FARE

Involucro soft


PARETI E SOFFITTI SONO IL CONFINE VISIVO E TANGIBILE DEL NOSTRO AMBIENTE DOMESTICO, SONO IL PAESAGGIO CROMATICO CHE CI CIRCONDA OGNI GIORNO, SONO LA PROTEZIONE CHE CI AVVOLGE: È GIUSTO DUNQUE SCEGLIERE LE SOLUZIONI CHE PIÙ SI ADATTANO AI NOSTRI GUSTI E ALLE NOSTRE ESIGENZE

La definizione dell’involucro murario dell’ambiente che ci circonda è affidata prevalentemente, a livello visivo e a livello
tecnico (insieme ai pavimenti) alle pareti e ai soffitti: questi sono gli elementi che disegnano lo spazio intorno a noi e che nello stesso tempo possono comunicare esteticamente ogni emozione che vogliamo correlata al nostro ambiente ma anche risolvere al meglio la tecnica della superficie.
– Da questo punto di vista pareti e soffitti devono assicurare contemporaneamente la traspirazione dalla parete verso l’interno (per smaltirne gli eccessi d’umidità che potrebbero rovinarla) e anche verso l’esterno (se vi comunica), per lo
stesso motivo, e dall’ambiente verso la superficie muraria (per regolare il livello adeguato d’umidità ambientale, fermo restando che livelli ingenti d’umidità devono essere evacuati attraverso sistemi di aerazione naturale o forzata).

MEGLIO DELLA PIETRA
Easy Stone di Palazzetti è un rivestimento da esterni ed interni, isolante, traspirante, naturale, ignifugo, leggero, maneggevole e riciclabile. Costituito da accurata selezione di materiali innovativi e colorato con ossidi naturali resistenti nel tempo, è in grado di riprodurre fedelmente mattoni, pietre e sassi naturali, che grazie al trattamento con TX Active® (il principio fotocatalitico mangiasmog brevettato da Italcementi), manterranno intatte le qualità estetiche, grazie alla proprietà di autopulizia della superficie. L’applicazione infatti dei principio attivo TX Active® ai materiali cementizi utilizzati in edilizia consente all’energia luminosa di decomporre significativamente le sostanze organiche ed inorganiche
presenti nell’atmosfera, contribuendo concretamente alla riduzione dell’inquinamento atmosferico: Nella foto una parete
rivestita con Easy Stone Pirenei.

– Esteticamente le superfici devono assicurare l’effetto che vogliamo conferire all’ambiente sia con la trama superficiale, più o meno in rilievo o perfettamente liscia, sia con i colori e la loro stesura, da uniforme a variegata, a seconda
dello strumento e della tecnica che si usa.
– Da qualche tempo a questa parte, stanno tornando in auge i materiali naturali e le tecniche antiche che ripropongono soluzioni più funzionali e esteticamente molto valide, perfette per le case d’epoca, mentre si stanno abbandonando
le tecniche più moderne che in un certo senso alterano (o comunque non rispettano fino in fondo) l’ambiente delle case di un tempo.
Oppure si aggiornano con le tecnologie d’oggi soluzioni tradizionali difficilmente praticabili o troppo costose, col vantaggio di migliorare anche le prestazioni.

LEGNO DI QUALITA’¸
Il materiale più adatto per rivestire le pareti e i soffitti è il legno duro, che assicura una maggiore durata nel tempo, anche se con un diverso grado di resistenza all’umidità. Larice, Rovere e Castagno sono legni duri che ben resistono. Tuttavia, le fibre del Rovere e del Castagno contengono tannino che potrebbe far insorgere macchie scure. Il Larice, legno duro e resinoso, non pone questo problema ed è quindi considerato superiore agli altri due ai fini della resistenza come rivestimento di pareti e soffitti. (Bonelli)

L’INCANNUCCIATO
L’antica tecnica dell’incannucciato (stuoia di canne vegetali usata in passato come supporto per intonaci e per controsoffittature; preparata a gesso o calcina fresca costituiva anche un supporto per affreschi staccati) per rifinire soprattutto i soffitti è oggi riproposta da Fratelli Spadaro con materiali del tutto naturali, assolutamente non inquinanti, di facile lavorazione, con ottime caratteristiche estetiche e isolanti.

– Tra i primi possiamo citare il ritorno della calce, insuperabile per ricostruire l’atmosfera dei vecchi muri e superiore in assoluto per traspirabilità, o dei soffitti di incannucciato, una soluzione d’epoca che però oggi può dare ancora i suoi bei frutti; tra le seconde, il ritorno della pietra, non più quella naturale ma quella ricomposta che presenta notevoli doti di leggerezza e di facilità di posa.

PRESTIGIOSO
Se intendete creare un ambiente elegante e al tempo stesso confortevole, di facile manutenzione e dalle molteplici
possibilità arredative… pensate a “Madera Vector” di Armstrong. Unisce tutta la ricchezza del legno e la praticità del dettaglio bordo Vector. Con il nuovo Madera Vector di Armstrong si possono creare degli interni calorosi e originali, con pannelli di facile installazione e manutenzione. I soffitti Madera Vector sono ideali per spazi di prestigio e diventeranno presto il riferimento per i progetti più esclusivi. Come per tutta la gamma Madera, Vector è disponibile in un’ampia
scelta di pregevoli essenze e varie perforazioni, che daranno la più grande libertà nel creare interni che rispondano al meglio alle esigenze sia in termini di estetica che di acustica, con un soffitto dal design impeccabile ed estremamente pratico.

CONTROSOFFITTI A CASSETTONI
Sopra: Rua di Manau propone Quadrum, il controsoffitto in legno a cassettoni che unisce il pregio del prodotto artigianale alla lavorazione industriale. È un sistema brevettato, studiato per adattarsi a qualsiasi ambiente, installabile sia direttamente al soffitto che in versione ribassata.
A destra: i pannelli in pietra ricomposta Newstone ricreano perfettamente l’effetto della pietra naturale e possono essere posati su qualsiasi struttura.

RIVESTIMENTI IN PIETRA RICOMPOSTA
I pannelli in pietra ricomposta sono un prodotto pulito, sano e soprattutto facile da montare e smontare, prodotto innovativo, applicabile ovunque. I pannelli in pietra ricomposta Newstone ricreano perfettamente l’effetto della
pietra naturale; grazie al loro sistema di fissaggio a viti a scomparsa, i pannelli possono essere posati su qualsiasi struttura con tempi di lavoro minimi. Un prodotto che esce dallo stabilimento e si adatta a tutti i tipi di ambienti.

SEMPRE ATTUALE LA CALCE

La F.lli Spadaro s.n.c. nasce come azienda produttrice di calce nel 1994 sulle orme di tre generazioni di produttori
di calce naturale dal 1886.
In questi 120 anni la tecnica della produzione della vera calce naturale è stata tramandata da padre in figlio, immutata
nella sua produzione e qualità, ereditandone le tecniche di produzione e la cottura, che ancora oggi viene effettuata
nella stessa “calcara a fossa” utilizzata dalle tre generazioni precedenti (come è ben illustrato nelle foto).
Le pietre calcaree selezionate vengono collocate strategicamente sulle pareti e sulla volta della fossa: quindi si accende il fuoco che porta la temperatura a 900 °C e lentamente trasforma le pietre in polvere: questa, poi raffinata, è la calce.
Con il passaggio di consegne da una generazione all’altra non si è tramandata solo una tecnica ma anche una passione che si trova ormai radicata nel Dna.
In questi 120 anni i F.lli Spadaro hanno subìto il confronto con il cemento: successivamente negli anni ’70 del secolo scorso gli additivi chimici osavano sostituirsi alla calce e promettevano risultati miracolosi.
La maggior parte di questi materiali sono stati prodotti e commercializzati proprio da quelle grandi aziende multinazionali che oggi, dopo aver in passato combattuto e deriso questa realtà, hanno abbandonato il termine “cemento” e parlano di biocalce e di eco-pozzolane dalle caratteristiche naturali e biocompatibili.

Questi prodotti vengono presentati al pubblico con depliant e schede tecniche che sembrano venir fuori da tempi remoti,
esaltando l’utilizzo della calce da parte dei più grandi architetti del passato, quali il Vitruvio, il Palladio, Juvara, il Leon Battista Alberti, ecc…, ma alla fine la loro deformazione professionale li porta a produrre e commercializzare materiali che di ecologico e naturale hanno ben poco. Oggi, l’esperienza consolidata da decenni di lavoro e di confronti con le diverse realtà del settore (restauri architettonici, nuove costruzioni e ristrutturazioni in bio-edilizia, recuperi monumentali ecc..) ha portato gli Spadaro a sviluppare non solo un sistema di produzione e commercializzazione della vera calce naturale ma a concentrare l’attenzione anche su tutti quei materiali che alla fine completano il sistema costruttivo degli edifici storico-monumentali, specializzandosi nella riproposizione di materiali antichi con tecniche moderne, tra i quali:
– Calce viva
– Grassello di calce
– Calce idraulica
– Incannucciati e volte in canne e gesso
– Pietrischi e Sabbie
– Cocciopesti grana grossa, media e fine
– malte da iniezione per bonifiche delle murature
– malte per rincocciatura a calce e pozzolana
– intonaci e finiture a calce e pozzolana
– malte per rincocciatura a calce e cocciopesto
– intonaci a calce e cocciopesto
– finiture a calce e cocciopesto
– realizzazioni di pavimenti in cocciopesto
– velature e consolidanti.

 

condividi :
Rifunzionalizzare in condizioni difficili
16/01/2007
Dove la civiltà vide la luce
01/09/2005