ARCHITETTURA FARE

Il ritorno della Pala del Giorgione nel Duomo di Castelfranco Veneto

L’8 dicembre, giorno dell’Immacolata, le campane di tutte le chiese di Castelfranco Veneto hanno suonato a festa per salutare il ritorno della Pala del Giorgione nel Duomo della città.Vi mancava dalla fine del febbraio 2002, quando ne venne deciso il trasferimento a Venezia per restauri definiti improrogabili. Conclusi questi, il capolavoro del Giorgione è rimasto nel capoluogo lagunare per essere esposto nella mostra dedicata all’artista e, quindi, nelle Gallerie dell’Accademia.

Il tutto in attesa che la Cappella Costanz del Duomo di Castelfranco venisse sottoposta a un complesso insieme di interventi tali da trasformarla in una sofisticata “teca tecnologica” in grado di assicurare una perfetta conservazione dalla grande tavola su cui, tra il 1503 e il 1504, Giorgio da Castelfranco raffigurò la “Madonna in trono con il Bambino e i santi Francesco e Nicasio”. Da tempo la popolazione reclamava il ritorno della Pala, della quale tutti si sentivano un po’ orfani.

condividi :
Le passioni non si spiegano , o si accettano o si rifiutano
12/01/2014
Le stufe originali
16/11/2009