FARE

Il Premio “Barbara Cappochin”


Il 26 ottobre 2007, si è svolta a Padova la Cerimonia di Premiazione dei vincitori della terza edizione del Premio Biennale Internazionale di Architettura Barbara Capocchin: l’architetto finlandese Matti Sanaksenaho ha vinto la Sezione internazionale con la sua Cappella ecumenica dedicata a S. Enrico.
Il concorso, per progettisti e costruttori che privilegiano la cultura della qualità nell’architettura, è promosso dalla Fondazione Barbara Cappochin e dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Padova. Sono stati 312 (su 328 presentati) i progetti ammessi alla selezione finale del Premio. La valutazione è stata
compiuta da una Giuria internazionale di 11 membri, presieduta dal Prof. Arch. Raffaele Sirica, e riunitasi a Padova il 15 settembre 2007.
Tutte realizzate tra il 1° luglio 2004 e il 30 giugno 2007, le opere portano la firma di architetti provenienti da 37 Paesi: dall’Italia al Messico, dalla Grecia al Giappone, dalla Germania al Kazakhstan, Brasile, Australia, Stati Uniti, Korea, Svizzera, Sudafrica, a dimostrazione del respiro internazionale che caratterizza questa terza edizione del Premio.
Tutte le opere partecipanti sono state esposte dal 27 ottobre 2007 al 27 gennaio 2008 nella Mostra del Premio Internazionale di Architettura: un grande Tavolo dell’architettura di 24 metri allestito a Padova in piazza Cavour: un modo nuovo per avvicinare il pubblico ai linguaggi non sempre di facile comprensione dell’architettura contemporanea.
"Partito come iniziativa provinciale, il Premio ha raggiunto negli anni uno spessore internazionale – ha detto l’Arch. Giuseppe Cappochin, Presidente dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione Barbara Cappochin – crescendo sia nella quantità che nella qualità dei progetti presentati.

Dall’alto, Giuseppe Cappochin, Presidente Ordine
degli Architetti di Padova con l’Assessore,
D.ssa Luisa Boldrin. Il Presidente CNAPPC, Raffaele
Sirica, con Gaetan Siew, Presidente UIA e Giancarlo
Ius. Il Tavolo dell’Architettura in Piazza Cavour.

Il merito va all’unicità del concorso nel panorama europeo, oltre che al lavoro di una squadra compatta, che vede impegnati, oltre alla Fondazione e all’Ordine degli Architetti di Padova, anche le istituzioni pubbliche e soggetti privati".
"I progetti partecipanti – ha dichiarato l’Arch. Giancarlo Ius, Vicepresidente dell’Unione Internazionale Architetti – offrono un panorama mondiale da cui emerge il ritorno a un’architettura più legata ai contesti e alla cultura dei territori".
Tre menzioni d’onore per Sean Godsell (St. Andrews Beach House), Marcio Kogan (negozio di arredamento Vitra) e Antonio Jiménez Torrecillas (intervento sulla lacuna di una muraglia cinese del XVI secolo). Menzione speciale della Giuria al monumento in memoria degli attentati terroristici di Madrid progettato da Miguel Jaenicke Fontao. Premio
speciale al dettaglio costruttivo al malesiano Huat Lim per il Visitor Centre alle Cameron Highlands (Malesia). Menzione d’onore a Mario Cucinella, Burkhard Pahl e Monika Weber-Pahl.
Per la Sezione provinciale, il premiato è stato Adolfo Zanetti. Menzionati: Raul Pantaleo (Tam Associati), Antonio Zambusi, Nicola Gennaro.
Il Premio Internazionale di Architettura Barbara Cappochin si inserisce nella Biennale di Architettura Barbara Cappochin, che ogni anno dedica anche un’esposizione a un architetto contemporaneo di fama. La Mostra, al Palazzo della Ragione di Padova, è stata dedicata a Kengo Kuma.

 

condividi :
Regali
31/07/2005
Case in legno
31/07/2005