FARE

La singolarità del luogo


Villette “quasi” a schiera

Una soluzione nuova permette di individuare ogni singolo ambiente del complesso articolato
secondo un decustruttivismo organico, consono al panorama della natura antropizzata di Brianza.

Every area of this deconstructionist complex can be singled out with this new solution, consistent with
Brianza’s natural landscape.

Progetto di Laura Rocca, architetto, Roccatelier Associati
Servizio e testi di Leonardo Servadio
Foto di
Archivio Roccatelier

La cifra progettuale delle usuali villette a schiera è l’uniformità, che implica anche allineamento e ripetitività. L’individuazione è lasciata all’arredo floreale o ai complementi che i singoli proprietari collocano sui terrazzi e davanti alle soglie. Invece in queste dieci villette “quasi” a schiera di Ruginello, l’approccio è totalmente diverso: rivoluzionario in un certo senso (non per nulla il progetto di Laura Rocca ha vinto il prestigioso “International architecture award” 2007 dell’Athenaeum di Chicago). Sul lotto che si sviluppa in lunghezza, l’edificio è un assieme di linee spezzate che si dipanano inseguendosi e trovando qua e là emergenze in forma di porzioni di volta e archi variamente ruotati e orientati. Mentre, visibile sullo sfondo, sta il Resegone dalle frastagliate cime.

The design key of terraced housing is uniformity, which also means alignment and repetition. Personalisation is left to the floral arrangements and furnishing solutions that owners place on terraces and in front of entrances. The ten terraced houses in Ruginello, shown here, use a completely different approach that is, to a certain extent, revolutionary
(Laura Rocca’s project won the prestigious ‘International Architecture Award 2007’ from the Athenaeum of Chicago).
Located on the long allotment, the building is a series of broken lines that spread out in search of outcrops in the form of portions of vaults or arches variously rotated and oriented. In the distance you can see the rocky peaks of the Resegone. The floor plan puts emphasis on privacy, both with regards views onto the exterior and the private nature of the terraces.

Il tetto e il nido

Ricorda la capote che si apre “a compasso” delle carrozzelle trainate da cavalli, o delle prime automobili, questa copertura tondeggiante che ospita all’interno un volume aperto, agibile come spazio ludico o di studio, salotto o belvedere. La configurazione ricurva offre un senso di protezione ed eslta l’altezza dell’ambiente. All’esterno il profilo
superiore del complesso presenta cuspidi e rientranze che si confrontano con le linee dei monti, ben visibili a pochi chilometri di distanza.

Ogni casa ha ingresso autonomo, individuato nella continua variazione della facciata. Pagina sinistra in alto: ingresso dei box. Il lotto in pendenza consente di inserire il garage sfruttando la differenza di quota del terreno.

Each house has its own entrance that is marked out by a change in the facade.
Left page, top, entrance to the lock-up garages. The slope in the allotment has been used to create lock-up garages.

I materiali

Alla copertura in rame, si accostano porzioni di pareti esterne protette con legno a vista, mentre a sottolineare l’orizzontalità dell’edificio vi sono dei fascioni in cemento a vista. La parte bassa delle facciate è rivestita in ciottoli
di fiume che compongono una superficie dai molteplici riflessi, qua e là interrotta da specchiature intonacate bianche.

La scelta di rivestire in legno i soffitti e di esporre in evidenza le strutture alleggerisce il disegno
degli ambienti e si associa alla ricchezza di aperture con effetti luministici gradevoli.

Gli assi della finestra riequilibrano il rapporto normale dell’orizzonte, mentre il profilo degli infissi nega questa organizzazione consueta dell’ambiente. La scala è anche canale di luce. A sinistra: uno degli spazi soggiorno-cucina.
L’elemento a penisola è un bancone che ricorda quello dei bar e permette grande trasparenza.

Window frames compensate for this slope in the terrain and restore a sense of overall balance. The staircase also
acts as a channel of light. Left, a kitchen/living-room area. The peninsular is a bar-type counter that provides transparency.

L’articolazione in pianta permette di esaltare la privacy, sia nelle vedute esterne, sia nel rispetto dell’intimità dei terrazzi. Le coperture, in rame verde protratta, sottolineano la continuità del fabbricato. Mentre all’interno gli appartamenti sono universi singoli: lo spazio si dilata su due livelli e si proietta in nuove dimensioni grazie
alle rotazioni imposte alle strutture metalliche in evidenza e alle finestre a sghembo, come a sottolineare che c’è qualcosa che va al di là del visibile.
La circolazione dell’aria è studiata in modo tale da rendere superfluo il condizionamento.

Green copper roofs emphasise continuity with the building. On the inside, the apartments are individual universes: split on two levels the space projects into new dimensions thanks to the rotations created by the

Logica dell’open space

L’open space è sempre più di moda. Il suo aspetto più problematico sta nella difficoltà di individuare in esso singoli ambienti e nella mancanza di soglie. In queste case invece, diversi elementi assumono carattere liminale o caratterizzante: a partire dalle strutture metalliche blu che disegnano parti diverse dei rivestimenti. Balaustre, griglie semitrasparenti e scale fungono anch’essi da momenti di soglia.

 

condividi :
Forme in evoluzione
02/05/2007
Montichiari: Pulchra Ecclesia in mostra
24/11/2005