ARCHITETTURA FARE

Grande resa

Sempre più persone, visti anche i crescenti costi del riscaldamento domestico, sentono la necessità di ritornare a quella fonte d’energia, realmente rinnovabile, che ci viene direttamente dalla natura: il legno. Quarant’anni d’esperienza nel settore termotecnico sono la garanzia che la Berton offre per la scelta di un prodotto moderno e tecnologicamente
funzionale. La cucina termica Berton può lavorare integrando l’impianto termico già esistente oppure riscaldare da sola tutta la casa collegandola all’impianto centralizzato. Con l’aggiunta di un boiler, inoltre, può produrre tutta l’acqua calda
desiderata. La cucina termica Berton è prodotta in due serie: con forno e senza forno. I modelli sono quattro: CT60 (unico modello senza forno, da 18/25.000 Kcal/h, larghezza 60cm), CTF90 (unico modello con rese caloriche da 10/15.000 Kcal/h, larghezza 90cm), CTF100 (da 18/25.000 Kcal/h, larghezza 100cm), CTF110 (da 18/25.000 Kcal/h, larghezza 110cm).
Secondo la necessità è possibile variare la potenzialità dello scambiatore, grazie al sistema di sollevamento della griglia.

La razionalità del funzionamento è data dalla possibilità di inserire o disinserire il forno, dall’ausilio di un regolatore di tiraggio automatico per l’aria comburente, da un termostato anticondensa per la pompa di circolazione impianto e da un termometro per il controllo della temperatura dell’acqua in caldaia. La piastra radiante è in ghisa di grosso spessore
e il forno è completo di luce interna. A richiesta, in tutte le versioni, lo scambiatore può essere in acciaio inox refrattario.
Nello scambiatore, inoltre, può essere inserita un serpentino d’emergenza in rame che, collegata ad uno scarico di sicurezza termico, evita l’eventuale ebollizione dell’acqua dell’impianto. Esteticamente le cucine termiche Berton si prestano a svariate soluzioni).

condividi :
Un ponte a più dimensioni. Sul Po presso Cremona: il più lungo in Italia, verso un’oasi naturale protetta
23/02/2010
La piscina
25/05/2006