ARCHITETTURA FARE PENSARE

Il rinnovo degli spogliatoi del Milan, della squadra ospite e degli arbitri

Spazi e servizi di supporto all’attività sportiva
Support spaces and services to the sporting activity

L’area tecnica riservata ai giocatori e agli arbitri è stata completamente rinnovata e portata ad uno standard prestazionale complessivo di eccellenza

The technical area reserved to players and referees has been completely renovated and brought
to an excellent performing standard

Nel 2005 l’area tecnica riservata ai giocatori e agli arbitri è stata completamente rinnovata e portata ad uno standard prestazionale complessivo di eccellenza sia per le caratteristiche distributive che per l’innovazione del design che non trova equivalenti in Europa. Si raggiunge attraverso una galleria di collegamento tra il parcheggio sotterraneo
riservato ai giocatori e agli arbitri e la zona spogliatoi ubicata al piano terreno della sottotribuna verde. Sul piano dimensionale l’area spogliatoi dei giocatori ha avuto un incremento percentuale rispetto al 1990, superiore al 200% passando da 180 mq a 550 mq. Sul piano distributivo è stata adottata la soluzione di riservare ai due team calcistici
milanesi due spogliatoi distinti di 200 mq. cadauno. Anche lo spogliatoio della squadra ospite è stato completamente rinnovato e potenziato dimensionalmente e tecnologicamente. Nondimeno l’area dei direttori di gara, divisa per
sesso, e quella del delegato UEFAsono state potenziate e completamente rinnovate assieme alla zona riservata al controllo antidoping e al prelievo ematico. Le suddette aree sono ubicate al primo livello della sottotribuna rossa con accesso indipendente dagli spettatori.

The technical area reserved to players and referees has been completely renovated and brought to an excellent performing standard both for distributive characteristics and design innovation, which has not equal in Europe. It can
be reached through a tunnel that connects the underground car parks reserved to players and referees and the
changing room area on the ground floor of the green understand. As regards the dimensions of the changing room
area, it had a percentage increase compared to 1990, superior to 200%, passing from 180 to 550metres square. On
the distributive level the solution to reserve two different changing rooms to the two football teams, each 200metres
square, was the best one. Also the guest team changing room has been completely renovated and developed in
dimensions and technology. Nevertheless the referees’ area, divided per gender, and UEFA delegates’ area have been completely developed and renovated together with the area reserved to dope and blood tests. The above mentioned areas are on the first level of the red under-stand and have independent access from spectators’.

SPOGLIATOIO SQUADRA OSPITE
E’ stato completamente rinnovato e ampliato da 90 mq. a 150 mq. per l’adeguamento agli standard contenuti nel manuale per l’ottenimento della licenza UEFA,al fine della possibilità di utilizzazione dello stadio di San Siro per le competizioni di livello internazionale. Lo schema distributivo è molto simile agli spogliatoi dell’Inter e del Milan. Dall’atrio di accesso si accede al locale riservato all’allenatore e ai suoi collaboratori,dotato di w.c. doccia, armadietti e zona con sedute e piccola scrivania. Gli altri ambienti disimpegnati dall’atrio sono il locale massaggi,con 4 lettini, e lo spogliatoio vero e proprio con 20 posti a sedere, dotati di armadietto, aumentabili a 25 in caso di incontri UEFA. I servizi igienici sono costituiti da un locale docce (n°10), un antibagno con 3 lavabi e 6 asciugacapelli e da una zona con 4 w.c. e 4 orinatoi. Lo spogliatoio della squadra ospite è condizionato e dotato di impiantistica e materiali completamente rinnovati. La sua ubicazione è di fronte alla scala di collegamento con il campo di gioco. L’accesso allo stadio del pullman della squadra ospite avviene,come per la squadra di casa attraverso un percorso riservato che collega il parcheggio sotterraneo con gli spogliatoi.

Guest team changing room
It has been completely renovated and widened from 90metres square to 150metres square, in order to adequate it to the standard required by the manual for UEFA license, thus permitting the teams to play in international competitions. The distributive scheme is very similar to Inter and Milan changing rooms. From the entrance hall you
can access to area reserved to the coach and his collaborators, equipped with WC and shower, lockers, seats and little desks. The other environments independent from the entrance hall are massage rooms, with 4 beds, and the real changing room with 20 seats, provided with lockers, to be increased up to 25 in case of UEFA matches. In the toilets we find a shower room (n.10), an access area to bathroom with 3 washbasins and 6 hair-driers, and an area with 4 WC and 4 urinals. The guest changing room is air conditioned and equipped with plant engineering and completely renovated materials. Its location is in front of the staircase that brings to the pitch. The guest team bus accesses the stadium passing through a reserved way which links the underground car park with the changing rooms.

SPOGLIATOI PER ARBITRI E PER I DELEGATI ALLA GARA
Sono ubicati in adiacenza agli spogliatoi delle squadre ma al piano superiore (Q.+5,00) e hanno una superficie di circa 80mq. così suddivisa:

Spogliatoio arbitri femminili = 30 mq.
Spogliatoio arbitri maschili = 30 mq.
Spogliatoio delegato gara = 12 mq.
Atrio di disimpegno = 7 mq.

Gli spogliatoi arbitri hanno la seguente distribuzione, uguale per quelli maschili e femminili:
Spogliatoio (15 mq.) con 4 posti a sedere,4 appendiabiti, 1 lettino massaggi e un tavolino con 2 sedie. Servizi igienici (15 mq.) con 3 docce,1 lavabo con asciugacapelli e 2 w.c.
Lo spogliatoio per i delegati di gara è dotato di tavolino con sedie, un armadietto, un bagno con w.c. e lavabo. Sempre allo stesso piano è stato rinnovato nei materiali e negli impianti uno spazio con valenza plurifunzionale (esempio – spogliatoio di riserva per arbitri e delegati alla gara, spogliatoio quarta squadra nel caso di un quadrangolare ecc.). L’armadietto con panca integrata e gli arredi degli spogliatoi sono prodotti da Patentverwag Italia.

Changing rooms for referee and match delegates
They are close to the team changing rooms but on the upper floor (Q.+5,00) and have a surface of about 80metres
square, so divided:

Female referee changing room = 30 metres square.
Male referee changing room = 30 metres square.
Match delegate changing room = 12 metres square.
Entrance hall = 7 metres square.

Referee changing rooms have the following distribution, both female and male ones: Changing room (15metres square.) with 4 seats, 4 coat hooks, 1 massage bed and a little desk with 2 chairs.Toilets (15metres square.) with 3
showers, 1 washbasin with hair-drier and 2 WC. In the match delegate changing room there are a little desk with
chairs, a locker, a bathroom with WC and washbasin. Always on the same floor, a plurifunctional space has been renovated with new materials and new equipments (for instance, backup changing rooms for referee and match
delegates, referee assistant changing room in case of a fourway tournament etc.)

LOCALI PER IL CONTROLLO ANTI DOPING
Sono situati in adiacenza agli spogliatoi arbitri e delegati alla gara, ma separati sia dal pubblico che dai Media.
Sono costituiti da una zona di attesa (con 6 sedute, un locale con 2 docce,1 w.c., un lavabo con specchio) e da due locali per i prelievi con tavolino + 2 sedie, armadietto con serratura e lettino.

Areas for dope tests
They are near the changing rooms for referee and match delegates, but separate from both audience and Media.
They consist of a waiting room (with 6 seats, a room with 2 showers, 1 WC, a washbasin with mirror) and two rooms
for blood samples with desk + 2 chairs, locker and bed.

Spogliatoio A.C: Milan
Il totale ridisegno della zona spogliatoi dello stadio ha portato alle realizzazioni di due nuovi spazi da circa 200 mq ciascuno dedicati alle due squadre di casa, Inter e Milan, e uno di circa 150 mq dedicato alle squadre ospite. Questo ha permesso di poter personalizzare gli ambienti dei due Team di casa secondo la “corporate image” delle società.
Pensare ai materiali di finitura e all’arredamento personalizzato dello spogliatoio del Milan è stato un vero progetto nel progetto. Se già nel layout distributivo e nella morfologia degli spazi si è cercata un’idea innovativa rispetto a ciò che viene normalmente realizzato nella maggior parte degli stadi esistenti e di nuova costruzione, anche nell’arredo
e nelle finiture si è pensato molto sulle personalizzazione e sulla forte caratterizzazione degli ambienti in modo da far sentire gli atleti che vivono questo spazio ancora più parte integrante delle società che rappresentano. Riproducendo
quella che è l’immagine dal punto di vista stilistico e cromatico della società Milan nello spogliatoio di San Siro, si rievocano dentro lo stadio quelli che sono i luoghi storici a cui i giocatori sono legati. Subito all’ingresso ci si trova immersi in un’atmosfera completamente diversa dal resto dello stadio. I colori che avvolgono tutti gli spazi non possono che far capire una sola cosa a chi entra: qui siamo nella casa del Milan.

Nelle foto: Gli architetti Giancarlo e Francesco Ragazzi nello spogliatoio del Milan da loro progettato.

AC Milan changing room
The total redesign of the changing room area led to the realization of two spaces of about 200metres square each one – for both home teams, Inter and Milan – and one of about 150metres square for guest teams. This has permitted to personalize the two environments according to the societies’ “corporate image”. Choosing the right finishing materials and personalized interior designs of Milan’s changing room has been a real plan into the plan. If already distributive layout and space morphology are innovative, in comparison with most of the new stadia, in the interior design and in the finishing materials this thought of innovation was more and more concrete; to personalize and characterize environments would have let athletes live this place as integral part of the society which they represent.
Reproducing the stylistic and chromatic image of Milan’s society in the changing rooms means commemorating into
the stadium historical places which players are tied to. Immediately in the entrance hall you feel plunged in a completely different atmosphere. Colours that cover every inch of the room let people, who come in, understand but one thing: we are in Milan’s home.

Gli spazi dello spogliatoio sono distribuiti lungo due assi principali: vicino all’ingresso si trova lo spogliatoio dell’allenatore, un grande spazio dedicato a lui e ai suoi collaboratori dove riunirsi per discutere schemi e tattiche prima della partita. Continuando lungo il percorso di distribuzione si entra nella zona massaggi, uno spazio di circa 30 mq composto da 4 letti ergonomici per i massaggi degli atleti, un lettino per la fisioterapia e uno spazio medico per le piccole operazioni di sutura nel caso dovessero capitare degli scontri di una certa gravità durante la gara. Per la scelta dei rivestimenti si è pensato su un materiale resistente ed elegante come il laminato effetto alluminio mil
le righe e ad una grande parete a specchio per rendere ancora più ampio lo spazio. Il pavimento in gomma rossa e le pareti bianche con fasce rossonere fanno da elemento connettivo di tutti gli ambienti. In fondo al corridoio si arriva dentro il cuore vero e proprio dello spogliatoio del Milan. Si tratta di uno spazio ellittico in cui tutti i giocatori sono disposti a raggera attorno a un punto centrale per enfatizzare lo spirito di squadra e di aggregazione. E’ il concetto della tavola rotonda in cui tutti partecipano e si impegnano con la stessa intensità per raggiungere il medesimo risultato. Tutti i
particolari sono studiati in ogni singolo dettaglio: ogni giocatore ha uno spazio molto generoso a disposizione e fortemente personalizzato. Si è voluto puntare molto su un concetto già applicato da squadre come il Real Madrid nel proprio spogliatoio, cioè di spirito di appartenenza dei nostri campioni ad uno spazio a loro dedicato. Sedute
ergonomiche personalizzate sono state studiate appositamente insieme a LINO SONEGO, per dare un alto livello di confort ai giocatori ma nello stesso tempo trasmettendo loro un carattere grintoso e sportivo grazie al loro design innovativo.

La riuscita di queste sedute è stata il frutto di un connubio ben riuscito tra progettista e produttore.
E’ stato grazie alla grande disponibilità dell’azienda LINO SONEGO, già sponsor del Milan, che si è potuto mettere a punto un prodotto unico nel suo genere dal punto di vista del design, progettato dall’ architetto Francesco Ragazzi, altamente confortevole, ergonomico e rivestito in pelle tecnica molto resistente e soprattutto personalizzato
coi colori del Milan. Sempre nel concetto di personalizzazione si inseriscono i monitor LCD che per la prima volta in
Europa sono stati introdotti in uno spogliatoio e che, insieme alle maglie, permettono di personalizzare ogni postazione con il nome e il numero del singolo giocatore. La presenza di strumentazione tecnologica così permette grande flessibilità nell’uso di questo spazio che è già stato utilizzato per la promozione dei prodotti di alcuni sponsor.
Lo spogliatoio inoltre è parte integrante del Tour dello stadio e del museo di San Siro, così come avviene nei più grandi stadi d’Europa, e può diventare grazie alla proiezione di video della società un modo nuovo per avvicinare ancora di più i propri tifosi quelli di tutti il mondo alla filosofia del Milan. Un grande tavolo ovale posto al centro dello spogliatoioè illuminato dall’alto dal soffitto luminoso enfatizzando ancora di più il logo del Milan impresso sulla sua superficie di appoggio. Proprio vicino a questo tavolo, nel punto focale principale dello spogliotaio è situato lo spazio dove l’allenatore illustra, grazie alla lavagna magnetica e ad un grande schermo LCD, gli schemi e le strategie alla
squadra prima della gara. Proseguendo troviamo la zona umida con docce, wc e nove phon che rispetto al passato è stata più che raddoppiata. Finiture e accessori sempre altamente ergonomici e resistenti si inseriscono in un contesto cromatico che richiama fortemente l’immagine della società. Per concludere ma non per minore importanza troviamo lo spazio dedicato a chi rende possibile un alto livello di efficienza e professionalità dei giocatori. E’ lo spazio dello staff tecnico che, insieme ai medici e ai massaggiatori, trova qui uno spazio a lui dedicato, questo per rinforzare ancora di più la filosofia del Milan in cui tutti, nella stessa misura, concorrono all’ottenimento di grandi traguardi.

Changing rooms spaces are distributed along two principle axis: close to the entrance there is the coach changing room, a wide space for him and his collaborators, where they meet to discuss schemes and tactics before matches. Walking on, you find the massage room, 30metres square large, with 4 ergonomic beds for athletes massages, a physiotherapy bed and a medical room for the light suture operations in case of serious accidents during the match. For coverings they have chosen a resistant and elegant material like rolled aluminium section and a huge mirror wall to make the room larger. Pavements in red gum and the white walls with red-black stripes are the “Leitmotiv” of all environments. At the bottom of the corridor you arrive into real heart of Milan’s changing room. It is an elliptical room in which all players are arranged radially around a central point to emphasize team and union consciousness. It is the concept of the round table, which everyone joins honouring the commitment to reach the same result. All particulars are studied in every single detail: every player has got generous room at his disposal and strongly personalized. They wanted to focus on a concept that had been already applied by other societies, like for example by Real Madrid, i.e. a spirit of belonging to a space, reserved to team champions. Personalized ergonomic armchairs have been purposely studied together with LINO SONEGO, to give a high level of comfort to players but transmitting them at the same time a gritted and sporting character, thanks to their innovative design. The success of these armchairs was the result of a good union between designer and producer.

Thanks to LINO SONEGO’s availability, already a Milan’s sponsor, it has been possible to adjust a unique product of its kind from the design point of view, planned by Architect Francesco Ragazzi, highly comfortable, ergonomic and covered with a very resistant technical leather and above all personalized with Milan’s colours. LCD monitors become part of the concept of personalization. For the first time in Europe they have been put into a changing room and, together with shirts, allow to personalize every space with name and number of every player. Presence of technological instrumentation permits so great flexibility in the attendance of this space, which has been already used for promotion of some sponsor products. Changing room is besides integral part of stadium Tour and San Siro’s museum, like it happens in the biggest stadia in Europe; this could become a new way to approach supporters more and more to Milan philosophy, showing videos about the society. A big oval table in the centre of changing room is lightened from the bright ceiling above, emphasizing better Milan’s logo impressed on its support surface.Just close to this table, in the principal focal point of changing room, the trainer illustrates players schemes and strategies of match with a overhead projector and a big LCD screen. Going on, we find
an area with showers, WC and 9 hair-driers, doubled in space compared to past times. Highly ergonomic and resistant Supplies and accessories become part of a chromatic context that draws strongly the attention on the society image. In conclusion, but not less important, we find space dedicated to people who make possible a high level of efficiency and professionalism of players. We are talking about technical staff, who together with doctors and masseurs, finds here a functional space. This to confirm once more Milan’s philosophy, according to which everybody, in the same measure, contributes to great goals.

APPLICAZIONE SPOGLIATOI A. C. MILAN
In seguito al sopralluogo effettuato presso i locali spogliatoio della società A.C. Milan, si è deciso di applicare il prodotto ecoattivo FotoDecor ( Idropittura lavabile per interni) di colore bianco.
L’applicazione è stata effettuata presso:
Corridoio – Locale toilette – Locale docce – Locale massaggi – Sala centrale giocatori – Altri locali minori.

GLOBAL ENGINEERING S.P.A.

Global Engineering S.p.A. è un centro di eccellenza internazionale per la ricerca, sviluppo, produzione e vendita di rivestimenti fotocatalitici che abbattono l’inquinamento atmosferico. Global Engineering ha introdotto nel mercato italiano ed internazionale il marchio Ecorivestimento, come identificativo dei rivestimenti cementizi fotocatalitici. La stretta collaborazione con la multinazionale americana Millenium Chemicals, ha permesso di sviluppare idropitture fotocatalitiche oggi prodotte e vendute da Global Engineering a livello internazionale con i marchi Ecopittura e Ecopaint. I prodotti ecoattivi di Global Engineering (rivestimenti a base di cemento e idropitture) sono materiali innovativi per l’edilizia, e assicurano, rispetto ai tradizionali rivestimenti, eccezionali vantaggi in termini di:
– purificazione dell’aria dagli inquinanti presenti nell’ambiente esterno e interno – mantenimento delle caratteristiche estetiche e di colore degli edifici nel tempo – ridotta manutenzione
delle superfici trattate – forte azione antimicrobica e antimuffa – azione deodorante e sanificante.
Il know-how Global Engineering si basa sull’applicazione dei principi della fotocatalisi, processo chimico che si avvia grazie all’azione combinata della luce (solare o artificiale) e dell’aria. Il principio attivo presente nei prodotti Global Engineering, biossido di titanio, elaborato con esclusiva tecnologia PPS (Proactive Photocatalytic System), ossida e decompone le sostanze organiche ed inorganiche che entrano in contatto con le superfici trattatate. Le sostanze inquinanti e tossiche vengono trasformate, attraverso il processo di fotocatalisi, in sostanze innocui (nitrati/carbonati) e in quantità irrisorie e assolutamente invisibili, che si fissano sulle superfici o che vengono asportate dall’acqua o precipitano a terra. Le proprietà dei rivestimenti cementiti Ecorivestimento Mangiasmog e delle idropitture Ecopittura Mangiasmog per interni ed esterni, prodotti e commercializzati da Global Engineering, sono state validate da istituzioni
pubbliche e private, nazionali ed internazionali:
– 98% di abbattimento degli inquinanti in laboratorio (CNR)
– 37% di abbattimento degli inquinanti domestici, incluso monossido di carbonio, biossido di azoto, voc (composti organici volatili) e i derivati del fumo di sigaretta (ARPA Lombardia, Legambiente)
– 60% di abbattimento degli inquinanti su strada urbana (elaborazioni con apparecchiature omologate CNR nel comune di Segrate-Milano)
– 90% di riduzioni di batteri, microrganismi, muffe.
– 85% di abbattimento di odori provenienti da sostanze organiche.
– 45% di abbattimento di ammoniache (impianti zootecnici Università di Milano)
Sono ormai numerose le applicazioni di prodotti eco-attivi antinquinamento Global Engineering in diversi Paesi:
Singapore, Italia, Turchia, Polonia, UK, Francia. Nei settori: strade e autostrade, tunnel, infrastrutture, ospedali,
edilizia residenziale e commerciale e scolastica. Ad oggi 2.000.000 di mq di superfici orizzontali e verticali
sono stati trattati con prodotti eco-attivi prodotti e commercializzati da Global Engineering. Questo ha portato Global Engineering a essere prima al mondo per superfici ecoattive fotocatalitiche applicate e per i risultati ottenuti. Oltre ai prodotti Global Engineering è in grado di offrire ai privati e alle Amministrazioni una consulenza completa che comprende anche un servizio di modellistica virtuale sull’impatto ambientale dei prodotti eco-attivi e un servizio di monitoraggio pre e post posa. Global Engineering è conforme alla norma ISO 9001:2000. Il fondatore, Claudio Terruzzi, ricopre la carica di Amministratore Delegato.

condividi :
Come un fiore che culla il bambino
17/09/2007
Ecodesign
04/10/2005