ARCHITETTURA FARE PENSARE

Il camino scultura

Open space con vista sul fuoco

Progetto: Federico Colombo e Simone Ferrari, architetti
Camino: Hétérofocus di Focus, distribuito da Celsius Italia
Località: Milano
Art Direction: Maria Galati
Foto: Athos Lecce

La ricerca di uno spazio abitativo fluido e continuo è l’obiettivo principale di questa ristrutturazione che ha trasformato un antico magazzino per il commercio dei vini, in un loft, per un giovane manager che ama trasformare la casa in un luogo di incontro e ritrovo con gli amici. L’idea di compenetrazione dei volumi è ottenuta attraverso piccoli accenti di colore degli arredi o di alcuni elementi, l’accostamento di diversi materiali, come la parete in mattoni che ridisegnano lo spazio nei confini dell’involucro murario, preesistente, interpretato come una candida scatola neutra. Gli spazi aperti sono così, pieni di luce, di colore e di calore grazie al maestoso camino in acciaio grezzo e cerato, assoluto protagonista dell’ambiente giorno.

Varcato l’ingresso, il percorso domestico conduce direttamente al fulcro della casa: l’area living composta da soggiorno, pranzo e dal volume della cucina a vista, ben definita nel disegno geometrico. L’arredamento punteggiato dai vivaci colori di alcuni elementi accosta a inediti pezzi etnici componenti moderni; l’effetto è quello di un paesaggio domestico in continua evoluzione.

“Il fuoco è cambiato definitivamente. Questo figlio del vento e della notte, questo narratore di storie da ascoltare e da vedere, d’ora in avanti si rifiuta di essere rinchiuso (…) e noi abbiamo voluto accogliere questo figliol prodigo quale ospite d’onore, quale vecchio complice, quale amico di vecchia data il cui posto è con noi. Sospendendo i nostri camini
ai soffitti, facendoli uscire dai muri, considerandoli come vere sculture, noi abbiamo collocato il fuoco nella nostra intimità. E la nostra amicizia per il fuoco ci ha naturalmente indotti a creare delle forme lontane dai modelli effimeri, a unire la modernità del disegno alla tradizione del focolare, a concepire delle geometrie semplici e rigorose che si sono
animate da sé di vita e di passione”. Queste parole illustrano la filosofia progettuale dello scultore Dominique Imbert creatore delle straordinarie linee dei camini Focus, distribuiti da Celsius Italia. Opere che fondono insieme arte, artigianato ed architettura come il modello Hétérofocus, espressione scultorea numerata e firmata, realizzato in acciaio grezzo e cerato con le saldature a vista e spessore di 2,5 e 3 mm. Il condotto dei fumi in acciaio è realizzato su misura in modo da consentire l’adattamento e il raccordo alla canna fumaria esistente. Lo sportello chiuso o aperto offre garanzie di buon funzionamento ed elevato rendimento. É disponibile con focolare sinistro o destro.

MODELLO: Antefocus
PRODOTTO DA: Focus
DISTRIBUITO DA: Celsius Italia, Lecco
CARATTERISTICHE: è il primo camino sospeso realizzato da Dominique Imbert per uso personale. Oggi, trentasei anni dopo la sua creazione viene completamente riprodotto a mano, con saldature a vista e finiture cerate. La grande bocca a tutta apertura del focolare (1.95 cm) offre lo spettacolo della fiamma, contiene anche legna molto lunga e offre una forte potenza riscaldante. È fissato alla parete con una semplice piastra di sostegno mentre l’esecuzione su misura del condotto dei fumi e di eventuali elementi d’adattamento, permettono di ridurre la posa in opera ad un semplice montaggio meccanico.
MODELLO: Omégafocus
PRODOTTO DA: Focus
DISTRIBUITO DA: Celsius Italia, Lecco
CARATTERISTICHE: tutte le facciate in acciaio cerato sono numerate, realizzate e firmate Dominique Imbert. Il focolare in acciaio con interno in mattoni refrattari resistenti a 1300°C. Un telaio assicura l’isolamento del camino dalla muratura. É disponibile in due versioni: facciata apribile con focolare aperto o con sportello interno in vetroceramico scorrevole verticalmente con apertura ad anta. La facciata può essere realizzata su misura e fornita indipendentemente dal camino.

condividi :
Il tetto: fonte di energia
31/01/2014
Bioarchitettura
10/10/2005