ARCHITETTURA

Il consolidamento dei terreni

Spesso il problema statico delle case da ristrutturare risiede nel terreno che non ha più la capacitâ portante: il rimedio sta nel suo opportuno consolidamento, con tecniche mirate e all’avanguardia

Il cedimento di un muro, di un plinto o di un qualunque tipo di costruzione, evidenziato da lesioni, fessurazioni o abbassamenti, dipende spesso da un peggioramento delle caratteristiche geomeccaniche del terreno di fondazione. A sua volta ciò è il risultato di un complesso di elementi spesso difficilmente identificabili con precisione. In ogni caso, la soluzione proposta più di frequente consiste nell’intervenire sull’edificio o su parte di esso in modo tale da renderlo
adatto alle mutate condizioni del terreno. Perché non migliorare le caratteristiche del terreno, invece di modificare
la struttura che su di esso grava? La risposta è offerta da una tecnologia, coperta da brevetto europeo, che consente di aumentare la capacità portante del terreno in maniera sorprendentemente rapida ed efficace.
– In particolare, il metodo consiste nell’iniettare la speciale resina espandente Uretek Geoplus® nella zona in cui si manifestano maggiormente le tensioni indotte dal carico soprastante, il cosiddetto bulbo di pressione. La resina è inizialmente allo stato liquido ed è iniettata sotto l’area ceduta attraverso fori di circa 20 mm di diametro praticati direttamente nella fondazione o nelle immediate vicinanze.

– Quasi istantaneamente, la resina Uretek Geoplus®, con una forza di espansione che può arrivare a 100 Kg/cm2, si
espande di molte volte rispetto al volume iniziale dirigendosi verso le zone a minore resistenza. Una volta addensato e compresso il terreno circostante, l’espansione della resina avviene in direzione verticale provocando un inizio di sollevamento della struttura soprastante.
– Il sollevamento, misurato da un livello laser, non è generalmente lo scopo dell’intervento, ma testimonia l’avvenuto
incremento della capacità portante del terreno, in quanto la forza espansiva della resina non può sfogarsi ulteriormente sul terreno di fondazione, ma è costretta a rivolgersi nella direzione di minore resistenza che è, appunto, verso l’alto.
– Uretek Geoplus è la prima resina espandente progettata esclusivamente per le iniezioni in profondità del metodo
Uretek Deep Injections ed è stata studiata in collaborazione con l’Università di Padova.
– I vantaggi di questa tecnologia sono molteplici: se da un lato il lavoro di consolidamento non richiede i consueti
lunghi e dispendiosi interventi di muratura, d’altro canto offre le medesime, se non migliori, garanzie di stabilità
e durata.
– Il metodo Uretek Deep Injections® si presenta anche come soluzione ideale in tutti quei casi, come le ristrutturazioni,
in cui è richiesto un incremento della portanza del terreno di fondazione benchè non si sia ancora manifestato un cedimento.

condividi :
Nella catechesi all’aperto, il senso dell’ascesa
26/07/2006
Stufe artistiche
14/09/2005