ARCHITETTURA

Piccoli montacarichi per imprese di successo

Piccolo è bello – si diceva un tempo. Piccolo è anche utile. E può funzionare molto bene: ma solo se ci sono gli strumenti adatti.
Tra le piccole cose che possono risolvere grandi problemi c’è l’ascensore degli oggetti. Portare vivande dalla cucina alla sala del ristorante, portare gli abiti dal magazzino al salone espositivo, portare bevande dalla cantina al pub… 
La città contemporanea è sempre più verticale, in cui gli spostamenti avvengono non su due, ma su tre dimensioni. E la terza, quella verticale, è quella che in passato era il più possibile evitata (non a caso il “piano nobile” delle case era quello basso…): perché era faticoso portarsi in alto, o spostare oggetti a livelli superiori (o inferiori).
Nella città verticale lo spostamento automatizzato delle persone in senso verticale è un dato acquisito, grazie alla diffusione degli ascensori. Per certe categorie di esercizi commerciali è un dato acquisito anche il trasporto delle merci nella dimensione verticale.
Forse però questo aspetto è passibile di ulteriori espansioni: si pensi che i piccoli montacarichi elettrici possono essere commisurati anche per pesi non superiori ai 24 Kg.
Una misura assai ridotta, ma tuttavia importante: basti pensare a quanto tempo, e quanta fatica, si può risparmiare ogni giorno se si evita di spostare a mano da un piano all’altro, in un grande magazzino di abiti di moda, un peso di circa 10 chili: chi si trova a contatto con la clientela può concentrarsi sul rapporto umano ed evitare di farsi distrarre da incombenze di altra natura, senza dubbio fastidiose, se non faticose.
Il “clima” umano, dove ci si libera dalle incombenze meno attraenti, migliora subito: ed è noto che dove gli addetti al rapporto col cliente sono più felici, aumenta anche il fatturato. Perché la felicità è la vera ricetta del successo.
Ecco dunque che “piccolo è veramente bello”, là dove è anche utile. Non solo: là dove è anche esteticamente godibile: infatti un montacarichi leggero dà un grado di libertà in più anche al disegno architettonico del punto vendita.Impianto: Microlift® di Daldoss Elevetronic, montacarichi per sole cose
Installazione: sempre con struttura portante per interni
Cabina: in lamiera acciaio verniciata a forno nella versione standard con opzioni: illuminazione con plafoniera; set riscaldamento con termostato; ripiani aggiuntivi; dispositivo di pieno carico
Portata: da 24 Kg a 300 Kg
Corsa: fino a 30 m Fermate: da n. 2 a n. 12 nelle configurazioni standard
Accessi: fino a n. 3 per ogni piano
Velocità: 0,30 m/s (12-24-50-100 Kg); 0,17 m/s (200-300 Kg)
Porte di piano: cancello a doppia ghigliottina o porte a battente
Pulsantiere di piano: pulsante di chiamata e rimando a tutti i piani con indicatore luminoso di cabina presente o occupata; suoneria acustica cabina arrivata

condividi :
Il Calice La Patena La Pisside
26/05/2006
L’insostenibile leggerezza di un soppalco
31/07/2005