PENSARE

La grande stufa a due piani


PER SCALDARE DA SOLA UN ’INTERA CASA ALPINA TRADIZIONALE
Progetto: Ufficio Tecnico Osta “i Tuttolegno”, Località: Fiera di Primiero,
Materiali: legno abete per le boiseries e ciliegio per i pavimenti, Testo: Walter Pagliero, Foto: Fabrizio Gini

Il calore che comunica questa casa è sia psicologico che termico, anche d’inverno quando il grande freddo delle Dolomiti copre di neve e ghiaccio questa tradizionale località di villeggiatura. Perché la stufa di maiolica a due piani è in grado, con pochi carichi di legna, di diffondere un dolce tepore sui due piani principali, il soggiorno e la zona notte, rispettando, con fumi particolarmente puliti, la splendida natura che vi è intorno. I proprietari che l’hanno voluta, pur avendo di riserva anche un sistema di riscaldamento a caloriferi, preferiscono usare sempre la stufa in ceramica per il suo più favorevole impatto ambientale ed anche per la sua trasmissione del calore per irraggiamento che è molto più “morbido” e avvolgente di qualsiasi altro sistema. Questa grande stufa, che fa da centro ottico del living, separa la zona pranzo dal salotto e introduce scenograficamente alla scala in legno che porta alla zona notte. Quanto al calore psicologico, il merito è della ditta “Osta i tuttolegno” che ha curato l’arredamento completo, chiavi in mano, perché hanno saputo disporre i mobili e gli oggetti in modo accogliente dando loro i colori giusti.

Osta “i tuttolegno”. Il seme di questa azienda ha iniziato a germogliare nell’immediato dopoguerra, quando il capostipite di questa famiglia di artigiani, Armante Osta, ha aperto una falegnameria a Padola di Comelico Superiore in provincia di Belluno. Aveva l’ambizione di costruire prodotti nello stile del Cadore, la zona dove era nato e lavorava, e col tempo riuscì a realizzare mobili rustici in legno di cirmolo che ebbero notevole successo. In tempi più recenti, suo figlio Ermanno e i suoi nipoti Massimo ed Emiliano porteranno l’azienda di famiglia a realizzare interni completi nel gusto cadorino: scale, boiseries, mobili e complementi d’arredo, il tutto in legni locali o in materiali ad essi collegati come il ferro battuto. Si tratta di un magistrale servizio “chiavi in mano” che permette al committente di avere in poco tempo un interno di gusto collaudato, molto qualificato e degno di comparire sulle migliori riviste di arredamento.

Un interno di gusto cadorino ricco ma semplice e accogliente
Queste foto, anche se il resto della casa è altrettanto meritevole, riprendono solo il grande spazio del living che accoglie
l’ospite subito appena entrato. Il colpo d’occhio è superbo: al centro la grande stufa a due piani con una profonda panca per i più freddolosi e, dietro di essa,una movimentata scala in legno che fora il soffitto, anch’esso in legno, a cassettoni poco rilevati. A sinistra c’è il salotto con divani correnti su due pareti, foderati con una stoffa dal ricco disegno a fasce alterne di damasco e tinta unita. Questo tessuto, unito alle tende di un prezioso giallo oro, danno un tono ricco a questo interno dominato da un legno, l’abete, molto usato nella tradizione contadina locale. Una parola va spesa per descrivere il ruolo centrale della stufa nel caratterizzare l’arredamento. È stata fatta da un fumista locale che si appoggia alle ceramiche dei conti Thun di Bolzano: sono loro le grandi piastrelle in maiolica bianca con rilievo ad arco che danno al manufatto quel tono sobrio e austero caratteristico delle decorazioni medioevali della zona. E sono sempre loro le quattro cornici in maiolica verde pino che completano degnamente l’insieme.

 

condividi :
Il paesaggio interiore
11/01/2007
CAMINO PER GLI AMICI
27/01/2011