ARCHITETTURA FARE

L’acqua è l’oro di domani


Il rubinetto che fa risparmiare

La competizione oggi si gioca sulla innovazione che si basa su qualità ed efficienza.

Teorema, azienda bresciana produttrice di rubinetterie, ha scelto un contesto prestigioso, quale Palazzo Mezzanotte in Piazza Affari a Milano, per presentare alla stampa di settore ed ai distributori, i loro nuovi prodotti pronti per
essere immessi sul mercato.
Si tratta di due rubinetti: “Duck” e “Tree”, i loro nomi sono associati alle loro forme, un’anatra ed un albero.
Il primo un miscelatore, monocomando la cui apertura e chiusura d’acqua varia la forma stessa del rubinetto e propone un’uscita del getto a cascata con invito verso il basso che lo fa assomigliare al becco di un’anatra.
Tree invece va ad arricchire la gamma dei rubinetti a doppio comando con un design decisamente nuovo, un albero i cui rami, uno posizionato asimmetricamente rispetto all’altro, sono le manopole di comando. La bocca d’uscita dell’acqua contiene un sistema innovativo di doppia protezione anti-calcare che ne previene la formazione e la rimozione dei suoi residui avviene con un semplice gesto (aeratore anticalcare autopulente).

Il design efficiente di Duck con effetto cascata non si limita ad una semplice risposta estetica.
Il risparmio sul consumo d’acqua è di oltre il 40% rispetto ai comuni rubinetti.

Tree è il primo rubinetto asimmetrico. Perfetto nelle sue imperfezioni. Nessun elemento è uguale agli altri, ogni rubinetto vive una sua propria individualità.
Impeccabile e di lunga durata.
Il rubinetto Tree attraverso il sistema innovativo di doppia protezione anticalcare ne previene la formazione e facilita la rimozione dei residui.

Ma la novità per cui ci soffermiamo su questi due prodotti è un’altra: l’azienda che li produce ci garantisce un risparmio d’acqua del 40% e se ciò fosse vero, cosa peraltro di cui non dubitiamo vista la serietà degli studi fatti e vista la serietà della stessa azienda di esperienza centenaria e che ha fatto dell’ innovazione la sua mission d’impresa,
abbiamo davanti qualcosa che guarda al futuro e guarda tutti quei paesi dove l’acqua già oggi rappresenta un bene prezioso.
L’immagine che appare sullo schermo ad inizio conferenza stampa è la stessa che appare sui nostri cartoncini invito ed è un susseguirsi di foglie in oro con la dicitura: “L’acqua è l’oro di domani”; è un invito a riflettere, prima ancora
di pubblicizzare il prodotto e da cui si parte per un viaggio filologico che unisce ecologia ad economia, eco-consapevolezza ad eco-efficienza, per arrivare al concetto di mercato ed investimento.
Investire nell’acqua si può, vuol dire risparmiarla e per risparmiarla senza cambiare le nostre abitudini bisogna investire in efficienza e puntare quindi ad una invenzione che soddisfi le esigenze del mercato.
Teorema si è rivelato un orchestratore valido e motivato poiché ha capito che la competizione oggi si gioca sulla innovazione, quella vera che si basa su qualità ed efficienza, ma soprattutto puntando su un nuovo valore socialmente condiviso e solo un’azienda che ha nel suo DNA il concetto di competizione può tramutarlo in percorso d’Impresa; infatti non dimentichiamo che oggi assistiamo ad una evoluzione del concetto risparmio, già iniziata un anno fa con l’inserimento sul mercato di “Jetto” che si basava su una proposta del 25% di minor consumo. Per chi non conosce le proporzioni del tema “Acqua”, sappia che oggi la media di consumo pro-capite in Italia come in altri paesi è
di 215 Litri al giorno, di cui 30 inerenti a lavabo e bidet. Chi vuole divertirsi cominci a fare qualche conteggio tramutando i Litri in Euro ed i giorni in mesi ed anni e capirà il perché della scelta da parte di Teorema di invitare i suoi interlocutori in Piazza Affari, proprio nella sede della Borsa dove di numeri e di soldi si parla tutti i giorni.

Maria Dimita Giombini

 

condividi :
SAUNA E WELLNESS
21/02/2012
Rivestimenti lignei
31/07/2005