PENSARE

Intervista: le signore del calore

INTERVISTA A UMBERTO ZARDINI TITOLARE DELLA ZARDINI STUFE
Zardini s.n.c. Brite de Val 2 32043 Cortina d’Ampezzo (BL)
Tel 0436.4650 Fax 0436.867676
www.zardini.com e mail: info@zardini.com

Trenta anni e oltre di attività nelle stufe in ceramica, con grande successo: questa è la Zardini, azienda cortinese conosciuta ovunque; chiediamo a Umberto Zardini di parlarci della filosofia della sua attività.
Affidabilità, efficienza ed economia sono le caratteristiche dei nostri prodotti, affinati da un lungo percorso di ricerca e innovazione che ci ha condotti dalle prime realizzazioni in muratura, dirette discendenti dell’antico focolare alpino, ai modelli attuali con maioliche moderne e di facile inserimento in qualsiasi tipo di ambiente o finemente decorate a mano per offrire alla nostra clientela dei veri pezzi d’arte, che da soli riescono a connotare in maniera esclusiva la casa.
Come progettate le stufe? Ciò che rimane nascosto, il cuore della stufa, rimane l’elemento di maggiore importanza nel nostro lavoro. Ogni modello, con l’ausilio della progettazione computerizzata, viene pensato in funzione delle caratteristiche peculiari dell’ambiente in cui sarà collocato: volumi, masse, circolazione interna dei fumi e dell’aria calda, collegamento alla canna fumaria costituiscono tante variabili che con opportuno e preciso calcolo si combinano in soluzioni ottimali anche per le situazioni più complesse.
Quali sono i materiali impiegati?
La qualità e le prestazioni sono al primo posto: piastre interne di elevata consistenza, realizzate con impasto refrattario di argilla ad alto contenuto di allumina, per la migliore conduzione del calore, focolari con struttura doppia e schermatura a scudo per resistere in piena sicurezza alle elevate temperature di utilizzo (si possono raggiungere i 900 °C), chiusura ermetica fra i componenti e costruzione rinforzata nelle parti più esposte ai fumi caldi e, soprattutto, le piastre esterne di rivestimento, prodotto esclusivo Zardini, in ceramica su base refrattaria a pieno spessore (55 – 60 mm).
Come scaldano le vostre stufe?
Per radiazione diretta: l’inconfondibile e piacevole tepore che si apprezza vicino al focolare è lo stesso che percepiamo appena varcata la soglia, con un’intensità duratura e costante per ore; il contatto con le ceramiche calde non è mai fastidioso o fonte di scottature, con assoluta sicurezza per i bambini; l’aria dell’ambiente non si surriscalda come con le stufe metalliche e l’umidità in eccesso viene eliminata favorendo il mantenimento delle ideali condizioni microclimatiche. La conduzione è semplice: basta una carica giornaliera per un funzionamento di 24 ore e la manutenzione si riduce alla svuotamento della cenere mediamente ogni 2 mesi e alla pulizia non prima di 4-5 anni dalla prima accensione. L’elevato rendimento (80-90%) si concretizza in un effettiva economia nel riscaldamento, abbattendone le spese. (R.S.)

1. La stufa Torretta è una replica di un modello del 1700 caratterizzata dalle raffinate decorazioni in blu sulla maiolica bianca.
2. Liberty è una stufa interamente rivestita di ceramica, le cui decorazioni floreali si ispirano agli eleganti e creativi motivi ornamentali tipici della tradizione.
3. La stufa Muletto con la caratteristica cupola a botte in muratura e le decorazioni di sapore rinascimentale.

condividi :
La durezza del rustico e la morbidezza del verde
31/07/2005
La cucina nei casali in Toscana
01/09/2005