ARCHITETTURA FARE PENSARE

L’emozione di oggi e di sempre

In primo piano apparecchi hi-tech, schermi a cristalli liquidi per teletrasmissioni interattive, punti luce di design, ma tutto attorno anche travature in legno massello a vista e una fantastica vetrata che dà sullo scenario di una costa frastagliata, vergine di rocce e di vegetazione…. Incontriamo questa immagine nella rivista “Focus” di dicembre 2004. Il titolo del servizio ne spiega il significato: “Oggi non si lavora soltanto per vivere, ma per ‘realizzarsi’ e avere soddisfazioni”… Il senso è chiaro raggiunta una condizione di benessere, il lavoro si integra con lo spazio più utentico
della vita. Casa e ufficio si compendiano. In ogni momento la vita va vissuta appieno. Il futuro non si contrappone al presente o al passato, ma si integra in un tutto armonico con esso.

Immagine tratta da Focus

Ma proprio al centro di quella stanza, così densa di suggestioni all’ultimo grido ma anche di richiami alla solidità della tradizione in quel luogo che è la somma di tutto quel che di bello e di buono la vita di oggi può dare, che cosa troviamo? Il camino. Col fuoco acceso nel focolare e la canna fumaria bene in vista. Un camino che occupa tutta la parete di fondo e diventa il centro di attenzione, il motivo ispiratore dell’ambiente. Il luogo dove il futuro hi-tech si ricongiunge col passato delle travi lignee, con lo splendore del panorama. Il camino è la concretizzazione dell’idea di continuità nel tempo. Il luogo dove si raccontano le favole ai bambini, dove si sorseggia il buon vino nelle serate conviviali, dove si progetta l’avvenire. Ecco perché quando si rievoca la bellezza della vita, quando si parla della libertà che il tempo presente sa dare anche nel momento del lavoro, il camino si pone come elemento emblematico. Nel lavoro che diventa svago, nello svago che diventa produttivo, il camino accompagna i passi dell’uomo e sussurra queste parole senza tempo: calore, famiglia, affetti, ricordi, tranquillità domestica anche nel momento dell’impegno. E quanto più creativo questo impegno, tanto più ineludibile la sua presenza amica. Ecco perché in questa pagine non ci limitiamo a fornire un supporto per tutti coloro (e sono tanti e sempre maggiore è il loro numero) che desiderano costruirsi un camino. Ma raccontiamo, con le nostre immagini di camini di tutto il mondo e di tutte le epoche, una grande storia. Quella del camino: che è focolare, fonte di luce e calore. Ma forse ancor prima, luogo dell’emozione.

Giuseppe Maria Jonghi Lavarini

condividi :
Il Museo degli orologi da torre a Uscio (Genova)
31/07/2005
Il tempio di Don Bosco
26/05/2006