna zona, tra i diversi ambienti. L’ingresso qui è posto quasi al centro della parete a nord, e dà accesso a una zona di passaggio che fa da snodo tra le due zone. A sinistra dell’ingresso si trova la porta verso il disimpegno della zona notte, alla sua destra si apre un ambiente di forma irregolare in cui si articola la zona giorno. La cucina è stata situata nell’angolo a sud ovest, grazie alla presenza degli scarichi che sono stati previsti anche in questa posizione. Tra la cucina e la parete della camera da letto singola è stato posto il tavolo da pranzo, utilizzato sia quotidianamente sia in caso di ospiti. La zona conversazione trova una comoda collocazione tra la parete della cucina e la parete posta a nord, mentre immediatamente a destra della porta d’ingresso una poltrona con una libreria crea un confortevole angolo lettura. A sinistra dell’ingresso una nicchia funge da appendiabiti. coppia con figlio angolo lettura Nella zona notte è possibile ricavare una camera da letto singola,un ampio bagno e una camera da letto matrimoniale. Gli arredi sono dominati da linee geometriche molto sobrie e con colori freddi, mentre per le pareti i colori scelti sono orientati verso tinte calde e confortevoli. Le pareti della zona giorno sono color crema, e per i pavimenti si sono scelte piastrelle in Gres porcellanato color terra indiana. Le pareti delle camera da letto sono tinte lilla e per la camera singola, data la presenza di un bambino che deve ancora trascorrere lungo tempo a camminare e a giocare per terra, è stata scelta una pavimentazione in una particolare moquette usata solitamente per gli ambienti sottoposti ad alta usura, come le hall degli alberghi: si tratta di un materiale posato a piastrelle, facile da mantenere e antibatterico.

Divisione spaziale rigorosa per una famiglia di tre persone

1. Comodino e mobiletto “Qbo” componibile. Modulo elementare, raccoglitore di oggetti di uso domestico. Verniciato con polveri epossidiche e disponibile in tanti colori, con fondale a crociera e maniglie a scelta. Montabile su ruote o piedi, è facile da personalizzare con perforazioni di vario tipo e con colori diversi. Dimensioni montato cm. 35x35x35. Graepel High Tech.
2. Ripiani estensibili ”XT”. Sistema di librerie e ripiani attrezzati in alluminio, acciaio e materiale termoplastico. Elemento pratico d’arredo che può essere modificato a seconda delle esigenze. De Palma Associati – De light.
Prezzo a partire da L. 499.000.
3. Sedia pieghevole “Donald” con forti connotazioni di design come la leggerezza dell’arco di compasso, l’armonizzazione dei materiali oltre alla praticità. Struttura in alluminio pressofuso e inserti in acciaio, finitura disponibile lucida e satinata. Il sedile e lo schienale sono in materiale termoplastico espanso, il rivestimento in pelle frau. Poltrona Frau. Prezzo L. 689.000 versione lucida.
4. Tavolo da pranzo “Tramerei” in cristallo cm 15 allungabile con prolunghe a tapparella. Struttura e gambe in acciaio inox satinato. Reflex. Prezzo L. 7.500.000 IVA esclusa.
5. Divano angolare “Terra e Libertà” estremamente pulito e lineare. Può essere inserito il poggiatesta. E’ attrezzabile inserendo sull’angolo della spalliera un vassoio portaoggetti. Struttura in legno, imbottitura in poliuretano indeformabile e ovattatura in Dacron con tessuto protettivo. Piedi in faggio naturale o tinto noce con base in alluminio trattato, a richiesta in resina epossidica nei colori naturale o blu con base in alluminio trattato. Libero di Giovannetti. Prezzo L. 2.840.000.

condividi :
Dal Veneto con stile
28/06/2006
La radicalità dell’open space
09/06/2008