ARCHITETTURA FARE

Il camino scultura

Il camino scultura
Urano Palma è stato uno dei primi a trasferire nella quotidianità le sue opere d’arte. Non sono infatti oggetti avulsi dall’ambiente, come in un museo, ma fanno parte dell’arredamento stesso ed hanno una loro utilità, sempre, comunque, tinta da un pizzico di ironia. Il legno, tarlato macroscopicamente da lui, in polemica con i piccoli fori dei tarli, spesso provocati artificialmente per “rendere autentici” i mobili d’epoca, appare in molte delle sue creazioni. Dai Troni, ai grandi tavoli quadrati che possono diventare letti matrimoniali, al Pensatoio, sorta di comoda per bagni di lusso. Subito riconoscibili sono le sue cornici di camino che acquistano l’imponenza di esotici totem, di sculture simboliche che, proprio perché racchiudono all’interno il fuoco, diventano elemento catalizzatore dell’attenzione. L’idea di usare il legno duro per la cornice viene da un’antica tradizione povera contadina. L’artista ha voluto rinnovarne l’usanza ormai disueta per dare più forza e carattere alla piccola casa nel bosco. Non solo ha trattato il legno con la sua caratteristica tarlatura ma ha voluto creare una ulteriore cornice alla cornice stessa del camino: ha voluto scolpire anche la parete retrostante in Medium Density.

I materiali
In tutto l’arco della sua carriera artistica, Urano Palma ha sempre privilegiato materiali naturali. Quando era bambino, racconta, bigiava la scuola per passare ore nell’antro bottega di un falegname ed era felice quando poteva toccare, se non lavorare, i suoi pezzi di legno. Una passione, quella di maneggiare il legno, che l’ha accompagnato sempre nella sua vita artistica, anche se ora a volte usa altri materiali, scelti a seconda delle situazioni ambientali e dei gusti dei committenti. Ma visto che per lui la natura è il più grande motivo ispiratore, “maestro sublime di tutto”, se abbandona temporaneamente i suoi legni, è per ricorrere a terracotta, a pietra o alla ghisa, materiale povero utilizzato molto un tempo nelle cascine, perché, cuocendo a 800° richiede una sola colata, realizzata con un gesto antico e semplice. Mentre le cornici dei suoi famosi camini sono per lo più create in legno o in terracotta, riserva la ghisa per le sue bellissime stufe scultura.

 

condividi :
Il loft
08/05/2006
Un ‘900 da ritrovare e conservare
14/11/2007