ARCHITETTURA FARE

La casa galleggiante sulla terra

Situata nella parte sud-occidentale della Corea del Sud, Gwangju è stata da tempo conosciuta come città delle arti, con una buona tradizione nei campi della musica, della pittura e della letteratura. Questa tradizione artistica è continuata fino alla Biennale di
Gwangju. Famosa per il suo panorama naturale, è il centro agricolo e commerciale della regione sudoccidentale della nazione.
Con una popolazione di 1,4 milioni di abitanti, è la settima città della Corea.
Possiede una quantità di luoghi storici, che risalgono al regno di Paekche (18 a.C. – 660 d.C.) e a tempi preistorici precedenti. Durante gli ultimi anni del regno di Choson, in quest’area fiorirono attività accademiche e artistiche, facendone il crogiolo di una cultura
tipica dell’antica Corea.Nella recente rapida evoluzione delle grandi città coreane, si è perso quasi completamente lo stile “orientale” in favore di uno stile più anonimo; purtroppo allo sviluppo frenetico si sono sacrificati tanti piccoli capolavori in legno, case private a un solo piano, gruppi di costruzioni tipiche abbattute per fare posto a edifici in cemento armato squadrati, come si vedono in tutte le grandi città del mondo, ma senza quella grazia e quell’atmosfera un poco misteriosa che tanto attiravano i viaggiatori di un tempo.
Hye Ro Hun è la casa galleggiante sulla terra, in Corea del Sud, progettata dallo studio dell’ architetto Iroje Hyo-Man Kim. Come un’ antica fortezza, come la fortezza di Suwon, ha realizzato un edificio che si completa in alto con le torri di guardia dal tetto piano. Il sito è ubicato nella zona di confine tra la città e la montagna.La visuale dalla parte dell’ingresso, che si trova a est, è libera, cosicché da rendere visibile il paesaggio urbano del centro di Gwangju. Sul retro come panorama sulla natura ci sono le montagne.
All’apertura delle porte trasparenti dell’ingresso, inizia l’accesso verso l’interno della casa percorrendo un lungo viale che somiglia a un canyon architettonico. Dopo l’ingresso,
attraverso lo spazio sotto il ponte-corridoio superiore, si raggiunge il cortile interno che è attaccato all’entrata.
Dopo la penetrazione attraverso lo spazio sotto del ponte superiore corridoio, si tratta di raggiungere il cortile interno che è collegato all’ingresso.
Due scatole di legno che contengono una camera da letto doppia si posano sulla massa architettonica al cui interno si sviluppano la zona soggiorno e la stanza da pranzo.Una scatola contiene la camera da letto padronale con lo studio; l’altra forma due camere da letto con studi per le due figlie. Sopra il soggiorno, che si articola su un’altezza di 9 metri, fluttua una camera da letto padronale a doppia altezza con un giardino di bamboo.
Attraverso la luce più alta del tetto il movimento del sole fa variare nel corso della giornata l’atmosfera all’interno dello spazio del soggiorno.
Passaggi orizzontali o verticali che si trovano all’interno o all’esterno e tutti i passaggi di questa casa si incontrano e circolano nella spettacolare sequenza dei vari spazi.

condividi :
Spazi flessibili
18/12/2006
Rubner
01/09/2005