ARCHITETTURA FARE PENSARE

Le cucine a moduli. Disposizioni a “L” a “U” e in linea.

Palazzetti offre un particolare sistema di montaggio delle cucine in muratura: i moduli prefabbricati in conglomerato cementizio leggero vengono installati in ambienti già finiti. L’operazione successiva consiste nel realizzare le finiture a muro della facciata grezza o rivestirla in ceramica. Successivamente si inseriscono i mobili, completi di spalle laterali e antine, gli elettrodomestici a incasso e i piani di lavoro. I programmi Siviglia, Antico Friuli, America, offerti da Palazzetti offrono una flessibilità pari a quella di una cucina componibile e una vasta gamma di materiali e colori capace di soddisfare ogni gusto.

Senza dimenticare la notevole esperienza dell’azienda nel taglio e nella fornitura di marmi, oltre all’ampia selezione di essenze di legno che nei camini si traduce nel programma del ‘Progetto su misura’. La cura artigianale unita alla più avanzata tecnologia, l’elevata qualità dei materiali e la preferenza per elettrodomestici prodotti e garantiti dai più noti marchi internazionali, danno vita a cucine ricercate, di assoluto pregio e dalla lunga durata.

Il modello America di Palazzetti può essere dotato
di un funzionale forno a legna per cucinare in modo genuino e un ampio focolare che consente di sbizzarrirsi con diversi tipi di cottura: dalla griglia alla pietra ollare. Le ante della cucina sono costruite artigianalmente e sono disponibili in diverse finiture. Qui nelle foto, è presentata la versione d’insieme e alcuni dettagli del modello con ante in rovere tinta wengé, piano in marmo di Carrara e pensili in alluminio e vetro.

Come disporre la cucina

Quando c’è troppa distanza tra le varie aree c’è il rischio di rendere dispersivo l’accesso alle singole funzioni, mentre se sono troppo ravvicinate aumentano i pericoli per la mancanza di spazio di movimento. L’area di movimento ideale è definita da un immaginario triangolo i cui vertici sono tracciati dalle funzioni principali che si svolgono in cucina (cottura,
lavaggio, conservazione) deve avere un perimetro compreso tra i 360 e i 660 cm.

Disposizione a "L"

È una delle soluzioni ottimali
in quanto le attività sono funzionalmente
avvicinate tra loro
in modo da limitare i percorsi
tra una zona e l’altra e avere
tutto sotto controllo.

Disposizione a "U"

Richiede una superficie della
cucina ampia, la disposizione
accurata degli elettrodomestici
ne facilita l’utilizzo.

Disposizione in linea

Ideale per cucine lunghe e
strette o per raggruppare tutte
le funzioni del cucinare negli
open space. I mobili e gli
elettrodomestici sono disposti tutti
su un lato.

 

condividi :
Sterilor
31/07/2005
Natura/Architettura – Ecologia dell’ambiente costruito
08/09/2010