ARCHITETTURA FARE PENSARE

La felicità intorno al fuoco


Il fascino della stufa

La stufa in maiolica non è soltanto un’efficacissima fonte di calore, coni suoi colori e disegni sempre originali.
Nella foto sotto vediamo un modello di Zardini di Cortina d’Ampezzo; a destra una Prosch Keramich rivestita in formelle dai delicati disegni bianchi e verdi, un motivo ornamentale originale del ‘700.
Queste stufe sono eccezionali scambiatori di calore, tramite camere in cui fluiscono i gas della combustione, che cedono la loro energia ad una serie di circuiti interni in cui circola l’aria ambiente che, una volta riscaldata, fuoriesce attraverso griglie o viene incanalata in più vani, riuscendo così a riscaldare anche ambienti di parecchi metri cubi.

Il gusto della ceramica

Deliziosa e semplicemente perfetta per un ambiente rustico, questa madia con alzata a tre piani; è il modello “Linea”
De Agostini.
In questo caso, però, ciò che conta non è solo la madia ma anche l’atmosfera creata dalle belle ceramiche antiche.

Creazioni artigianali

Ogni formella di questo cotto viene “creata” da un pezzo di argilla che è poi singolarmente impastata a mani nude, senza l’ausilio di alcun attrezzo.

All’essiccazione, che avviene completamente al naturale, segue la cottura in forni a legna, alla temperatura di
1050 C. Questo impedisce la cristallizzazione del materiale, conferendogli un’eccezionale porosità e omogeneità in tutto il suo spessore. In questo modo, il trattamento e l’eventuale coloritura non rimarranno soltanto in superficie, ma
diventeranno un tutt’uno con il prodotto che risulterà così impenetrabile alle macchie.

Ogni pezzo diventa “unico” e il pavimento risulta nel complesso assolutamente irripetibile (centro Affari Veneto).

condividi :
Editoriale
20/09/2005
Schede di qualità
14/11/2006