ARCHITETTURA FARE PENSARE

La varietà dello stile

Una grande realtà produttiva a livello internazionale ha il vantaggio di poter proporre una vasta gamma di idee, che si riferiscono non solo alla tradizione ma anche alle tendenze più aggiornate.

Nata come laboratorio artigianale nei primi anni Sessanta, Euro-Fer inizia il processo di creazione degli elementi più classici e noti in ferro battuto per poi arrivare a una innovativa “business-idea”: la produzione su scala industriale dei componenti in ferro battuto. La continua espansione dell’azienda nel corso dei suoi oltre quarant’anni di vita, l’ha portata non solo ad espandersi sui mercati esteri, ma anche (e questa è una nota assai singolare) a far sì che i propri cataloghi, ricchi di centinaia di creazioni, diventassero pubblicazioni atte anche alla consultazione: autentici “regesti” di
idee. Articoli, disegni e fotografie dei prodotti realizzati possono suggerire ai clienti, e ai fabbri, preziosi spunti: suggerimenti per creazioni originali realizzabili, per esempio, con la composizione di diverse soluzioni esistenti.
E’ un esempio chiaro di quel che vuol dire il passaggio dalla produzione su piccola scala artigiana, alla produzione su scala maggiore, a carattere industriale nelle cifre. E questo, pur mantenendo la qualità e la cura del lavoro artigianale.
Infatti una grande realtà articolata compagina con efficacia la capacità di interpretare le nuove tendenze di mercato mentre sviluppa le novità più interessanti per soddisfare i gusti della clientela; e sa raggiungere i vantaggi della produzione da grande azienda internazionale pur mantenendo intatto il valore artigianale di una produzione, nella quale si ritrova anche l’amore per la precisione del lavoro fatto a mano.

I cataloghi sinora usciti di Euro-Fer danno un’idea precisa della vastità della produzione. Vi si trovano cancelli dai sapori diversi: stile “Classico”, stile “Duemila”, stile “Liberty”, stile “Rustico”, stile “Country”. In particolare nello stile “Duemila” si riscontra come le modalità espressive di antica origine possano essere reinterpretate e rivissute nell’oggi, unendo il gusto per l’ornamento classico alla tendenza lineare, schietta e svelta che caratterizza la sensibilità del tempo attuale. Vediamo così cancelli dove ritorna il riccio: il ferro rigirato a spirale che in vari modi arricchisce i cancelli storici. Ma questa forma avvolgente può essere eseguita secondo modalità espressive tra loro anche molto differenti. Il riccio, per esempio, può richiudersi ad occhiello: si troveranno così serie di cerchietti cui la “coda” a spirale conferisce il senso della rotazione. Molto adatti per costellare il profilo sommitale di un cancello, soprattutto se questo ha un andamento sinuoso. La serie di girali (i “cerchietti”) contribuirà a movimentale il profilo, esattamente allo stesso modo in cui un’onda lunga nell’avanzare presenta tanti piccoli vortici.

condividi :
Una “cuccia” regale
31/07/2005
Rievocare e aggiornare l’immagine del tempo
31/07/2005