ARCHITETTURA FARE PENSARE

In ogni stanza…un camino

A RIDOSSO DI UN BOSCO VICINO ALLA CITTA’ NUOVI CAMINI PER ANTICHE ABITUDINI

Progetto: Rosanna Monzini, architetto
Località: Borgosesia
Materiali: camini in Beola verde Spluga
Art Direction e testo: Gabriella Anedi
Foto: Athos Lecce

Questa abitazione é frutto di un attento lavoro di ristrutturazione che ha valorizzato le preesistenze più significative come i grandi soffitti voltati in cotto presi come modello anche per i nuovi ambienti. Ogni modifica apportata ha cercato di tenere in equilibrio esigenze funzionali (come il vano scale, l’ascensore, i box) salvaguardando però l’aspetto proprio di una casa di campagna. In questa ottica assumono grande importanza sia le nuove aperture, tese a far interagire l’interno con il paesaggio collinare e il bosco alle spalle, sia i camini, progettati ad hoc per ogni stanza.

Rosanna Monzini, architetto
Svolge la sua attività nel campo dell’architettura, della ristrutturazione di edifici antichi, dell’arredamento e degli allestimenti. Si é occupata anche di design tessile a Milano (Galimberti). Ha lavorato per grandi magazzini come la Rinascente e, a Parigi e Londra, per Coveri, Numerosi gli interventi nelle ristrutturazioni di edifici storici. Recentemente ha progettato la Club House del Golf Club di Bogogno (NO).

“Quando si ristruttura un edificio antico occorre far ritornare in vita antichi ritmi, giocando sulla memoria dei vissuti senza dimenticare le esigenze di oggi ”
ROSANNA MONZINI

Come nelle antichi dimore per ogni stanza un camino
I camini sono disegnati tutti su progetto dell’architetto che, coerentemente con lo stile degli interni, ha impostato con un rigore quasi minimalista, ogni minimo dettaglio. Vediamo infatti che tutta la ristrutturazione prevede un numero ridotto di materiali: ferro, cotto e pietra su luminose pareti chiare. Anche per i camini quindi si é optato per un materiale guida, infatti, le cornici sono in beola verde Spluga. In un primo soggiorno (1) la beola è lavorata con un motivo geometrico essenziale (2) mentre nella seconda zona conversazione e relax, il riquadro del fuoco è leggermente strombato con una triplice cornice a spigoli vivi (3). In sala da pranzo il camino assume una dimensione quasi monumentale: la semplicità degli arredi costruisce, nella perfezione dei dettagli, uno spazio di quiete dove hanno massimo risalto gli elementi più vivi come il fuoco e l’arte.

Un evidente salto di scala si ha invece nella taverna (4) dove la cornice in legno occupa tutta la larghezza della parete minore. Grande enfasi é stata riservata alla cappa del camino, trapezoidale (5), perfettamente proporzionata alla grandezza del vano destinato ad accogliere gruppi allargati di amici e con possibilità di cucinare anche su grandi pentole. Particolare attenzione é stata posta all’esterno ai comignoli disegnati dopo una accurata documentazione sui modelli locali. Realizzati tutti in modo artigianale, tutti i camini hanno un ottimo tiraggio e un rivestimento interno in pietra o intonaco refrattario.

 

condividi :
Il calore nel freddo dell’Austria
10/10/2011
Vincenzo Puglielli
01/09/2005