ARCHITETTURA FARE PENSARE

Il caldo naturale che arreda

Arte, funzione e benessere della stufa

Ermanno Vandini titolare dell’omonima azienda, associata e referente nazionale dell’ANFUS (Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini) e aderente ai programmi formativi FUSPA (Scuola di Formazione e Aggiornamento per Spazzacamini e Fumisti) svela i segreti delle stufe radianti ad alta efficienza: “dal punto di vista architettonico, sia per forma sia per colore, la stufa radiante è adattabile allo stile di qualunque ambiente interno e costituisce una scelta fisiologicamente sana, energeticamente molto efficiente ed ecologicamente consigliata, che risponde a tutti i requisiti richiesti per un buon impianto di riscaldamento (compreso un impiego semplice ed economico), soddisfacendo anche le esigenze di un riscaldamento primario.

Il calore prodotto da una stufa di questo tipo addossata alla parete è dato all’ambiente soprattutto per irraggiamento, ma quando essa ha tutti i lati liberi e la possibilità di irradiare il calore liberamente, esegue il compito di un’irradiazione ottimale che procura benessere tramite calore e riduce al minimo i movimenti d’aria e la circolazione della polvere. La stufa piena è realizzata essenzialmente in muratura (con pietre, mattoni o refrattario) e intonacata a calce oppure rivestita in piastrelle di maiolica. Poiché il fuoco brucia direttamente nella camera di combustione a contatto diretto con la base della camera di fuoco, si produce calore anche sulla superficie di base: dunque è consigliabile montare la stufa staccata da terra (su un basamento in muratura o su ‘piedini’) con aperture per la circolazione dell’aria, in modo da irradiare liberamente anche verso il basso. All’interno, il maestro Fumista crea sapienti percorsi obbligati (giri di fumo) attraverso i quali il fumo è costretto a circolare in volute che attraversano la stufa e consentono la massima dispersione di calore; un tubo di collegamento infine collega la stufa alla canna fumaria”.

Nella sua infinita varietà di forme e colorazioni, oggi la stufa in maiolica non rappresenta solo un sistema di riscaldamento ma è anche un prezioso elemento d’arredo. E’ possibile spaziare in innumerevoli interpretazioni funzionali e ornamentali di grande successo come dimostrano i modelli presentati in questa pagina realizzati con grande successo da Ermanno Vandini.

Dimensioni e realizzazione su misura

Le misure della stufa variano in base al calcolo del fabbisogno di calore. Essa può essere utilizzata per riscaldare un solo ambiente oppure può essere costruita a cavallo di una parete divisoria (addossata ad essa dalle due parti, mentre all’interno costituisce una struttura unica) anche per più vani. I materiali esterni e l’argilla refrattaria, usata
per la costruzione interna, accumulano il calore per poi emanarlo lentamente e trasmetterlo per irraggiamento all’ambiente. La costruzione interna dipende dal tiraggio della canna fumaria a disposizione. Un giusto dimensionamento darà luogo a una buona combustione, un efficiente sfruttamento del calore nei giri di fumo, una distribuzione uniforme del riscaldamento.

La grande stufa in maiolica riproduce un modello antico a motivi floreali e figure rappresentanti le quattro stagioni è armoniosamente inserita sotto la scala d’accesso alla zona notte. La panca giro stufa ha un lato adibito al riposo, infatti è più larga sulla sinistra per permettere di potersi stendere completamente. Progetto e realizzazione “Osta i tuttolegno”. Foto: F. Gini.

Ogni installazione è personalizzata all’ambiente dove deve essere collocata, infatti, attraverso un sopraluogo il Maestro fumista controlla tutti i parametri progettuali (calcolo del fabbisogno termico, posizione della canna fumaria o studio per la realizzazione ex-novo) calcola le necessità termiche e realizza il progetto esecutivo curando tutti gli aspetti in relazione all’ambiente e alla volumetria da riscaldare dalla camera di combustione ai giri di fumo. Una volta calcolato il fabbisogno di calore e la forma, con un programma specifico Ermanno Vandini, visualizza a computer il progetto e mostra ai clienti l’inserimento della stufa nel loro contesto domestico.

La bellezza dei materiali :il legno

Il fascino del legno acquista sempre più rilevanza col passare del tempo, dato che il legno è materia viva che con gli anni si carica di valori e di espressività, di patine preziose e di profumi intensi, di superfici vellutate e di venature marcate, anche se talvolta il tempo può anche intaccarlo e i suoi nemici naturali, insetti xilofagi e muffe, ne possono
danneggiare le fibre. La Trentina recupera il legno antico (larice, rovere, abete, olmo) selezionando gli antichi masi in demolizione da cui recuperarlo, per poi restaurarlo attraverso le abili mani di artigiani della pazienza certosina

che mettono a frutto anni di studio e di esperienza nella conoscenza delle più scrupolose tecniche di lavorazione
e li trasformano poi in pavimenti, mobili e oggetti d’arredamento. Così nascono solidi pavimenti a tre strati, spazzolati e piallati a mano, trattati con olii e cere, per ridare al legno antico nuova vita, in un nuovo ambiente, testimone silenzioso dei tempi passati. Esperienza e competenza anche per i materiali nuovi e realizzazioni su misura.
Fedele alla tradizione questa baita di montagna,
conserva la stanza della ‘stua’ completamente
foderata dalla boiserie con la stufa ad angolo,
realizzata in muratura a intonaco spatolato e
ingabbiata nella tradizionale struttura lignea formante
panca laterale e sopra, un giaciglio su cui
è posto il materasso per dormire al caldo nelle
fredde notti invernali.

Scheda di qualità: S 60

MODELLO: S 60
PRODOTTO DA: Rizzoli, Cavalese (TN)
MATERIALI: la camera di combustione è completamente rivestita con mattoni refrattari, mentre la piastra radiante è in acciaio; questa combinazione garantisce la massima efficienza di funzionamento apprezzabile nella riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti.
FINITURE ESTERNE: la S 60 riserva infinite possibilità di scelta, ad esempio, la versione verniciata è disponibile in cinque diversi colori oltre alla versione in acciaio inox, in più, a richiesta, si possono avere colorazioni personalizzate. La versione Dekor è impreziosita dagli inserti in ceramica sul frontale e sui fianchi anche questi in diversi colori e materiali. Il corrimano è di serie sul frontale e a richiesta può essere esteso anche ai fianchi.
CARATTERISTICHE: il nuovo modello S 60, ideale per chi ama le linee essenziali, la semplicità e la comodità
d’uso, è disponibile in due versioni con forno (S 60 CF) e senza forno (S 60 SF). Nel primo caso, in soli 60 cm la Rizzoli ha ricavato sotto il focolare un forno di ben 35 cm di larghezza, ideale per la cottura di qualsiasi
pietanza. Il modello senza forno offre un elevato volume della camera di combustione per una migliore autonomia e comodità di carica. In entrambi i casi le porte fuoco sono realizzate con uno speciale dispositivo che permette la pulizia del vetro in automatico durante il funzionamento. In questo modo è garantita costantemente una perfetta visione del fuoco. La versatilità delle nuove cucine Rizzoli è accentuata dalla predisposizione dell’uscita fumi in quattro posizioni diverse, disponibile di serie contemporaneamente a destra e a sinistra sia sopra che dietro; allo
stesso modo anche il verso d’apertura della porta fuoco può essere facilmente modificato dall’utilizzatore.

Le competenze dello specialista

Per realizzare una stufa in maiolica sono richieste grandi capacità creative e altamente specialistiche proprio perché essa è sempre costruita in relazione all’ambiente e ai gusti di chi la ordina. Deve rispondere sia alle esigenze del riscaldamento che a quelle dell’arredo e rappresenta pertanto un’opera d’arte, unica e irripetibile. Protagonista di questi caratteristici manufatti è il fumista, una figura artigianale che in passato era associata ad un non meglio identificato specialista d’oltralpe, soprattutto austriaco, ma che oggi è caratterizzata da un’intraprendenza e vitalità tutta italiana.

Personalità spiccata e carattere inconfondibile: ecco le caratteristiche
delle stufe Qmax, manufatti di elevata qualità.

Qmax realizza stufe in muratura non solo nelle nuove costruzioni ma anche nelle ristrutturazioni edilizie. Il cliente di Qmax è una persona che ha un forte legame con la natura, una persona dotata di gusto artistico che intende crearsi un angolo della casa in cui trovare calore, intimità, tranquillità: il focolare ritorna ad essere il punto di incontro all’interno della casa.

condividi :
Modern Design – Miti anni ’60
07/05/2008
UN SOTTOTETTO RECUPERATO
06/09/2005