ARCHITETTURA FARE

Il rinnovo dello spogliatoio dell’Inter

Progetto: Boeri Studio

Nell’ambito del programma di sviluppo, razionalizzazione e ammodernamento degli spazi dello stadio, avviato con l’assunzione da parte delle squadre milanesi di serie A della gestione diretta dell’impianto, è stato progettato e realizzato il completo rifacimento della zona spogliatoi sia per gli atleti che per gli arbitri.
L’intervento, progettato dello studio Giancarlo Ragazzi and Partners in qualità di progettista indicato dal A.C Milan per i lavori interni allo stadio, ha previsto la realizzazione di due nuovi spogliatoi per le squadre locali, uno per le squadre ospiti e il completo rinnovo dell’area riservata agli arbitri, ai delegati federali e ai controlli antidoping.

A seguito delle indicazioni contenute nello schema progettuale generale e delle linee guida sviluppate nel piano dell’intervento, Boeri Studio, progettista per l’Internazionale FC a San Siro ha provveduto alla stesura di un progetto di allestimento interno in modo da poter adeguare lo spazio degli spogliatoi destinati alla società neroazzurra alle esigenze proprie della squadra, dei suoi manager, del suo staff tecnico e dei suoi giocatori. Lo spazio dello spogliatoi è articolato lungo un corridoio che mette in comunicazione l’ambiente principale, dove i giocatori si preparano alla partita, con l’atrio prospiciente il tunnel di ingresso al terreno di gioco, lungo questo corridoio si articolano gli spazi destinati alle docce e servizi, alla zona medica, alla sala massaggi, al magazzino, e all’area riservata allo staff tecnico.

Al lavoro di progettazione e modifica degli spazi così come previsti nello schema distributivo preliminare hanno contribuito direttamente tutte le componenti dello staff della società in modo da rendere quanto realizzato rispondente ai requisiti di funzionalità ed efficienza necessari. Particolare attenzione è stata riservata alla scelta dei materiali impiegati e alle dotazioni tecniche degli spazi oltre che alla veste grafica e al progetto di identità degli spazi, privilegiando prodotti che abbinassero durevolezza e qualità tecnica prestazionale, per arrivare ad un prodotto finale
eccellente da ogni punto di vista. Da qui la scelta di materiali quali il Corian, per la realizzazione degli arredi, resine e pellicole adesive ad elevate prestazioni per le pavimentazioni e i rivestimenti verticali, che oltre a garantire ottimi
livelli di applicabilità, hanno assicurato risposte positive anche per quanto riguarda la qualità delle finiture e dei colori.
Nel disegno delle dotazioni d’arredo è stata posta particolare cura nella ricerca di soluzioni innovative ed originali, privilegiando gli aspetti funzionali e nel contempo cercando di caratterizzare uno spazio centrale dell’intera attività dello stadio. Nello spazio centrale dello spogliatoio è stata realizzata una panca sospesa per i calciatori in Corian che grazie alla saldatura in opera dei moduli costruttivi si presenta come un’unica lama, senza soluzione di continuità così da ospitare fino a 25 giocatori. Infine, l’allestimento grafico è stato progettato cercando di evocare una sorta di continuità tra la squadra attuale e la grande tradizione calcistica dell’Inter, riproponendo all’interno degli spazi
principali il simbolo e i colori della società, riproducendo, lungo il corridoio e nello spazio centrale dello spogliatoio le immagini, in bianco e nero, dei principali protagonisti della storia della squadra milanese.

In the sphere of development, rationalization, modernization program of the stadium spaces, started by Inter and Milan with the engagement of the direct management of equipments, the complete renovation of changing room area of players and referees has been planned and carried out. The intervention, planned by the designer Giancarlo
Ragazzi and Partners – recommended by A.C. Milan for interventions in the stadium – consist of two new changing rooms for the local teams, one for the guest team, and of the total renovation of the area reserved to referees,
federal delegates and dope tests. Further to indications found in the general plan scheme and to guidelines developed in the intervention plan, Boeri Studio – designer for F.C. Internazionale, has drafted a plan of internal setting up to adequate space destined to Neroazzurri to the requirements of the team, managers, technical staff and its players. Changing room space spreads out along a corridor, which links up a principal environment, where players
get ready for the match, with the entrance hall facing the entrance tunnel; along this corridor we find rooms for
showers and services, medical area, massage room, warehouse, technical staff room. To the work of planning and modifying spaces, like in the preliminary scheme, all staff components of the society have contributed directly, so that necessary demands of functionality and efficiency could be carried out properly.

Particular attention has been paid for choice of materials and for technical equipments for spaces, as well as graphic capacity and identity plan of spaces, favouring durable and technically performing products, obtaining a final product that is excellent from any point of view. Hence the choice of materials such as Corian for furnishings, high-performing resins and adhesive pellicles, to be used for pavements and vertical coverings: besides guaranteeing optimal levels of applicability, they have assured positive replies to quality of trimmings and colours. In the design and furniture equipment, particular attention has been paid for innovative and original solutions, privileging functional aspects and at the same time trying to characterize a central space of the complete stadium activity. In the central space of changing room there is a hanging bench in Corian for players, which appears like a unique blade, sitting up to 25 players. In the end, graphic setting up has been planned trying to evocate a sort of continuity between the today team and the great Inter’s football tradition, offering again in the principal places the society symbol and colours, reproducing, along the corridor and the central space of changing rooms, images – in black and white – of the main protagonists of Inter’s history.

Nella foto piccola responsabili del progetto Fabiano Continanza, a sinistra e Marco Brega.
Nella foto grande da sinistra, Giovanni La Varra, Gianandrea Barreca e Stefano Boeri.

BOERI STUDIO

Stefano Boeri
Gianandrea Barreca
Giovanni La Varra
Marco Brega
Fabiano Continanza
con
Maddalena De Ferrari
Enzo Ferrara
Inge Lengwenus
Susanna Loddo

Con sede a Milano, è uno studio professionale che opera nei campi dell’architettura, della progettazione urbana e della pianificazione urbanistica. Il lavoro di Boeri Studio negli ultimi anni si è soprattutto orientato alla progettazione di edifici e spazi aperti in aree urbane europee da valorizzare o recuperare. Situazioni complesse, dove era necessario coordinare a partire dalla definizione di uno scenario di sviluppo le diverse istituzioni di natura pubblica e gli innumerevoli operatori del mercato. A Milano Boeri Studio ha di recente ultimato i lavori di recupero di un edificio a uso terziario nel quartiere Bicocca, Edificio 307; ha progettato la nuova sede della RCS – Corriere della Sera, in fase di cantiere; ha realizzato di recente due edifici di Incubazione per l’attività di piccole imprese, situati nelle aree industriali dismesse Breda e Falck di Sesto San Giovanni. Un progetto per la costruzione di un anello di servizi pubblici e ricettivi attorno alla Stadio Giuseppe Meazza di Milano è attualmente in fase di concertazione tra l’amministrazione comunale e le società calcistiche milanesi; sempre per lo stadio Meazza, Boeri Studio sta curando i lavori di manutenzione straordinaria e di riprogettazione di alcune parti dello stadio; parallelamente sta sviluppando un progetto per la realizzazione del nuovo stadio dell’Inter F.C. Negli ultimi anni, Boeri Studio ha sviluppato e concluso numerosi progetti di trasformazione e riuso a fini urbani e turistici di waterfront europei (Genova, Napoli, Trieste, Cagliari, Salonicco, Mitilene) e di parti di città storiche, dove sta sviluppando alcuni importanti interventi di architettura, tra cui la ristrutturazione del Silos Hennebique a Genova e il progetto per La Villa, edificio multifunzionale della Regione PACA, sul waterfront di Marsiglia, risultato vincitore del concorso internazionale nel 2004, ora in corso di sviluppo definitivo. Boeri Studio ha in corso anche numerosi progetti di riuso e modificazione di aree urbane italiane, come il grande parco urbano che verrà realizzato a Caserta, il sistema delle aree centrali previste nella Variante al PRG di Rovereto, la trasformazione della darsena di Ravenna, il nuovo piano regolatore di Sarno (SA), lo studio preliminare per il nuovo stadio di calcio a Genova, il progetto per la ristrutturazione ambientale e turistica dell’arcipelago di La Maddalena in Sardegna. Ha inoltre sviluppato una serie di piani urbanistici di medi e piccoli centri urbani italiani (tra i quali Rovereto, Sarno, Caserta, Seregno, Sovere, S. Angelo Lodigiano). Grazie al progetto e alla realizzazione nel 2001 della nuova Centrale geotermica dell’ENEL-Erga a Bagnore (GR), Stefano Boeri è stato invitato a rappresentare l’Italia nella mostra The New Trends in Architecture. Europe and Japan (Tokyo, Porto, Rotterdam 2001); un progetto candidato per il Premio Mies van der Rohe 2003 e inserito da Phaidon in The Atlas of World Architecture 1998-2003. Progetti di Boeri Studio sono stati pubblicati su diverse riviste (l’Architecture d’Aujourdíhui, Area, Casabella, Domus, Archis, Werk Bauen und Wohnen, Abitare, Lotus International, 2G) esposti in Italia e all’estero (Biennale di Venezia, Triennale di Milano, Nederlands Architectuur Instituut, IFA-Institute FranÁais díArchitecture, Arc en RÍve centre díArchitecture-Bordeaux, Tokyo Art Front Gallery).

condividi :
Muratura funzionale
24/07/2007
Un esempio riconosciuto
13/07/2009