ARCHITETTURA FARE

In casa e fuori

IL PRIMO CONTATTO SIA DIRETTO SIA VISIVO CON UNO SPAZIO AVVIENE TRAMITE IL PAVIMENTO: FONDAMENTALE, DUNQUE, COMPIERE LA SCELTA PIÙ ADEGUATA

La scelta del pavimento è fondamentale per uno spazio confezionato sui nostri desideri: infatti, il pavimento è la prima cosa che tocchiamo e notiamo entrando in un ambiente o nello spazio attorno alla casa, e, quindi, determina l’impressione favorevole o sgradevole.
– Le possibilità sono molto ampie e comprendono materiali tradizionali, comunque aggiornati alla nuova tecnologia, e di nuova concezione: tra i primi possiamo considerare il cotto, il marmo, la pietra e il parquet, tra i secondi il cuoio.
– Il cotto è formato da argilla impastata con acqua, essiccata all’aria e cotta nel fuoco (i quattro elementi essenziali): questa sua naturalità si traduce in grande resistenza, fascino e bellezza, per valorizzare qualsiasi ambiente. – Il marmo, roccia a base di calcare, dalla tipica struttura cristallina, cui l’effusione di vari minerali conferisce venature e colorazioni sempre mutevoli e fantasiose, tagliato in lastre e lucidato diventa una decorazione resistente e durevole, dal fascino immutabile.
– La pietra, forgiata dalla natura, possiede virtù di resistenza e durata, ha una superficie irregolare o liscia, data dallo spacco di cava o da lavorazioni successive (levigatura, lisciatura, bocciardatura, martellinatura), offre ornamenti sempre vari.
– Il parquet mantiene le virtù naturali del legno da cui deriva: materia viva, trattiene a lungo il profumo e lo cede all’ambiente; la decorazione naturale delle venature, sapientemente esaltate dal trattamento colorante di superficie, forma una trama sempre variabile; ha una vasta gamma di colorazioni, naturali o accentuate dal trattamento; la superficie liscia e di facile pulizia garantisce igienicità; l’elasticità allevia l’affaticamento da calpestio; lo scarso assorbimento di calore trasmette un senso di gradevole comfort.
– Il cuoio, trattato con concia vegetale, diventa bello e resistente anche applicato a pavimento.

TAVOLE TOSCANE
La Maro Cristiani opera nel settore pavimenti da oltre cinquant’anni (nei suoi magazzini sono presenti circa 30.000 mq di soluzioni). Specializzata in parquet di tutti i tipi, tradizionali e prefiniti, la cui maggior parte è importata direttamente dai paesi d’origine (e questo permette di vendere a prezzi particolarmente competitivi, tanto che talvolta il parquet è offerto a prezzi comparabili a quelli della ceramica), offre inoltre cotto fatto a mano e cotto tradizionale dell’Impruneta, marmo locale e marmo di provenienza estera, nonché la prestigiosa linea di pavimenti d’autore. Le Tavole Toscane (nella foto) sono listoni in quercia di grandi dimensioni, con lunghezze fino a 2 metri. Sono adatte in caso di riscaldamento a pavimento, con spessore a partire da 1,4 cm. La bellezza del legno di quercia e le proporzioni di assoluto rilievo le rendono adatte ad ambienti di sicuro prestigio.

MATERIA ETERNA
La storia dell’Industria Marmi Vicentini – l’originario nome di Margraf – inizia nel 1906, con lo sfruttamento dei vasti giacimenti di Chiampo (Vi) e delle Prealpi Venete. Sigla distintiva di Margraf sono da sempre l’alta tecnologia nelle lavorazioni, la grande varietà di materiali, la consolidata cultura professionale, ma anche una raffinata sensibilità per l’architettura e per tutte quelle forme d’arte che si esprimono con il marmo rendendolo intramontabile materia costruttiva. Margraf attualmente gestisce diversi giacimenti di marmo, alcune esclusive di materiali (tra cui il Fior di Pesco Carnico®, estratto dall’unica cava al mondo, in suo possesso), un commercio di blocchi provenienti da cave site in ogni parte del mondo: fattori che rappresentano un elemento di forza, uniti ad una capacità produttiva aziendale altissima per lastrame, modulmarmo e lavorati. Nel rispetto della natura dei singoli materiali, la sperimentazione e la capacità di applicare nuove forme di lavorazione e di trattamento consentono al marmo di diventare materiale attualissimo.

LE ESSENZE DEL LEGNO
Il legno, già allo stato naturale, possiede sue caratteristiche cromatiche e una sua specifica venatura. Nei riquadri accanto possiamo vedere alcune essenze, scelte tra le più usuali per il parquet, sia di coltivazione europea che esotica (ovviamente in quei paesi che adottano tecniche di riforestazione consapevole, senza depauperare il patrimonio arboreo). Il faggio è largamente diffuso in Europa e in Italia, ha tessitura fine, fibratura diritta e facile lavorazione; l’iroko proviene dall’Africa tropicale e del Sud, ha tessitura medio-grossa e fibratura varia, resistenza meccanica buona, durabilità buona pure in ambiente umido; il ciliegio, diffuso in tutta Europa, ha fibratura diritta e tessitura fine, durabilità e resistenza buone. Il noce ha fibratura diritta, tessitura fine, durabilità e resistenza meccanica buone. Il colore, dalle tinte calde, lo rende particolarmente gradevole.

LA CLASSICITÀ DEL CUOIO
Il cuoio, conciato al vegetale, cioè con l’immersione della pelle bovina in vasche di tannino, che lentamente penetra nei pori arrestando il processo d’invecchiamento, mantenendone la struttura fibrosa e trasformandola in cuoio, acquista caratteristiche uniche di morbidezza, calore e resistenza. Con questo trattamento il cuoio diventa anche pavimento, un’innovazione che affonda le sue radici in una tradizione antichissima, che vedeva paratidi cuoio diffusi in celebri ville e palazzi fin dal Seicento. (Lineacuoio)

IL COTTO: BELLO E CLASSICO
Un’esperienza ultratrentennale contraddistingue Cotto Cusimano, che produce cotto tradizionale, fatto a mano e trafilato, in varie tipologie. Laboratori ufficiali ne testano e certificano durezza e resistenza a tutte le aggressioni e agli sforzi. La filosofia produttiva è la lavorazione tradizionale delle argille abbinata alle tecnologie d’avanguardia, per rendere sempre più efficiente il processo produttivo per prodotti standard e speciali.

IL PORFIDO, L’ELEGANZA NATURALE DELLA PIETRA

È l’unicità di ogni pezzo che rende elegante il porfido: ogni blocco, infatti, non ha una colorazione uniforme e le variazioni cromatiche sono quasi sempre uniche e non si modificano nel tempo. Fin dall’antichità, il porfido è stato usato per realizzare le pavimentazioni e i rivestimenti degli edifici più prestigiosi. Ed è per questo che anche oggi possiamo trovarlo all’esterno per le pavimentazioni più eleganti, e negli interni di ville sontuose come elemento artistico di decoro. Una delle aziende leader nel settore è Porfidi International: un’azienda d’avanguardia nella produzione e nella messa in opera di pavimenti in porfido che in pochi anni ha raggiunto una dimensione di rilievo a livello internazionale, grazie alle sue strutture produttive in Italia, Argentina e Messico. Il porfido, infatti, è largamente utilizzato anche oggi nell’architettura più prestigiosa in tutto il mondo: nell’arredo urbano di centri storici o piazze moderne ed eleganti così come nelle opere di finitura. Certo, essendo il porfido una pietra molto dura, resistente agli agenti atmosferici, ai cicli di gelo-disgelo, alle variazioni termiche, alla decolorazione e all’attacco di reagenti chimici è più comune vederla all’esterno delle costruzioni, dove la resistenza al gelo ed il coefficiente di dilatazione termica sono estremamente importanti nella scelta dei materiali, proprio perché in grado di sopportare climi caratterizzati da escursioni termiche notevoli e da basse temperature.

Ma i pregi del porfido non sono tutti qui: il porfido è una delle rare pietre che, grazie alla durezza dei minerali che compongono la sua superficie naturale, mantiene inalterate nel tempo le sue caratteristiche più importanti: alta resistenza all’abrasione che conserva invariata nel tempo la ruvidità della superficie, rendendola permanentemente antiscivolo in presenza di acqua e non risentendo nel tempo dei processi d’invecchiamento; alta resistenza all’usura; regolarità del piano che rende confortevole e agevole il calpestio; basso assorbimento d’acqua e di altre sostanze che possono intaccarne le sue qualità. Tutto questo fa sì che il costo di manutenzione nel tempo per un’opera in porfido sia praticamente nullo e, grazie alla capacità del porfido di mantenere le sue caratteristiche nei secoli, anche le soluzioni più creative possono resistere agli attacchi degli agenti atmosferici. La scelta cromatica non manca. Ad esempio, per il porfido con superficie naturale di cava, Porfidi International è in grado di offrire quattro selezioni di colore: il colore grigio misto con tonalità dominanti sul grigio chiaro, grigio viola e marrone chiaro; il colore rosso misto le cui tonalità principali sono sul rosso, rosa, rossiccio ed ocra; il colore rosso-marrone, con tonalità dominanti sul rosso intenso, marrone scuro, viola intenso, ruggine; il colore rosso scelto le cui tonalità sono rosso porpora e rosso rubino. Il porfido Stardust Grey con superficie lavorata viene prodotto in grigio uniforme, grigio marrone, rosso misto. Per ulteriori informazioni www.porfidiinternational.com.

L’ANIMA DELLA PIETRA
Europorfidi è un’azienda familiare che è specializzata nel settore della pietra fin da 1972: grazie alla sua professionalità artigianale, acquisita negli anni, è in grado di realizzare lavori qualitativamente elevati, seguendo il cliente nella totalità del lavoro, a partire dalla scelta artistica e dei materiali consoni alle sue esigenze fino all’esecuzione finale. Numerose sono le varietà di pietra impiegate, dalla quarzite anticata al porfido nelle diverse colorazioni, dall’acciottolato in colori misti alle lastre e ai cubetti di Rosso Asiago, dalla pietra di Luserna al giallo Imperiale, così da realizzare la miglior soluzione per ogni impiego e da svelare la vera anima della pietra, nascosta dentro di essa e svelata dalla sua scultura e lavorazione. Nella foto vediamo una bella casa di campagna con pavimentazione in cubetti di Porfido 4/6 e canaline di raccolta acqua in ciottoli.

PAVIMENTI STAMPATI IN CALCESTRUZZO
I pavimenti stampati di Ideal Work sono una soluzione originale e di tendenza per la finitura delle aree esterne, giardini e cortili di ville e complessi residenziali, sia ad uso pedonale che carrabile. Questi pavimenti offrono oggi un campionario molto vario e stimolante di soluzioni estetiche originali e personalizzabili, in grado di realizzare in tempi rapidi ambienti belli, unici, duraturi e anche economici. Tecnicamente si tratta di pavimenti monolitici in calcestruzzo rinforzato con fibre in polipropilene e armato con rete elettrosaldata. La tecnica consiste nello ”scolpire” la pelle del materiale con l’uso di stampi appoggiati e pressati nel calcestruzzo fresco
in modo da riprodurre il disegno e la tessitura di un pavimento in pietra o mattone (imprinting). Prima di essere stampato il pavimento viene opportunamente ”spolverato” con particolari corazzanti, i quali hanno la funzione di rendere colorato il pavimento e raddoppiarne la normale resistenza all’abrasione rispetto al calcestruzzo normale.

LA PIETRA DI LEONARDO
La Quarzite di Barge è il risultato della affascinante combinazione di straordinari fenomeni naturali ed una successione di eventi che sono avvenuti nel corso di oltre 250 milioni di anni. Il sedimento, sotto l’azione delle forze in gioco (alte pressioni, alte temperature) ha subito fenomeni di metamorfismo, trasformandosi in una roccia perfettamente cristallina, brillante come un diamante ma con calde ed armoniose variazioni cromatiche. Leonardo da Vinci, nel «Codice manoscritto G», conservato presso l’Archive Nationale di Parigi, dedicò alcune righe dedicate proprio alla quarzite Bargiolina. La Pian Martino S.c.a.r.l., titolare di specifica concessione, estrae la Quarzite Bargiolina a 1300 metri di altitudine, sulla vetta del Monte Bracco, ne effettua la lavorazione più a valle a Barge e la distribuisce direttamente in Italia ed all’estero. L’esclusività di questa pietra naturale, ma anche il valore ed il prestigio che è riuscita ad acquisire nel tempo in tutto il mondo, hanno fatto sì che fosse riconosciuta ufficialmente come prodotto “De.C.O.” – Denominazione Comunale di Origine – dal Comune di Barge, e quindi si possa fregiare di tale marchio. 

condividi :
News: la città di Feltre
28/09/2005
Una stanza a cielo aperto
21/01/2014