ARCHITETTURA FARE

Acqua e fuoco l’armonia del benessere

Il calore della casa è qualcosa che va ben oltre alla temperatura ambientale e comprende tutti quegli artifici che aiutano a realizzare un ambiente “caldo”. Così, scopriamo che quando si avvicina l’inverno si avverte una sensazione nuova, un bisogno di “calore” e un voglia di tenerezza che allerta tutti i sensi. In una società che ci vuole sempre in perfetta forma, è necessario cercare di stare bene, e ciò non significa correre ai ripari con terapie d’urto o farmaci, ma fermarsi e ascoltare con amore i bisogni e i ritmi del corpo e della mente, che come insegnano le discipline orientali sono tutt’uno. Ancora una volta la risposta è nella Natura che con i suoi elementi semplici e primordiali (acqua e fuoco) è in grado di ripristinare il delicato equilibrio psicofisico alla base del nostro benessere. La casa diventa il rifugio, e il bagno diventa un posto dove stare bene con se stessi, dove aver cura del proprio corpo e perché no, anche del proprio stato interiore. Un luogo dove armonizzare lo spirito con il corpo, e la presenza del fuoco crea un legame indissolubile tra il piacere del bagno e il piacere della fiamma. Ecco che una parete nuda si arricchisce del focolare che diventa elemento di arredo e dispensatore di serenità e il bagno, che nell’immaginario collettivo, assurge a luogo del comfort e del benessere, con la presenza del fuoco, concorre a esaltare il progetto dello spazio domestico più intimo della casa. Accanto al fuoco accappatoi e salviette trovano una preziosa collocazione che li mantiene a portata di mano e sempre caldi. Lo stesso ambiente esalta i valori minimali come lo spazio, definito dalle travi a vista, dai tavolati in legno delle pareti e dei pavimenti e dalle forme essenziali dei sanitari disegnati da Philippe Starck per Axor Hoesch Duravit. Al centro la vasca ovale dalla linea pulita che richiama l’antica tinozza, un bacino che raccoglie, imbriglia e addomestica l’acqua. Nessun decoro disturba l’immagine purista. È il luogo del benessere, dove immergendosi, si fa il pieno di energia, lasciando che gli spiriti della natura domestica, dell’acqua e del fuoco, rigenerino la vita. Intorno la natura veglia quieta…

 

 

   
condividi :
In un mulino ligure del ‘600
06/02/2008
LA CITTÀ CONTINUA
24/10/2008